L’ELOGIO AL CAGAR

a cura di Cornelio Galas

elogio-al-cagar-001

Camillo Nalin (Venezia, 1789 – Venezia, 1851) è stato un poeta italiano dell’Ottocento. Poeta veneto dialettale, a suo tempo fece molto scalpore con il suo elogio poetico, per cui è maggiormente conosciuto, intitolato “Elogio al cagar. Elogio ala scoresa”. Ai giorni nostri è arrivata solo un’altra opera, meno nota, “Pronostici e versi”.

ELOGIO AL CAGAR

ddd

Atenti, le suplico,
che voi se gh’è caso
andar un fiĂ  a pascolo
sul monte Parnaso.

Materia vastissima
za trita e ritrita,
che a grandi e che a picoli
conserva la vita.

Me spiego: in vernacolo
mi vogio tratar
sul gusto magnifico
sul don del cagar.

Cercando convinserle
che in ogni dileto
che vol la so mercore
par essar completo.

Za so securissimo
de aver el consenso
e che tuti me plauda
ch’ i ga del bonsenso,

E chi che la mastega,
ossia ga talento,
convinti sul merito
che ga l’argomento,

Dal mio breve esordio
metendose a l’erta
co gusto scoltandome
i sta a boca averta.

Le sa che de gustibus
no bia disputar:
che elogio fa al mastego,
e chi esalta el cagar!

Xe sempre dei omeni
diverso el progeto:
chi loda la causa
e chi invessi l’efeto.

E mi co sti ultimi
me unisso, parchè
so certo, se esamino,
che al mondo no ghè

Nè xe presumibile
se possa mai dar
un gusto piĂą classico
de quel del cagar:

Un gusto, disendola,
che fa che se viva
che solo la morte de tornelo
la ga la esclusiva.

Sì!: ela xe l’unica,
nè altri ghe xe,
che diga a un preterito:
no voi che caghè.

Nissun nissunissimo,
par quanto el sia bulo
el pol far da despota
sul buso del culo!

Nissun pol oponarse
che in casa o che in strada
el fassa la so scarega
co la l’è masorada!

Ma data l’ipotesi
che sensa cagar
sia mas-ci che femane
podesse campar,

Nissun volontario,
so quĂ  e ghe scometo,
nissun la renunzia
faria a sto dileto:

Che xe inarivabile,
che vien tanto spesso,
che ga dei finomeni
soto ogni riflesso.

Le feste piĂą splendide,
i ciassi piĂą bei,
xe cosse ridicole,
xe afar da putei.

El balo, la musica
teatri, casini,
far corrar la bestia:
xe gusti meschini;

El godar le mascare,
zirar par la piazza
vestrir da lustrissimi,
andar a la cazza:

El far de le vincite,
l’aver bezzi assae,
el vedar le femene
de vĂą inamorae,

Le cariche, i titoli,
no cava, ve zuro,
se andè a rifletendoghe
un ragno dal muro.

E mi ve lo replico,
so pronto a provar,
che gnente no supera
el ben del cagar.

Che alfin tuti termina
i gusti a sto mondo
in lagreme solide
dal buso del tondo.

E che done e omeni,
chi poco chi tropo,
co ben se considera,
contempla sto scopo.

Se veste na munega:
se fa dei bancheti;
ghe xe un sposalisio:
se magna i confeti;

Finisse la fabrica:
se fa tratamento,
se nomena el paroco:
se magna par sento;

Se vinse la cusa:
e, tope, el disnar,
la prole va capita:
se pensa a magnar.

Magnar che se masora
in te le buele,
magnar che po senera
i monghi e le ghele.

La merda xe el colige
de tuti i festini,
in merda se cambia
le torte e i bodini;

Va sta in tel cantaro
le dindie, i caponi,
le cape, le ostreghe,
i sgombri e i sturioni,

E co metamorfosi
finisse in quel liogo
le cure dotissime
del piĂą bravo cogo.

Nè par necessario,
rispeto a sto punto,
che co esempio pratico
ve prova l’assunto,

Che sa no ghe xe dubio:
quel che ancuo magnè
doman, duro o tenaro,
par sbrio lo caghè.

Se dunque da secoli
gavemo l’usanza
de qual sia la causa
sgionfarse la pansa,

E se lege fisica,
mediante fermento,
el cibo manipola,
reduse in escremento;

Xe cossa infalibile
no l’è un pregiudizio
che tuto ga termine
nel far quel servizio;

Nè festa nè bagolo
se pol dir fegnio
se quel che se spapola
no vien digerio:

E se dal preterito
la roba magnada,
o solida o tenara,
no xe scaregada,

ProvĂ  co sta logica
che ogni dileto
se merda no’l genera
no l’è mai completo.

Nissun pol negarmelo
che ’l don del cagar
el gusto piĂą celebre
se deve ciamar.

El don che, benefica,
a tuti assicura
sin l’ultimo anelito
la madre natutra.

Che se qualche stolido
volesse azardar
de tor in ridicolo
el me razonar,

Se qulche petegolo
dotĂ  de imprudenza,
fasesse la critica
a tanta eloquenza,

A sto visdemarmara,
a sto insulso pedante,
sta testa da selega,
sto vero ignorante,

Col cuor ghe desidaro
che prima de sera
el buso infamissimo
del cul se ghe sera,

Nè che’l trova fisici
capaci in alora,
par quanto che i furega
de averzerlo ancora,

Sinchè circondandoghe
i fetidi umori
el crepa da martire
in meso ai dolori:

Novelo Tiberio,
che un regno imponendo,
l’è morto fra i spasemi
cagar no podendo.

El mondo xe infalibile,
el mondo xe belo
parchè ognun vario
gavemo el servelo.

E tuti, credemelo,
insina da Adamo
chi grando, chi picolo
ga un poco de ramo,

Se mi fusse scapolo
faria veramente
che muta, ch’estatega
restasse la zente;

De comode de cantari
de quei da carteo
voria in modo armonico
fodrarme el tineo,

Che fusse in ogn’ angolo
quĂ  e lĂ  sparpagnai
dei stronsi grandissimi
par forsa cagai,

E merde col crostolo
de picole de grande
o dure, de tenare,

da tute le bande,

Molae da preteriti
i piĂą risercai
de done, de omeni
de cani, de gati

De cavre, de piegore
de mussi, de tori
che dasse spetacolo
de tuti i colori.

E po a la me tavola
vorave invitar
la zente, obligandola
lĂ  dentro a cagar:

El culo netandose
indove che i vol:
o in la tovagia,
o in tel tovagiol!

Col pato inviolabile
che se i magna a maca,
sia d’ogni so dialogo
sogeta la caca.

Voria ne le camare
atorno dei muri
a modo piramide
i stronsi piĂą duri.

E sora dei mobili,
in te le cassele,
fornie col so crostolo
le merde piĂą bele;

Vorave nel portego
la mercore a sguasso:
coverto de petole
vorave el tarasso;

E a taco del comodo
dabasso in latrina
smerdada col scogolo
voria la cusina.

Talchè ne la caneva
insin la sofita
coresse perpetua
l’essensa gradita.

Oh! gusto dolcissimo
più assae de l’amar!
Oh! cari quei premiti
forieri al cagar!

Mi posso asserirvelo
per cossa sicura,
el xe el ben massimo
che da la natura;

L’è ’l solo, l’è unico
solevo ai mortai
che sia inseparabile
dai beni e dai mai,

L’è un ben che xe proprio
dei bei, dei bruti,
dei richi, dei povari,
l’è un gusto de tuti!

Un dì discorendola
co vari signori,
dei quai bon numaro
i gera dotori,

Da un medeco fisico
a dir go sentìo
che va fora l’anema
dal bus del dadrio:

Mi za so incredulo
dei gran leterati,
parchè i casca in buzare,
i xe mezi mati;

Ma se mai gavessimo
cussì da finir,
che gusto, me imagino,
cagando morir!

La vita dei omeni
sarave in sto caso
ridota longhissima
a forsa de naso,

E quei che ga el pregio
de averlo assae grando
i saria sicurissimi
de no sta mai de bando.

Ghe xe in sto elogio,
o ben o mal,
o granda o picola,
la so moral:

Ma vista l’indole
de l’argomento
mi de catarghela
no me cimento,

Ateso el genere
de la materia,
par cui l’analese
xe tropo seria,

Nè torghe el merito
voria in sto caso
a tanti chimici
che ga bon naso.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento