Le foto dei morti

Le foto dei morti

di Cornelio Galas

Par che tuti i vàrda propri tì,
subit nà denter pestando gerìm,
no i dìs gnent ma se ‘l capìs
che se i parléssa sarìa la fìm.

 

Lòri i la sa, adés, la verità,
quel che suzĂ©de, co l’ultim fiĂ ,
ma ghe toca tĂ ser, star fermi
se no, se sa, i farìa ‘n pecĂ .

 

I è tuti en pòsa, en quele foto,
el vestì nòf, i so cavéi a ùm,
zerti sbiadidi, altri colorĂ i
tacĂ i a lapidi, su cros vergum.

 

Gh’è quei che ride, altri de mem
gh’è vèci, zoveni, anca picinini,
la mort l’è come en fèr da segĂ r,
chi ciĂ po ciĂ po, no scampa i fini.

 

Se varda ‘l zèl, po’ subit en tera,
ma come avrĂ i fat a nar su alt?
Te pensi a quando i l’ha messi zo
e sarìa stà propri en bel salt.

 

Nel vegnìr fòrà da quel zimitèri,
ogni tant me vardo però endrìo,
no se sa mai, come diseva el Cristo
che i vegna su, come ‘l fiol de Dio.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento