Le bosìe

Ah le bosìe … Som fiol de ‘n marangòm. Mi son vegnù su en mez ale bosie. Quele fate bele, liscie, una diversa da l’altra. Quele che par che le se somìlia … perché fate, una ala volta, da la stessa mam, cola stessa anda del scaiaròl. Ghè quele picoline, sbaràe fora dal diaoelèt, quele che finis come sdìnze o moschiòi drite denter i oci. Quele pu grande che pol anca far mal. E quele de fer, spacae su dal trapem.  Co la ponta de diamante. Dure, zidiòse pu che mai, fim che no te le neti su. Le bosie, quando le è tante, te le desmènteghe da per tut.

Eco alora che en dì maledeto, te te le trovi nele mudande, a volte anca nel cul. Par che le gabia, zamai le ale. Na volta molae le sgola libere, senza paron. Se no te le bini ensema en temp, l’è lore che sul pu bel, le finis per comandar.

Te l’ho dit, demò, no le è tute gualìve. Ghè quele che fa anca del bem. Le sconde verità da no dir, no adès.  Le trà envanti quel che suzederà. Le fa sghiramèle, en sto mondo strano, fat pu de robe dite che de quel che se sa. Ghè anca bosìe che lassa el dolz. E quele che dopo le sa de amar. Bosìe che sciopa en mez al foch e quele che scalda senza far cias.

Ma l’è da quando, come le scimie, ne sem alzài sui nòssi pèi che omini done e anca mateloti no ghe la fem a parlar mèi. Dovèm per forza tacarghe qualcòs, come fa con quel lùz da tre chili, el solito pescadòr. No ghe la fem, gnanca col prete, a dir pam, vim e no saltamartìm. Sem màssa ciapài a pensar a noialtri, bom quel che vei, no quel che podria nar.

Ma se vardèssem nela fornèla, quando tut ha finì de sciopetàr, ah lì sì no ghè pu bosìe, sol tanta zèndro zamài da butàr.  


un-falegname-con-una-pialla-e-legno-trucioli-in-officina-300x225
IL VIDEO

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.