L’aqua la bagna, ‘l càlt el scòta, ‘l vènt el suga

di Cornelio Galas

L’è da giùgni che meto su ogni dì cosa féva el temp dal domìli ‘n su. E se capìs, da ste tabèle, che dir che d’istà fà calt l’è come nar a proporghe ala Marangoni de Roveredo el brevèt dele ròe co le gòme. O capìr che l’aqua la bagna, che ‘l sòl el scòta, che ‘l vent el suga e la tomèsta la sbrugna i pomi ma anca el cuèrt de la machina.

Vol dir che no è cambià gnent? Sì, soratùt nel far qualcòs che ‘l pòda vegnìr bom contro quel che i ghe ciàma el “bòi bói” del mondo. Ma anca, me par, nel modo de parlar del temp (che l’è semper brut quando no ‘l ne piàs) o de fàrse maravéa che dopo gran calori magari ‘l tompèsta, dal zèl vèi zò pali de fer, e se mìza tut quant e vèi zò frane.

L’è véra, el temp, el cul e i siori i fa semper quel che i vòl lori. Soratùt quei che parla en televisiom o scrive sui giornai de ste robe. Anca se no i è forsi tant pù sióri dei sióri … E tut mal, per dir, quando i dìs che l’Italia l’è taiàda en doi dal temp, fé come mi, telefonè a qualchedum che abita propri en méz. En me amico che laòra al casèl de l’autostrada del Sol, giust ieri el m’ha rispondù: “Varda che i te conta monàe. Mi vedo che chi i và endrìo e ‘nvanti come semper, semài l’è dale vòsse bande, lèzo, che i pònti i se tàia de colp de travèrs …”.

Ah, i artìcoi chi de soto no ì è de ancòi (difati tanti no i è a colori) ma giust de quatòrdese ani endrìo.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.