TRA L’ALGIERI E ‘L DOMAM

Tra l’algiĂ©ri e ‘l domĂ m

di Cornelio Galas

Come tòchi de vèder, ‘ngiotìdi per sbĂ i
e che spónze adés che te i ribùti fòra;
e con gran dolori dent per tuti quei tĂ i
star lì, atenti, a no far pù dani ancora.

L’è pensĂ©ri che se mìscia, tanti gazèri
ricordi bruti, bèi e tanti remenaménti
gnent de gualìf, tra l’ancòi e l’algiĂ©ri
che l’è come zernìr n’ucia tra formĂ©nti.

La va la nòsa vita, semper pù en prèssa
entant che se se vòlta, è arivà zà domàm
la pacièca sui òci la deventa pù spéssa
sì a volte te volerési propri en sugamàm.

Serve difàti qualcós, per netàr el grép
per vardar meio endrìo, soratùt envànti
per no star lì, stormenì da quel slèp…
che se no te ciapi, e senza anca guanti.

No serve far finta, de no averlo ciapĂ 
quel colp che te manda endrìo de schéna
perché zamai te ricordi quando to papà
dopo ‘l te mandeva a paiĂłm senza zĂ©na.

Alora te zerchi de darte na bèla mòssa
de no star lì ‘nsemenì senza far gnent
ìe, te disi, ìe che sul cĂ r l’è grossa
quel che vita ghe ciama tuta la to zènt.

Guai a ‘nmuciĂ rse, magari’n d’en cantĂłm
lassa perder tut quel che te dà stremìe
no serve gnanca, crédeme, en gran balóm
che dopo te risc’i de veder tante strìe.

Te sei vìf, come tanti che che te vedi
el còr el bate e te riĂ©si star ‘n pè…
vardete ‘ntorno, no l’è ora che te zĂ©di
e gnanca che te mòli per restar endré.

VegnirĂ  anca domam ‘l sol su sta valĂ da
anca se piove, se ‘l sa, dove l’è mĂ©s…
e se no te podrĂ i darghe l’ultima ociada
da qualche altra banda t’el vedrĂ i istĂ©s.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento