“LAGER” PER EBREI IN ITALIA – 8

a cura di Cornelio Galas

La partecipazione di persone di origine ebraica all’interno della Resistenza italiana √® un¬†fenomeno ormai noto. Meno approfondito da parte della storiografia √®, invece, il discorso¬†riguardante l’attivit√† dei partigiani nei confronti della persecuzione degli ebrei a Sal√≤ e nella¬†parte d’Italia occupata dai tedeschi.

Sebbene le notizie di ci√≤ che avveniva nell’Europa¬†orientale a opera dei nazisti si stessero diffondendo ormai da qualche anno in molti¬†ambienti, persino tra alcuni ebrei che si impegnarono nella lotta resistenziale non vi era una¬†precisa coscienza delle conseguenze che potevano derivare dall’occupazione tedesca della¬†penisola e dai provvedimenti antiebraici presi dalla RSI.

A Luciana Nissim non aveva fatto¬†alcun effetto la scritta ‚ÄúAuschwitz‚ÄĚ presente sui vagoni del convoglio che la stava portando¬†verso quel campo di sterminio. Primo Levi, catturato durante un rastrellamento nazifascista¬†sui monti della Val d’Aosta, prefer√¨ dichiararsi ‚Äúebreo‚ÄĚ alle autorit√†, per paura delle¬†conseguenze che sarebbero derivate dall’essere scoperto ‚Äúribelle‚ÄĚ.

Nei suoi diari, Emanuele¬†Artom scriveva a proposito della differenza che intercorreva tra l’atteggiamento delle autorit√†¬†italiane e di quelle tedesche:

¬ęLa caccia agli ebrei riesce male [‚Ķ] Credo che Mussolini abbia¬†apposta fatto pubblicare sui giornali la minaccia di provvedimenti antisemiti perch√© avessimo¬†tempo di prepararci a nasconderci¬Ľ.

Questa affermazione ci induce a pensare che in qualche¬†modo venisse sottovalutata la volont√† persecutrice di Sal√≤ e, di conseguenza, le misure prese¬†dal governo sull’internamento degli ebrei.

Osserva a questo proposito Liliana Picciotto¬†Fargion che le prime azioni tedesche nel nord d‚ÄôItalia non avevano destato particolari allarmi¬†nelle vittime della persecuzione, venute a conoscenza solo di poche notizie e, per di pi√Ļ,¬†contraddittorie.

Sicuramente erano circolate informazioni sulle pratiche naziste in Polonia e in Russia, ma queste vicende erano spesso considerate un’esperienza lontana e irripetibile nel territorio italiano, vista quella che era stata fino a quel momento la politica antiebraica del regime fascista.

Allo stesso tempo, per√≤, la consapevolezza che l’arrivo dei tedeschi in Italia¬†potesse radicalizzare la persecuzione fu presente fin da subito tra gli ambienti antifascisti.

Questa considerazione, in realt√†, prendeva le mosse da un punto di vista pi√Ļ generale: la¬†repressione nazifascista ora avrebbe colpito con violenza tutti coloro che erano stati schedati¬†dalle questure fasciste, oppositori politici, antifascisti e, quindi, anche ebrei.

Già i primi giorni di ottobre del 1943, ad esempio, un gruppo di antifascisti milanesi indirizzò un volantino ai funzionari e agli agenti di Pubblica sicurezza del capoluogo lombardo invitandoli a distruggere proprio questi elenchi:

Voi dovete impedire che le liste degli antifascisti, degli israeliti, archiviate nella questura cadano nelle mani degli hitleriani o dei fascisti. Voi dovete avvisare tempestivamente, in modo intelligente, gli italiani minacciati di arresto, aiutandoli a mettersi in salvo.

01-00074537000043 - 25 APRILE 1945 LA LIBERAZIONE - SECONDA GUERRA MONDIALE - PARTIGIANI IN MONTAGNA .

Alcune formazione partigiane denunciarono i provvedimenti antisemiti di Sal√≤ sulle pagine di¬†giornali clandestini, quali l’¬ęUnit√†¬Ľ, ¬ęl’Avanti¬Ľ e l’¬ęItalia libera¬Ľ. A partire dal dicembre¬†1943, altre bande partigiane, invece, si resero protagoniste di azioni che portarono alla¬†liberazione di ebrei arrestati o internati.

Il pi√Ļ delle volte, tuttavia, le incursioni nei campi di¬†concentramento o nelle carceri cittadine non avevano come obiettivo specifico soltanto le¬†persone di origine ebraica fermate dalla RSI, bens√¨ anche altre vittime di rastrellamenti¬†nazifascisti, come prigionieri politici, stranieri e antifascisti.

285_foto_711

Poche insomma sono le azioni¬†indirizzate esclusivamente a liberare gli ebrei internati nei campi provinciali. Una prima¬†incursione di ‚Äúribelli‚ÄĚ √® segnalata dalla Guardia Nazionale Repubblicana nella provincia di¬†Vercelli, il 30 dicembre 1943: questa port√≤ alla fuga di 10 ebrei internati in localit√†¬†Romagnano Sesia.

Alcune regioni della RSI, in particolar modo quelle di confine, erano¬†teatro di un’attivit√† partigiana molto intensa, denunciata dalle autorit√† locali. In Liguria si¬†contano numerosi attacchi di partigiani alle prigioni e ai campi di concentramento sorti in quel¬†territorio.

760

Nel gennaio 1944, il presidio locale della GNR comunicava al suo comando che¬†l’11 di quel mese era stata lanciata una bomba verso il campo provinciale di Spotorno, in¬†provincia di Savona: quella struttura ospitava da qualche settimana gli ebrei rastrellati nella¬†zona e i familiari dei renitenti alla leva.

Nell’estate del 1944 gli attacchi partigiani a queste¬†strutture si intensificarono, ma gli ebrei non erano pi√Ļ presenti al loro interno. A Calvari di¬†Chiavari, vicino Genova, gli ebrei rinchiusi nel campo provinciale erano stati trasferiti al¬†carcere milanese di San Vittore gi√† il 21 gennaio e poi aggiunti al convoglio che part√¨ da¬†Milano verso Auschwitz il 30.

9-musica-nei-lager

Il campo fu riadattato successivamente solo per internare¬†prigionieri politici italiani e stranieri: un’azione partigiana a met√† giugno del 1944 convinse le¬†autorit√† a inviare gli internati a Fossoli (poi deportati nel Reich) e a chiudere questa¬†struttura.

Per motivi analoghi, negli stessi mesi furono evacuati e chiusi i campi provinciali¬†di Celle Ligure e di Vallecrosia, rispettivamente in provincia di Savona e Imperia: nel¬†dicembre 1943 erano stati approntati come luoghi di raccolta degli ebrei arrestati dopo¬†l’ordinanza n. 5, i quali per√≤ vennero trasferiti a Fossoli ben prima dell’estate del 1944 e poi¬†deportati nell’Europa Orientale.

34050

Nella provincia di Parma, il campo provinciale di Scipione Salsomaggiore ospitava numerosi ebrei, insieme a cittadini stranieri, soprattutto di origine jugoslava, e a prigionieri politici. Qui le incursioni partigiane cominciarono dal marzo del 1944, quando ancora erano presenti in quella struttura moltissime persone di origine ebraica:

¬ęl‚Äô8 corrente in localit√† campestre di Salsomaggiore circa 80 banditi catturarono due¬†carabinieri che traducevano un internato politico al campo di concentramento di Castello¬†Scipione. I due militari furono costretti a seguire i ribelli e l‚Äô11 corrente furono rilasciati¬†incolumi¬Ľ.

46193

Tuttavia un vero e proprio attacco al campo fu sferrato soltanto nel settembre¬†del 1944, quando ormai la maggior parte degli ebrei era stata portata a Fossoli e gli internati¬†rimasti erano per lo pi√Ļ stranieri e politici: ¬ęil 3 corrente, alle ore 22, in Scipione di¬†Salsomaggiore un gruppo di fuori legge fatta irruzione in un campo di concentramento¬†disarmava gli agenti di PS di servizio e liberava gli internati¬Ľ.

A Scipione era presente, infatti, a quella data un solo ebreo. Marco Minardi narra inoltre la vicenda dell’internato ebreo turco Menache Haim, arrestato e rinchiuso al campo in provincia di Parma il 20 novembre 1943, successivamente liberato il 19 ottobre 1944 grazie a uno scambio di prigionieri: le autorità tedesche lo consegnarono ai partigiani in cambio della liberazione di alcuni militari germanici.

76525

Il pi√Ļ delle volte, dunque, i gruppi partigiani attaccarono luoghi dove non erano presenti solo¬†ebrei: spesso cio√® queste azioni avevano come obiettivo quello di liberare detenuti politici¬†arrestati e rinchiusi nelle carceri o nei campi.

In alcuni casi, per√≤, vi furono tentativi volti¬†esclusivamente a evitare la deportazione di persone di origine ebraica, destinate a finire a¬†Fossoli e nei convogli verso l’Europa orientale. Ma questi non ebbero sempre un esito¬†positivo.

alberodellamemoria

A Grosseto ad esempio, secondo una testimonianza raccolta, l’autista del pullman¬†che trasfer√¨ al campo modenese gli ebrei internati a Roccatederighi,¬†fece informare i partigiani operanti nelle zone dell‚ÄôAmiata che si sarebbe fermato in un punto adatto, simulando¬†un guasto dell‚Äôautobus con cui venivano trasportati i prigionieri.

Con grande coraggio si fermò nel punto da lui indicato, stette per un paio d’ore fermo ma nessuno venne a salvare gli ebrei ed il viaggio verso la morte proseguì.

brigata

Sempre in Toscana, Giorgio Nissim, nelle sue memorie, cita un tentativo di irruzione nel¬†campo provinciale di Bagni di Lucca: l’azione era stata programmata il 23 gennaio 1944 per¬†evitare la deportazione degli ebrei l√¨ rinchiusi, ma fall√¨ perch√© lo stesso giorno le autorit√†¬†tedesche prelevarono gli internati:

Venimmo dunque a sapere che le autorità locali avevano concentrato tutti gli ebrei, giovani, vecchi e bambini a Bagni di Lucca. Venimmo anche a sapere che per il momento erano sorvegliati da fascisti. Pensammo ad un colpo audace: volevamo, vestiti da tedeschi e armati di tutto punto, recarci con un camion al campo e togliere dalle grinfie dei fascisti tutti i profughi là concentrati.

cover1

Il colpo fu studiato in ogni particolare, sarei dovuto andare¬†io stesso con un abile autista e un giovane che bene conosceva il tedesco. Il piano era facile, sapevamo ormai per¬†triste pratica come ogni giorno i tedeschi arrivavano all’improvviso e senza far partecipi i fascisti delle loro¬†azioni, con schiamazzi e calci di fucile nel sedere facevano salire nei loro camion tutti i prigionieri¬†provvisoriamente consegnati alla sorveglianza fascista.

Col pieno del triste carico, partivano per ‚Äúdestinazione¬†ignota‚ÄĚ, quella dei campi di concentramento e di sterminio. Il progetto per il nostro colpo era gi√† ben avviato:¬†avevamo la persona disposta a fingere di fare agli ebrei sotto gli occhi dei fascisti quello che i tedeschi in realt√†¬†facevano davvero.

cover5

Avevamo trovato il camion che tenevamo nascosto e non avevamo nemmeno bisogno di¬†truccarlo perch√© molto spesso i tedeschi si servivano di camion italiani che dicevano di requisire ma che in¬†effetti rubavano ai proprietari; avevamo anche a disposizione una divisa tedesca e la promessa di averne altre due¬†per l’indomani.

Purtroppo il piano and√≤ in fumo perch√© l’indomani, proprio quando noi avremmo dovuto agire,¬†successe ci√≤ che non ci aspettavamo: di buon’ora giunse un vero camion di tedeschi che prelevarono tutti i¬†concentrati con gli esatti metodi da noi previsti e sopra descritti.

dddv

Senza dare nessuna soddisfazione alle autorità locali e ai sorveglianti fecero il loro triste carico e partirono prima per Carpi dove era in funzione un grande campo di concentramento italiano. Da là avviarono i prigionieri con vagoni piombati verso la Germania.

L’azione pi√Ļ conosciuta della Resistenza italiana interess√≤ nel maggio 1944 il campo di¬†concentramento di Servigliano, in provincia di Ascoli Piceno. L’ex campo n. 59 per prigionieri¬†di guerra era stato utilizzato dalle autorit√† italiane e tedesche per rinchiudervi numerosi¬†rastrellati nelle regioni vicine al fronte: ebrei dunque, ma anche detenuti politici e antifascisti,¬†civili stranieri e italiani sfollati.

doc-_persecuzione_degli_ebrei_2

Ancor prima di questa data, in realtà, il campo era stato già attaccato dai partigiani della zona:

giunge ora notizia che il 4 [marzo 1944] corrente alle ore 23,30 proveniente da Amandola giunse a Servigliano un treno requisito dai ribelli trasportante circa 100 elementi armati che discesero nell’abitato recandosi alla caserma della GNR per chiedere l’immediata scarcerazione dell’insegnante Willi Ventola, arrestato per ordine della questura.

maxresdefault

I ribelli desistettero dal loro proposito in seguito al netto rifiuto opposto dai militi. Successivamente i ribelli si posero alla ricerca del commissario del fascio Silvio Fonzi e non avendolo rintracciato fermarono il fratello Umberto Fonzi e altri due fascisti che condussero con loro.

Fra gli internati del campo di concentramento si sparse la voce che i ribelli li avrebbero liberati generando un trambusto del quale approfittarono per fuggire gli ebrei Guglielmo Breit e Ruth Kastellan. Il treno con i ribelli ripartì per Amandola verso le ore 1,30.

raccontidoltremare

Il 5 corrente alle ore 22,15 i ribelli ritornarono nel paese sempre con il treno a loro disposizione dove abbatterono la porta d’ingresso della caserma della GNR disarmando il sottoufficiale e due militi e asportando materiali di casermaggio, un apparecchio radio e un telefono.

Il comandante del distaccamento, aiutante Mandelli, venne catturato come ostaggio. Presentatisi quindi al campo di concentramento attaccarono con fuoco di armi automatiche e lancio di bombe a mano i 9 militari di servizio riducendoli all’impotenza e invitarono gli internati a darsi alla fuga ma costoro rifiutarono non sapendo dove rifugiarsi. 

soldati-ebrei-13

Compiuta l‚Äôaggressione i ribelli rilasciarono l‚Äôaiutante Mandelli e ripartirono con lo stesso treno verso¬†il luogo di provenienza. A Servigliano il commissario del Fascio Repubblicano √® da pi√Ļ giorni irreperibile.

L’attacco al campo di Servigliano effettuato nella primavera del 1944, invece, port√≤ alla¬†liberazione degli ebrei internati pochi giorni prima della loro deportazione nel nord Italia.

ssee

Questa operazione fu possibile anche grazie ai contatti tra i gruppi della Resistenza italiana operanti in zona e le formazioni militari alleate, che agevolarono il compito dei partigiani bombardando preventivamente il campo.

Una descrizione minuziosa dell’incursione di¬†maggio si trova all’interno della testimonianza di Haim Vito Volterra, ebreo, fondatore e¬†comandante del presidio del gruppo autonomo partigiano di Monte San Martino, sopra Ascoli¬†Piceno:

[‚Ķ] Nei primi giorni del maggio 1944, venne osservato un intensificato movimento del nemico nel fondo-valle,¬†in conseguenza dell’offensiva alleata sul Sangro.

ssxxc

Negli stessi giorni il presidio di Monte San Martino venne a sapere, per mezzo dei propri informatori, che il comando nazista della provincia di Ascoli Piceno si apprestava a trasferire, nei campi di sterminio in Europa Centrale, tutti gli ebrei internati a Servigliano.

√ą necessario ricordare¬†che la custodia del campo era affidata ai carabinieri, cio√® a un corpo arma di polizia che era poco contaminato¬†dall’ideologia nazifascista. Si deve ai carabinieri se il trattamento degli internati non era cattivo.

Ricevuta la¬†notizia che gli internati sarebbero stati deportati, si provvide a informare immediatamente il comando di settore.¬†Con altrettanta rapidit√† la notizia venne radiotrasmessa ai comandi alleati nell’Italia meridionale.

locandina-giorno-della-memoria-537x350

Per conseguenza la sera precedente alla data fissata per la deportazione nei campi di sterminio, alcuni aeroplani alleati spezzonarono in picchiata il muro di cinta del campo di Servigliano, aprendovi una breccia.

Una formazione di partigiani si recò immediatamente sul luogo dello spezzonamento, rimosse i rottami dei reticolati e delle murature, allargò la breccia e organizzò febbrilmente la liberazione degli Ebrei internati. Alcuni carabinieri collaborarono con i partigiani […].

Ma si temeva che altri carabinieri del campo avrebbero tenuto un¬†atteggiamento ostile ed avrebbero ostacolato l’operazione, intervenendo direttamente o chiamando rinforzi.¬†Perci√≤ un altro reparto di partigiani, dopo aver provveduto a tagliare i cavi telefonici e telegrafici, assalt√≤ il corpo¬†di guardia del campo.

ose-3

La liberazione degli internati fu condotta a termine rapidamente. Rimasero nel campo di Servigliano solo pochi, che non vollero credere alla deportazione nei campi di sterminio e temettero di non trovare di che vivere fuori delle mura del campo. Gli ebrei liberati vennero presi in cura dai comitati provinciali di liberazione delle due province, Ascoli Piceno e Macerata.

A Servigliano, dunque, i partigiani riuscirono a liberare gli internati nel campo, tra i quali numerosi ebrei. Anzi, secondo la descrizione di Volterra, fu proprio per evitare loro la deportazione che la struttura fu attaccata.

La vicenda di Servigliano √® particolarmente¬†interessante perch√© vide la partecipazione non solo dei gruppi ‚Äúribelli‚ÄĚ della zona, ma anche e¬†soprattutto la collaborazione delle forze militari alleate. Anche altrove l’arrivo degli angloamericani¬†fu sfruttato per agevolare la fuga degli internati nelle carceri.

cg3yyr8wiaay56m

A Pisa, a seguito del bombardamento alleato del 20 giugno 1944, alcuni detenuti comuni costrinsero le guardie ad aprire le porte del carcere e facilitarono quindi la fuga, tra gli altri, di una trentina di ebrei livornesi e pisani.

Un episodio, meno noto ma particolarmente interessante, √® quello che riguard√≤ la provincia di¬†Perugia. Qui gli ebrei riuscirono a non finire nelle mani dei tedeschi per vari motivi e¬†coincidenze: da una parte le autorit√† locali, in primis capo provincia, questore e direttore del¬†campo, nei mesi che vanno da dicembre 1943 all’estate del 1944 non diedero seguito alle¬†richieste di consegna degli internati inoltrata dal comando della polizia germanica di zona.

insurrezione

Dall’altra, i partigiani seppero intervenire con prontezza nei giorni in cui era prossimo l’arrivo¬†degli anglo-americani e precedettero la violenta irruzione tedesca nel campo, portando cos√¨ in¬†salvo gli ebrei rinchiusi. Come gi√† descritto nel precedente paragrafo, il capo provincia di¬†Perugia aveva aperto un campo provinciale prima in quella citt√†, presso una scuola magistrale,¬†e aveva poi trasferito gli ebrei in una villa sull’Isola Maggiore del Trasimeno.

Il capo della¬†polizia e il comando tedesco disposero nell’aprile del 1944 l’invio degli internati a Fossoli di¬†Carpi, ordine che per√≤ la prefettura non esegu√¨ immediatamente.

Nei memoriali scritti in occasione del suo processo, il capo di quella provincia Armando Rocchi racconta di aver ricevuto la notizia di un accordo segreto tra tedeschi e anglo-americani, in base al quale questi ultimi avrebbero liberato 5 prigionieri tedeschi se fosse stato consegnato loro un ebreo.

slide_2

In realtà, sempre secondo il Rocchi, questo accordo sarebbe stato solo uno stratagemma per indurre le autorità italiane a consegnare gli ebrei alla polizia germanica. Scoperta la trappola, alla fine, gli ebrei non furono consegnati e non furono chieste nemmeno nuove istruzioni al governo centrale.

L’operazione partigiana del 12 giugno 1944 rese possibile il salvataggio¬†dei detenuti sull’Isola Trasimeno. Dopo la liberazione di Roma, infatti, le autorit√† di Sal√≤ della¬†zona erano allo sbando: i militi e il personale si misero in fuga gi√† l’11 giugno e lo stesso capo¬†provincia ripar√≤ nel nord Italia.

slide_3

Gli anglo-americani avevano intanto conquistato una buona¬†parte delle sponde del lago Trasimeno. Il 12 giugno, i partigiani vennero a conoscenza¬†dell’imminente ordine di trasferimento degli internati a Fossoli, grazie anche alla presenza di¬†alcuni funzionari a guardia del campo vicini ai gruppi della Resistenza locale.

La cattura degli¬†ebrei rientrava probabilmente nelle operazioni di sgombero del territorio, iniziate dai tedeschi¬†in previsione dell’arrivo delle truppe alleate, anche se, come detto, una richiesta di¬†trasferimento, cui non fu dato seguito, era stata avanzata anche dalle autorit√† italiane un mese¬†prima.

Nove partigiani, allora, arrivarono di notte sull’isola con due navi, partendo dalla¬†sponda del lago gi√† in mano agli anglo-americani. Gli ebrei furono fatti uscire dal campo e si¬†nascosero nei paesi limitrofi. In tutto furono liberate 14 persone, molte delle quali rimasero¬†nei villaggi vicini mescolandosi alla popolazione.

big_thumb

Due giorni dopo questa azione, il 14¬†giugno, giunse sull’Isola Trasimeno un reparto di 45 militari tedeschi, i quali perlustrarono la¬†zona in cerca dei fuggitivi. Alcuni pescatori, vista la presenza dei tedeschi, decisero di lasciare¬†l’isola e caricarono sulle barche gli ex internati nel campo.

Il 20 giugno tutta la regione fu¬†liberata dagli anglo-americani. In questo caso, gioc√≤ a favore del successo dell’operazione¬†la tempestivit√† dei partigiani, che seppero sfruttare la confusione determinata dall’arrivo delle¬†truppe alleate, e la collaborazione della gente del posto, ovvero gli abitanti dei paesi che¬†ospitarono le persone liberate dal campo e i pescatori che utilizzarono le loro barche per¬†trasportare al sicuro non soltanto s√© stessi ma anche gli ebrei ricercati dalle autorit√† tedesche.

ebrei1

Le azioni appena citate si concentrano per lo pi√Ļ tra il mese di marzo e l’estate del 1944, ma¬†non sembrano avere un carattere unitario: sono cio√® iniziative prese, molto probabilmente, a¬†livello locale dai singoli comandi partigiani.

Del resto, in questi mesi, tutto il movimento della Resistenza italiana era caratterizzato soprattutto da azioni spontanee, senza che vi fosse una consapevole direzione militare e politica: una maggiore organizzazione iniziò ad esserci, infatti, solo dalla primavera-estate del 1944.

Questa prima fase, la fase ribellistica, dura assai a lungo e abbraccia per la maggior parte dell’Italia del Nord¬†tutto l’inverno ’43. In altre regioni non viene mai superata del tutto e si conserva o si confonde a fianco della fase¬†pi√Ļ matura della Resistenza.

Si possono distinguere in essa tre diversi periodi cronologici: il primo che fino al¬†dicembre ’43 di assestamento e chiarificazione; il secondo dal dicembre al gennaio, caratterizzato dai primi¬†grandi rastrellamenti nazifascisti; il terzo dal gennaio al marzo, di passaggio dalle forme ancora primitive della¬†resistenza invernale allo sviluppo ben diversamente energico e vigoroso, al corso rapidamente ascendente del¬†movimento partigiano nella primavera del ’44.

rastrellamenti-estate-1944

Tra i documenti concernenti la questione ebraica in Italia raccolti dal Centre de¬†documentation juive contemporaine di Parigi √® presente un rapporto ‚Äúconfidenziale‚Ä̬†sull‚Äôattivit√† dei partigiani italiani nei confronti dei campi di concentramento per ebrei dopo l‚Äô8¬†settembre, con data 23 febbraio 1945 e firmato da tal generale Bianchi. Questi riporta di¬†aver ricevuto la visita, nel luglio 1944, di Vittorio Valobra, responsabile della Delasem in¬†Svizzera, e di Salvatore Donati, delegato della stessa associazione, nonch√© di un¬†rappresentante del Congr√®s juif Mondial di Ginevra.

Ferruccio Valobra

Ferruccio Valobra

Queste personalità avevano richiesto di far inserire tra gli obiettivi della Resistenza italiana anche la liberazione degli ebrei dai campi di concentramento. Il generale Bianchi, interessando il Comando supremo italiano per avere istruzioni a proposito, comunicava di aver risposto:

¬ęho precisato che, ad ogni¬†modo, le possibilit√† pratiche di aiuto come quelle richieste possono essere valutate solo dalle¬†formazioni della resistenza responsabili in posto […]¬Ľ.

L’importanza quindi delle iniziative¬†locali era qui ribadita in pieno. Il rapporto di Bianchi continua con la citazione di una serie di¬†messaggi scambiati con varie ‚Äúformazioni patriottiche‚ÄĚ dell’Italia del nord sulla possibilit√† di¬†condurre azioni che portassero alla liberazione degli ebrei dai campi.

Le risposte che¬†pervennero dalle varie regioni sono molto diverse l’una dall’altra e soprattutto rendono bene¬†l’idea di come tutto dipendesse dalle possibilit√† pratiche legate all’andamento della guerra in¬†ciascuna zona.

vovecchio2

Dal Veneto, ad esempio, fu riferito che il campo di V√≤ Vecchio era stato chiuso¬†e che era impossibile, per i partigiani, attaccare un grande campo di concentramento creato in¬†localit√† Villafranca, viste anche le difficolt√† legate all’eventuale sistemazione degli internati¬†che sarebbero evasi.

In Piemonte, secondo quanto ricevuto da Bianchi nell’autunno ’44, non¬†esistevano campi. Interessante √® la situazione che riguardava la Lombardia: anche qui non¬†erano presenti campi (ottobre 1944), ma il ¬ęcomando interessato informava di aver agevolato¬†fino a quell’epoca in tutti i modi (ricovero, accompagnamento alla frontiera, passaggio di¬†frontiera) a varie diecine [sic] di ebrei passati in Svizzera¬Ľ.

In Emilia Romagna, infine, le formazioni partigiane non avevano potuto attaccare il grande campo di Fossoli di Carpi, in quanto le bande erano tutte dislocate in montagna o in zone lontane.

fossoli

A fine settembre,¬†intanto, il Comando Supremo rispondeva al Bianchi che era gi√† in atto la collaborazione tra le¬†formazioni della Resistenza e gli ebrei del Nord e che comunque ¬ęverranno emanate¬†disposizioni alle formazioni in questione per la liberazione di elementi ebraici dai campi di¬†concentramento da effettuare subordinatamente alle esigenze delle varie zone ed alle¬†situazioni particolari¬Ľ.

Tra l’estate e l’autunno del 1944 prendeva forma, intanto, con pi√Ļ¬†continuit√†, l’attivit√† legislativa del Comitato di Liberazione dell’Alta Italia. Il 14 settembre,¬†il CLNAI promulg√≤ un decreto che abol√¨ ufficialmente nel nord Italia la legislazione razziale,¬†creando cos√¨ i presupposti per un risarcimento economico alle vittime delle confische¬†perpetrate dal governo della RSI:

Il Comitato di liberazione nazionale per l’Alta Italia in virt√Ļ dei poteri ad esso delegati dal Governo italiano¬†decreta[‚Ķ]:

1¬į- Tutta la legislazione di carattere razziale √® abolita.

2¬į- I beni sequestrati agli ebrei devono essere loro immediatamente consegnati e i danni derivati verranno¬†risarciti.

A questa data, tuttavia, la gran parte delle operazioni antiebraiche erano gi√† state effettuate¬†nella RSI e, con i convogli formati a Milano, Fossoli e Verona, erano stati ormai trasferiti pi√Ļ¬†di duemila ebrei in pochi mesi verso i campi di sterminio nazisti.

partigiani cattura tedeschi

Queste le conclusioni che trae lo stesso generale Bianchi:

In complesso, in apparenza almeno, i risultati non sono stati così importanti come sarebbe stato desiderabile: la cosa non può essere assolutamente addebitata a cattiva volontà o disinteressamento da parte dei vari enti della resistenza ma a difficoltà di esistenza e di lavoro di esse, a difficoltà di collegamenti rapidi etc..

In qualche caso è avvenuto che al momento buono in cui si sarebbe potuti arrivare ad una conclusione effettiva, un rastrellamento ha disperso e disorganizzato comandi e formazioni annullando tutto quanto si era previsto senza possibilità, per molte settimane e talvolta definitivamente, di riprendere le fila.

Ho detto ‚Äúin apparenza‚ÄĚ che i risultati sono stati¬†modesti: infatti ho ottime ragioni di ritenere che in sostanza l’aiuto √® stato di una certa importanza: aiuto¬†soprattutto dovuto all’opera di elementi minori e da singoli individui appartenenti alla resistenza, opera in molti¬†casi non venuta a conoscenza o venuta solo in ritardo dei comandi pi√Ļ alti.

290px-Partigiani1

Questo mi viene anche indirettamente¬†confermato da informazioni date in vari casi da elementi che hanno usufruito dell’appoggio [‚Ķ] Comunque¬†posso assicurare in maniera esplicita che la questione non √® n√© dimenticata n√© sottovalutata sia da me che dagli¬†enti in Italia e che tutto quanto potr√† essere fatto lo sar√† con tutta buona volont√†.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento