“LAGER” PER EBREI IN ITALIA – 10

a cura di Cornelio Galas

Siamo arrivati all’ultima puntata. Che pubblico oggi, subito dopo la numero 9, per una semplice ragione: in rete oltre a tanti “mi piace” ho ricevuto anche definizioni, diciamo così, poco piacevoli per il lavoro svolto. Una ricerca peraltro che ha preso le mosse da una articolata tesi di laurea. Che ho integrato con video, immagini, altre informazioni rigorosamente verificate. Ecco allora che posto subito queste ultime pagine: contengono solo una parte dell’interminabile bibliografia, le fonti d’archivio, i fascicoli consultati.

Per il resto ringrazio quanti hanno inviato a Televignole interessanti spunti, integrazioni, precisazioni. Da chi ha bollato come “fantasticherie” le varie puntate sui campi di concentramento italiani, invece, attendo con fiducia “serie, documentate, insindacabili controdeduzioni”.

Elenco dei campi di concentramento provinciali aperti

  dopo l’ordinanza n. 5 del 30 novembre 1943

lager-in-italia

UMBRIA

Perugia

Il campo provinciale fu aperto all’inizio nei locali delle Scuole Magistrali della cittĂ ; in un secondo momento venne trasferito in una villa alla periferia di Perugia (Villa Ajò) e infine in una villa sull’Isola Maggiore del Trasimeno. Vi furono rinchiusi 20 ebrei, i quali si salvarono tutti perchĂ© liberati da un’incursione partigiana nei giorni dell’arrivo degli Alleati nella zona (giugno 1944).

MARCHE

Ancona

Gli ebrei arrestati in provincia furono rinchiusi nella colonia estiva Unes a Senigallia. Il 15 dicembre del 1943 risultavano presenti 10 persone, successivamente trasferite a Fossoli (e finite nel convoglio per Auschwitz partito il 22 febbraio 1944).

TOSCANA

Firenze

Il campo di concentramento Villa La Selva, situato in località Bagno a Ripoli, era in funzione dal settembre 1940 per rinchiudere internati civili (slavi, antifascisti, sudditi stranieri di stati nemici) tra i quali anche numerosi ebrei, soprattutto un nucleo di sudditi britannici provenienti dalla Libia alla fine del 1941.

Dopo l’armistizio gli internati non furono liberati; il ministero stabilì che la struttura fosse utilizzata per rinchiudervi stranieri, compresi ebrei, nonchĂ© gli ebrei provenienti dalla provincia de L’Aquila e da tutte le province della Toscana. Nel gennaio 1944 risultano internati 31 ebrei, quasi tutti stranieri: le persone di razza ebraica furono prelevate dalle autoritĂ  germanica e portate al campo di Fossoli tra gennaio e aprile 1944

Lucca

Il campo provinciale sorse a Bagni di Lucca, nei locali dell’ex albergo “Le Terme”, di proprietĂ  della GioventĂą italiana del Littorio. Il centro termale di Bagni di Lucca era stato già luogo di internamento libero per gli ebrei stranieri provenienti dall’Europa centro-orientale dalla seconda metĂ  del 1941.

Il campo fu aperto nella prima metĂ  di dicembre 1943, come attesta una richiesta del capo della provincia di Lucca avanzata al ministero dell’Interno nella quale si chiede di disporre 200.000 Lire per le spese relative all’apertura di un campo per ebrei. Vi furono rinchiusi circa una settantina di ebrei, trasferiti il 23 gennaio 1944 a Firenze e successivamente a Milano, dove finirono nel convoglio diretto ad Auschwitz del 30 gennaio. Il 25 di quello stesso mese il campo smise di funzionare.

Grosseto

Il campo provinciale sorse nei locali del seminario vescovile di Roccatederighi. Fu aperto per iniziativa del capo provincia Ercolani alcuni giorni prima dell’ordinanza n. 5, il 24 novembre 1943. Nei mesi in cui fu in funzione, nel campo transitarono 80 ebrei (39 stranieri e 41 italiani) provenienti da quella provincia. A metĂ  marzo 1944, 64 internati furono trasferiti al campo di Fossoli e la struttura venne chiusa.

Massa

Il campo provinciale fu istituito nei locali dell’albergo “Italia” di Marina di Massa. Questa struttura, in realtĂ , fu aperta solo per pochi giorni, dal momento che le fasi di arresto portarono alla cattura di poche persone: nel dicembre 1944 il capo della provincia comunicò al ministero centrale l’arresto di cinque ebrei. Di questi rimasero nel campo solo tre donne, perchĂ© gli altri due individui si erano allontanati «per ignota destinazione». Il capo provincia chiese allora che queste internate fossero trasferite al campo di Lucca.

LIGURIA

Genova

Nel campo provinciale di Calvari di Chiavari, aperto nel dicembre 1943, furono rinchiusi 20 ebrei, trasportati al carcere milanese di San Vittore il 21 gennaio 1944 e poi deportati ad Auschwitz il 30 di quello stesso mese. La struttura fu successivamente riadattata per internare prigionieri politici italiani e stranieri.

A metà giugno del 1944 le autorità fasciste decisero di trasferire gli internati a Fossoli (poi deportati nel Reich) e di chiudere questa struttura a causa della presenza di partigiani nella zona.

Imperia

Il campo di concentramento provinciale sorse in località Vallecrosia, nei locali di una ex caserma militare Gaf. Fu aperto il 21 gennaio 1944 per accogliere ebrei, familiari di renitenti alla leva, fermati politici non responsabili di reati e fu chiuso a metà luglio per timore di attacchi partigiani.

A quella data, però, i circa 40 ebrei lì internati erano già stati trasferiti al carcere genovese di Marassi a inizio febbraio 1944 e consegnati alle autorità germaniche.

fossoli2

Savona

Il campo di concentramento per ebrei fermati in questa provincia fu istituito con decreto prefettizio del 29 dicembre 1943 in localitĂ  Spotorno, all’interno dell’Istituto Marino Merello di Bergeggi. Vi furono rinchiusi, oltre alle persone di origine ebraica, anche i familiari di disertori.

Pochi furono gli ebrei arrestati, considerato anche l’esiguo numero di individui di razza ebraica nella provincia. Dal 30 aprile 1944 gli internati furono trasferiti nella Colonia Bergamasca di Celle Ligure, ma in quel periodo non erano piĂą presenti ebrei nel campo, trasferiti a Fossoli presumibilmente nel mese di marzo.

EMILIA ROMAGNA

Parma

In questa provincia sorsero due campi di concentramento provinciali: il primo, per uomini, a Scipione di Salsomaggiore, già in funzione negli anni precedenti (1940-1943); il secondo, destinato a raccogliere soltanto donne, a Monticelli Terme di Montechiarugolo, presso gli alberghi “Ristorante Terme” e “Bagni”.

Nel campo di Scipione erano internati non soltanto gli ebrei arrestati nella provincia, ma anche detenuti politici, antifascisti e stranieri (soprattutto jugoslavi). Gli ebrei vennero trasferiti a Fossoli il 9 marzo 1944.

Dopo questa data il campo continuò a funzionare, ma la presenza di persone d’origine ebraica diminuì fortemente (solo pochi individui). Il campo di Monticelli Terme fu aperto a dicembre 1943 per rinchiudervi donne e bambini. Gli internati furono trasferiti a Fossoli sempre il 9 marzo 1944: a quella data erano 32.

Forlì

Il campo provinciale fu creato utilizzando le stanze dell’albergo “Commercio”, situato in corso Diaz. Vi finirono 14 ebrei, fermati in quella provincia nel mese di dicembre 1943. Il campo restò in funzione per 37 giorni e gli internati finirono nel convoglio diretto ad Auschwitz partito da Verona e Milano il 30 gennaio 1944. Dopo quella data il campo fu chiuso.

Ferrara

Il campo provinciale sorse nei locali della Comunità Israelitica, nella centrale via Mazzini. Questa struttura, in realtà, non fu mai denominata campo di concentramento, anche se servì come luogo di raccolta per gli ebrei fermati nella città e in quella provincia dal 5 al 27 febbraio 1944.

Già il primo giorno risultano internati 18 ebrei, rinchiusi nella Sinagoga. Più di 50 persone furono arrestate nel corso di quei giorni: trasferite progressivamente a Fossoli, finirono poi nei convogli per Auschwitz.

Reggio Emilia

Il campo provinciale fu creato a dicembre 1943 all’interno di una casa di campagna alla periferia della cittĂ . Il 18 febbraio 1944 furono trasportati a Fossoli 29 ebrei arrestati nella provincia, alcuni dei quali, di nazionalitĂ  anglo-libica, erano stati però detenuti nel locale carcere per pochi giorni.

PIEMONTE

Asti

Il campo provinciale fu istituito all’interno del Seminario della cittĂ  nel mese di dicembre 1943. Vi furono rinchiusi 22 ebrei, in maggioranza donne e anziani perchĂ© gli uomini si nascosero e sfuggirono per lo piĂą agli arresti. Il 19 febbraio 1944 furono trasferiti a Fossoli i 7 internati rimasti nel campo e la struttura venne chiusa.

Vercelli

Il campo provinciale sorse all’interno della cascina “Aravecchia”. Fu aperto il 24 dicembre 1943 e rimase in funzione fino al 23 gennaio 1944, giorno in cui fu sgomberato. Successivamente fu adibito a caserma militare. Gli 11 internati ebrei furono consegnati alle autoritĂ  tedesche il 25 gennaio

Cuneo

Il campo provinciale fu creato nella caserma militare di Borgo San Dalmazzo, già utilizzata dalle autorità naziste tra settembre e novembre 1943 per rinchiudervi gli ebrei provenienti dalla Francia meridionale. Fu dunque riaperto nel dicembre del 1943 per internare gli ebrei arrestati nella provincia (in tutto 26 persone). Il campo rimase in funzione dal 9 dicembre 1943 al 15 febbraio 1944, giorno in cui gli ebrei furono trasportati a Fossoli.

LOMBARDIA

Mantova

Il campo provinciale fu istituito presso i locali della Comunità Israelitica, dalla capienza di 70 persone. Nel gennaio 1944 vi furono rinchiusi gli arrestati nella provincia mantovana e quelli fermati in provincia di Brescia: il 20 gennaio ammontavano a 66 individui; alla data del 15 marzo vi erano ristretti 61 ebrei, di cui 4 in ospedale. Il campo risulta aperto ancora nel maggio 1944 e vi erano internati 21 ebrei.

campi-di-concentramento-transit0001

Sondrio

Il campo provinciale fu aperto il 29 dicembre 1943 presso alloggi che si trovavano nella periferia della cittĂ  a via Nazario Sauro. Il 7 gennaio vi erano internati 12 persone, che risultavano essere 4 famiglie d’origine ebraica arrestate nella provincia., trasferite tra febbraio e marzo 1944 al campo di Fossoli.

VENETO

Padova

Per il campo provinciale di Vò Vecchio si rimanda all’approfondimento fatto in una precedente puntata.

Vicenza

Il campo provinciale per ebrei fu istituito all’interno della colonia alpina Umberto I di Tonezza del Cimone, un paese a 1.000 metri di altitudine. Vi furono rinchiusi 45 ebrei, la maggior parte dei quali erano stranieri giĂ  presenti in quel territorio come internati liberi durante i precedenti anni di guerra.

Questi furono trasferiti a Milano il 30 gennaio 1944, dove le autorità naziste stavano approntando un convoglio diretto ad Auschwitz. Dopo la partenza degli ebrei internati, il campo fu quindi chiuso.

Verona

Il “campo di concentramento di Montorio” sorse in uno stabile poco fuori la cittĂ , in località Ponte di Cittadella. Su questa struttura vi sono al momento poche notizie: probabilmente vi furono rinchiusi circa una ventina di ebrei (come è dichiarato dal prefetto di Verona in un questionario sulla questione ebraica in Italia compilato dopo la liberazione, nel 1945), ma non è escluso che da questo stesso campo passarono un maggior numero di persone – come forse i 60 ebrei provenienti da Roma l’8 febbraio 1944 e destinati alla deportazione ad Auschwitz.

VALLE D’AOSTA

Aosta

Il campo provinciale fu aperto nei primi giorni di dicembre 1944 nei locali della Caserma Mottino. Vi furono rinchiusi circa trenta ebrei, fermati in esecuzione dell’ordinanza ministeriale di fine novembre. Il campo fu chiuso il 6 marzo, dopo che gli internati furono trasferiti a Fossoli di Carpi.

BIBLIOGRAFIA

capogreco

Adduci, La repubblica sociale italiana come problema storiografico: il caso torinese, in «Passato e presente», n. 78, settembre-dicembre 2009.

Adorni, Modi e luoghi della persecuzione, in F. Levi (a cura di), L’ebreo in oggetto. L’applicazione della normativa antiebraica a Torino 1938-1943, Silvio Zamorani editore, Torino.

Aga Rossi, La situazione politica e economica dell’Italia nel periodo 1944-1945: il governo Bonomi, in «Quaderni dell’Istituto Romano per la storia d’Italia dal fascismo alla Resistenza», n. 2, 1971.

Agamben, Homo sacer. Il potere sovrano e la nuda vita, Einaudi, Torino 1995.

Albanese, Un percorso fra le carte dell’ACS: la RSI, in «Rassegna degli Archivi di Stato», 1998.

S. Allen, Come si diventa nazisti: storia di una piccola città, 1930-1935, Einaudi, Torino 2005 (prima edizione del 1968).

Afeltra, I 45 giorni che sconvolsero l’Italia. 25 luglio – 8 settembre 1943. Dall’osservatorio di un grande giornale, Rizzoli, Milano 1993.

Amicucci, I 600 giorni di Mussolini: dal Gran Sasso a Dongo, Faro, Roma 1948.

Angelini, O. Guidi, P. Lemmi, Il campo di concentramento provinciale per ebrei di Bagni di Lucca (dicembre 1943 – gennaio 1944), in «La Rassegna mensile di Israel», n. 2, maggio-agosto 2003.

Antoniani Persichilli, Disposizioni, normative e fonti per lo studio dell’internamento in Italia (giugno 1940 – luglio 1943), in «Rassegna degli archivi di Stato», n. 1-3, 1978.

Antonini, Piacenza 1938-1945. Le leggi razziali, Quaderni di Studi piacentini, Istituto storico della Resistenza e dell’EtĂ  Contemporanea, Piacenza 2010.

Antonini, Delasem: storia della più grande organizzazione ebraica italiana di soccorso durante la seconda guerra mondiale, De Ferrari, Genova 2000-

L’ultima diaspora. Soccorso ebraico durante la seconda guerra mondiale, De Ferrari, Genova, 2005.

Apih (a cura di), Mostra storica della Risiera di San Sabba, Civici musei di storia ed arte, Trieste 1983.

Aquarone, L’organizzazione dello stato totalitario, Einaudi, Torino 1995.

Arendt, La banalitĂ  del male. Eichmann a Gerusalemme, Feltrinelli, Milano 1992.

Le origini del totalitarismo, Edizioni di ComunitĂ , Torino 1999.

A. Arrigoni, Dizionario biografico della deportazione pavese, Unicopli, Milano 2005.

P. Azema, La collaboration 1940-1944, Presses universitaires de France, Paris 1975.

J.P. Azema, F. Bedarida (sous la direction de), Vichy et les français, Fayard, Paris 1992.

Baiardi, Persecuzioni antiebraiche a Firenze: razzie, arresti, delazioni, in E. Collotti (a cura di), Ebrei in Toscana tra occupazione tedesca e RSI: persecuzione, depredazione, deportazione (1943-1945), vol. I, Carocci, Roma 2007.

Bankier, La conoscenza dell’Olocausto e le reazioni in Europa, negli Stati Uniti e nelle comunità ebraiche, in M. Cattaruzza, M. Flores, S. Levi Sullam, E. Traverso (a cura di), Storia della Shoah, Utet, Torino 2006..

Baratter, Le Dolomiti del Terzo Reich, Mursia, Milano 2005.

Bartov, L’Europa orientale come luogo del genocidio, in M. Cattaruzza, M. Flores, S. Levi Sullam, Traverso (a cura di), Storia della Shoah, vol. I La crisi dell’Europa e lo sterminio degli ebrei, Utet, Torino 2005.

Bassani, Il giardino dei Finzi-Contini, Mondadori, Milano 2009.

Battaglia, Storia della Resistenza italiana, Einaudi, Torino 1964.

P.P. Battistelli, Il “buco nero” nella storia della RSI. Analisi storiografica dell’apparato militare della Repubblica di Salò, in «Storia contemporanea», n. 1, a. XXVI, febbraio 1995.

Baudrot, Le mouvement de Résistance devant la pérsecution des juifs, in S. Messinger (sous la direction de), La France et la question juive 1940-1944, Acte du colloque, CDJC, Paris 1981.

Bauman, ModernitĂ  e Olocausto, Il Mulino, Bologna 1992.

La genesi dei campi di concentramento, in M. Cattaruzza, M. Flores, S. Levi Sullam, E. Traverso (a cura di), Storia della Shoah, vol. I, Utet, Torino 2005.

Bedarida, Ebrei d’Italia, Tirrena, Livorno 1950.

Bettlheim, Sopravvivere, Feltrinelli, Milano 1981.

Bianchi (a cura di), La violenza contro la popolazione civile nella Grande Guerra. Deportati, profughi, internati, Ed. Unicopli, Milano 2006.

Bidussa, Il mito del Bravo Italiano, Il Saggiatore, Milano 1994. Id., I caratteri “propri” dell’antisemitismo italiano, in La menzogna della razza: documenti e immagini del razzismo e dell’antisemitismo fascista, a cura del Centro Furio Jesi, Grafis, Bologna 1994, Catalogo della mostra tenuta a Bologna nel 1994.

Bocca, La repubblica di Mussolini, Laterza, Roma 1977.

Borghi, Tra fascio littorio e senso dello stato. Funzionari, apparati, ministeri della RSI (1943-45), CLEUP, Padova 2001; Id., Personale civile e burocrazia, in S. Bugiardini (a cura di), Violenza, tragedia e memoria della RSI, Carocci, Roma, Id., Repubblica sociale e collaborazione in Italia, in A. Di Michele, R. Taiani (a cura di), La zona d’operazione delle Prealpi nella seconda guerra mondiale, Fondazione Museo storico del Trentino, Trento 2009.

Boscherini, Allora la mamma capì. Fronte di guerra e lotta partigiana nell’area occidentale del Trasimeno. 8-29 giugno 1944, Le Balze, Montepulciano 2004; Id., La persecuzione degli ebrei a Perugia. Ottobre 1943-luglio 1944, Le Balze, Montepulciano 2005.

dalla-brianza-ai-lager-del-terzo-reich

Botti, L’antisemitismo in Spagna durante la Seconda Repubblica (1931-1936), in C. Brice, G. Miccoli (sous la direction de), Les racines chrĂ©tiennes de l’antisĂ©mitisme politique (fin XIX-XX siècle), Ecole française de Rome, 2003.

Boursier, La persecuzione degli zingari nell’Italia fascista, in «Studi storici», a. 37, n. 4, ottobre dicembre 1996; Id., L’internamento degli zingari in Italia, in C. Di Sante (a cura di), I campi di concentramento in Italia. Dall’internamento alla deportazione (1940-1945), F. Angeli, Milano 2001.

Bravo, A.M. Bruzzone, In guerra senza armi. Storie di donne 1940-1945, Laterza, Roma 1995.

Bravo, D. Jalla, La vita offesa: storia e memoria dei Lager nazisti nei racconti di duecento sopravvissuti, F. Angeli, Milano 1986.

Bresadola Banchelli, Politiche amministrative, strutture della repressione e propaganda nella zona d’operazione Litorale adriatico, in S. Bugiardini (a cura di), Violenza, tragedia e memoria della RSI, Carocci, Roma, 2006.

Ch. R. Browning, Uomini comuni: polizia tedesca e soluzione finale in Polonia, Einaudi, Torino 1995; Id., Procedure Finali. Politica nazista, lavoratori ebrei, assassini tedeschi, Einaudi, Torino 2000; Id., Le origini della soluzione finale: l’evoluzione della politica antiebraica del nazismo, settembre 1939-marzo 1942, Il Saggiatore, Milano 2008.

Buffarini Guidi, La vera verità. I documenti dell’archivio segreto del Ministro degli Interni Guido

Buffarini Guidi dal 1938 al 1945, Sugar Editore, Milano 1970.

Bugiardini (a cura di), Violenza, tragedia e memoria della RSI, Carocci, Roma, 2006.

Burgio (a cura di), Nel nome della razza. Il razzismo nella storia d’Italia 1870-1945, Il Mulino, Bologna, 1999.

Cajani, B. Mantelli, Una certa Europa. Il collaborazionismo con le potenze dell’Asse 1939-1945. Le fonti, Annali della Fondazione “Luigi Micheletti”, Brescia 1992.

Canarutto, Le leggi contro gli ebrei e l’operato della magistratura, in «La Rassegna mensile di Israel», numero speciale 1938: le leggi contro gli ebrei, 1988.

S. Capogreco, Ferramonti: la vita e gli uomini del più grande campo di internamento fascista 1940-1945, Giuntina, Firenze 1987; Id, I campi del duce. L’internamento civile nell’Italia fascista (1940-1943), Einaudi, Torino 2004.

Caravita, Ebrei in Romagna (1938-1945). Dalle leggi razziali allo sterminio. Il forlivese-cesenatese e il riminese, Longo Editore, Ravenna 1991.

G., M. e G. Cardosi, Sul confine. La questione dei matrimoni misti durante la persecuzione antiebraica in Italia e in Europa (1935-1945), Zamorani, Torino 1998.

Carolini, Pericolosi nelle contingenze belliche: gli internati dal 1940 al 1943, Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti, Roma 1987; Id., Gli antifascisti italiani dal confino all’internamento 1940-1943, in C. Di Sante (a cura di), I campi di concentramento in Italia. Dall’internamento alla deportazione (1940-1945), F. Angeli, Milano 2001.

Carucci, L’ordinamento dei servizi di Polizia dopo l’approvazione del testo unico delle leggi di PS nel 1926, in «Rassegna degli archivi di stato», XXXVI, 1976; Id., Il Ministero dell’Interno: prefetti, questori e ispettori generali, in Istituto veneto per la storia della Resistenza, Sulla crisi del regime fascista 1938-1943, Marsilio, Venezia 1996; Id., Confino, soggiorno obbligato, internamento: sviluppo della normativa, in C. Di Sante (a cura di), I campi di concentramento in Italia. Dall’internamento alla deportazione (1940-1945), F. Angeli, Milano 2001.

Casali, La deportazione dall’Italia. Fossoli di Carpi, in Spostamenti di popolazione e deportazioni in Europa 1939-1945, Cappelli, Bologna 1987.

Cassese, Centro e periferia in Italia. I grandi tornanti della loro storia, «Rivista trimestrale di diritto pubblico», n. 2, 1986.

Cattaruzza, La storiografia della Shoah, in M. Cattaruzza, M. Flores, S. Levi Sullam, E. Traverso (a cura di), Storia della Shoah, vol. II La memoria del XX secolo, Utet, Torino 2005; Id., L’Italia e il confine orientale, Il Mulino, Bologna 2008.

Cattaruzza, M. Flores, S. Levi Sullam, E. Traverso (a cura di), Storia della Shoah, vol. I-II, Utet, Torino 2005; Id., Storia della Shoah, Utet, vol. I-V, Torino 2006.

Cavaglion, Nella notte straniera. Gli ebrei di S. Martin VĂ©subie, L’Arciere, Cuneo 1981; Id., La deportazione dall’Italia. Borgo San Dalmazzo, in Spostamenti di popolazione e deportazioni in Europa 1939-1945, Cappelli, Bologna 1987; Id., Sopravvissuti: Primo Levi, Elie Wiesel, Jean AmĂ©ry e altri, in M. Cattaruzza, M. Flores, S. Levi Sullam, E. Traverso (a cura di), Storia della Shoah, vol. III, Utet, Torino 2006.

Collotti, L’amministrazione tedesca nell’Italia occupata, 1943-1945. Studi e documenti, Milano 1963; Id., Documenti sull’attivitĂ  del Sicherheitsdienst nell’Italia occupata, in «Il movimento di liberazione in Italia», n. 83, aprile-giugno 1966; Id., Il litorale adriatico nel Nuovo Ordine Europeo, 1943-1945, Vangelista, Milano 1974; Id., Grande Germania e gerarchia di popoli nel progetto nazista di Nuovo Ordine Europeo: incidenze politiche, nazionali e sociali, in Spostamenti di popolazione e deportazioni in Europa 1939-1945, Cappelli, Bologna 1987, Id., Il collaborazionismo con le potenze dell’Asse nell’Europa occupata: temi e problemi della storiografia , in «Rivista di Storia contemporanea», 1992; Id., L’antisemitismo tra le due guerre in Europa, in La menzogna della razza: documenti e immagini del razzismo e dell’antisemitismo fascista, a cura del Centro Furio Jesi, Grafis, Bologna 1994, Catalogo della mostra tenuta a Bologna nel 1994; Id. (a cura di), Razza e fascismo: la persecuzione contro gli ebrei in Toscana (1938-1943), Carocci, Firenze 1999; Id., Sul razzismo antislavo, in A. Burgio (a cura di), Nel nome della razza. Il razzismo nella storia d’Italia 1870-1945, Il Mulino, Bologna, 1999; Id. (a cura di), Fascismo e antifascismo. Rimozioni, revisioni, negazioni, Laterza, Roma 2000; Id., Il razzismo negato, in E. Collotti (a cura di), Fascismo e antifascismo. Rimozioni, revisioni, negazioni, Laterza, Roma 2000; Id., L’occupazione tedesca in Italia, in Dizionario della Resistenza, a cura di E. Collotti, R. Sandri e F. Sessi, Einaudi, Torino 2000; Id., L’occupazione tedesca in Italia con particolare riguardo ai compiti delle forze di polizia, in C. Di Sante (a cura di), I campi di concentramento in Italia. Dall’internamento alla deportazione (1940-1945), F. Angeli, Milano 2001.

lageritaliani1

Il collaborazionismo, in Dizionario del fascismo, a cura di V. De Grazia, S. Luzzatto, vol. I, Einaudi, Torino 2002; Id., Il fascismo e gli ebrei. Le leggi razziali in Italia, Laterza, Roma 2003; Id., La storiografia, in S. Bugiardini (a cura di), Violenza, tragedia e memoria della RSI, Carocci, Roma, 2006; Id., La Resistenza europea di fronte alla Shoah, in M. Cattaruzza, M. Flores, S. Levi Sullam, E. Traverso (a cura di), Storia della Shoah, vol. I, Utet, Torino 2006; Id. (a cura di), Ebrei in Toscana tra occupazione tedesca e RSI: persecuzione, depredazione, deportazione (1943-1945), vol. I-II, Carocci, Roma 2007.

Collotti, M. Baiardi (a cura di), Shoah e deportazione. Guida bibliografica, Carocci, Roma 2011.

Collotti, L. Klinkhammer, Il fascismo e l’Italia in guerra. Una conversazione fra storia e storiografia, Ediesse, Roma 1996.

Vasari, I deportati politici, in Spostamenti di popolazione e deportazioni in Europa 1939-1945, Cappelli, Bologna 1987.

Ventrone, Il nemico interno: immagini, parole e simboli della lotta politica nell’Italia del Novecento, Donzelli, Roma 2005.

Vernichtungskrieg, Verbrechen der Wehrmacht 1941 bis 1944, a cura di Hamburger Institut für Sozialforschung, Hamburger Edition, Hamburg 1996.

Viarengo, Il campo di concentramento provinciale per ebrei di Calvari di Chiavari (dicembre 1943 – gennaio 1944) e le sue altre funzioni, in «La Rassegna mensile di Israel», maggio-agosto 2003.

lager-pugliesi

Vidotto, Roma contemporanea, Laterza, Roma 2006.

Viganò, Il congresso di Verona (14 novembre 1943). Una antologia di documenti e testimonianze, Settimo Sigillo, Roma 1994.

Villa (a cura di), I deportati alessandrini nei lager nazisti: 18 testimonianze di sopravvissuti, Le Mani, Recco 2004.

Villani, Ebrei fra leggi razziste e deportazioni nelle province di Bolzano, Trento e Belluno, Società di studi trentini e di scienze storiche, Trento 1996.

Voigt, Israel Kalk e i figli dei profughi ebrei in Italia, F. Angeli, Milano 1990; Id., Il rifugio precario. Gli esuli in Italia dal 1933 al 1945, La Nuova Italia, Firenze 1993-1996, vol. III; Id., Villa Emma. Ragazzi ebrei in fuga 1940-1945, La Nuova Italia, Firenze 2002.

Wieviorka, DĂ©portation et gĂ©nocide: entre la memoire et l’oubli, Plon, Paris 1992; Id., L’expression “camp de concentration”, «Vingtième Siècle», aprile-giugno 1997; Id., L’ère du tĂ©moin, Plon, Paris 1998; Id., L’avvento del testimone, in M. Cattaruzza, M. Flores, S. Levi Sullam, E. Traverso (a cura di), Storia della Shoah, vol. II, Utet, Torino 2005.

Zambonelli, Ebrei reggiani tra leggi razziali ed Olocausto 1938-1945, in «Ricerche storiche», 62-63, settembre 1989.

FOSSOLI_COVER_2

Zanini, Marzabotto e dintorni, 1944, Ponte nuovo, Bologna 1996.

Zucchini, Da Piacenza ad Auschwitz. Gli ebrei del piacentino tra persecuzione e deportazione, in Antonini, Piacenza 1938-1945. Le leggi razziali, Quaderni di Studi piacentini, Istituto storico della Resistenza e dell’EtĂ  Contemporanea, Piacenza 2010, pp. 183-264.

Zuccotti, L’Olocausto in Italia, A. Mondadori, Milano 1988; Id., Il Vaticano e l’olocausto in Italia, B. Mondadori, Milano 2001.

MEMORIALISTICA

Artom, Diari di un partigiano ebreo, gennaio 1940 – febbraio 1944, a cura di G. Schwarz, Bollati Boringhieri, Torino 2008.

Badoglio, L’Italia nella seconda guerra mondiale, A. Mondadori, Milano 1946.

De Martino, Dal carcere di San Vittore ai lager tedeschi, La Prora, Milano, 1955.

Dolfin, Con Mussolini nella tragedia. Diario del capo della segreteria particolare del Duce, 1943-1944, Garzanti, Milano 1949.

Levi, Se questo è un uomo, Einaudi, Torino 2003 (28° edizione).

F. Moellhausen, La carta perdente. Memorie diplomatiche 25 luglio 1943 – 2 maggio 1945, Edizioni Sestante, Roma 1948.

Morpurgo, Caccia all’uomo. Vita, sofferenze e beffe: pagine di diario 1938-1944, Dalmatia, Roma 1946.

Perechodnik, Sono un assassino?: autodifesa di un poliziotto ebreo, Feltrinelli, Milano 1996.

Picciotto Fargion (a cura di), Giorgio Nissim. Memorie di un ebreo toscano dal 1938 al 1948, Carocci, Roma 2005.

Rahn, Ambasciatore di Hitler a Vichy e a Salò, A. Garzanti, Milano 1950.

Rousset, L’Univers concentrationnaire, Ed. du Pavois, Paris 1946 (trad. it, D. Rousset, L’universo concentrazionario, Baldini&Castaldi, Milano 1997).

Segre, Venti mesi, Sellerio, Palermo 1995.

Spampanato, Contromemoriale, Edizioni di Illustrato, Roma 1951.

Tagliacozzo, Metà della vita: i ricordi della campagna razziale 1938-1944, Baldini & Castaldi, Milano 1998.

FONTI D’ARCHIVIO

faldone_pratiche_ebrei

Archivio generale della regione Val d’Aosta:

Fondo Prefettura, Gabinetto, categoria 14.1 Ministero dell’Interno – Ebrei fasc. “Ebrei internati”.

AS Verona:

Fondo Prefettura, Amministrazione beni ebraici, ctg. 3-1-8, fascicolo “Provvedimenti contro gli ebrei”.

ARCHIVIO STORICO DELLA FONDAZIONE “LUIGI MICHELETTI”, BRESCIA

Fondo “Notiziari della Guardia Nazionale Repubblicana”, novembre 1943 – novembre 1944 (consultati on-line sul sito www.musil.bs.it)

ARCHIVIO STORICO DEL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA (ACDEC), MILANO – AG-5F, Archivio Generale, “Persecuzione e sterminio in Italia: campi di concentramento e carceri”

ARCHIVIO STORICO DEL CENTRE DE DOCUMENTATION JUIVE CONTEMPORAINE (ACDJC), PARIGI

ARCHIVIO CENTRALE DELLO STATO (ROMA)

Ministero dell’Interno, Direzione generale di Pubblica Sicurezza, Divisione Affari generali e riservati:

categoria A5G Seconda guerra mondiale, 1940-1945 (bb. 150);

fascicolo 32 “Internati civili pericolosi”, “Affari generali” bb. 65-66;

fascicolo 32 “Internati civili pericolosi”, “Affari per provincia”, bb. 66-68;

fascicolo 58 “Propaganda antisemita”, 1940, b. 115;

fascicolo 160 “Ebrei mobilitazione civile”, 1942-1943, b. 137;

fascicolo 170 “Internati civili a disposizione di altre autorità”, b. 139;

fascicolo 214 “Scioglimento del PNF”, “Affari generali”, b. 142;

fascicolo 228 “Fuggiaschi. Ricerche per rintraccio”, 1943-1944, b. 151;

fascicolo 229 “Ufficiali di collegamento della Polizia Tedesca con la Polizia Italiana”, 1943-1944, b. 151;

fascicolo 230 “Ebrei”, b. 151;

fascicolo 240 “Invio in Germania di elementi pericolosi”, 1940-1945, b. 152;

fascicolo 253, “Detenuti politici elenchi”, 1944, b. 152:

fascicolo 255 “Traduzione di detenuti al nord e sfollamento delle carceri”, 1943-1944, b. 152;

fascicolo 260 “Organizzazione Todt”, b. 152.

– Ufficio Internati, Ebrei internati 1940-1945, categoria E/C, E/I, Ebrei in campi di concentramento e

in localitĂ  d’internamento 1940-1945:

fascicoli personali, bb. 1-32

– Categoria A5G Seconda guerra mondiale, Italia Liberata, 1944-1948 (bb. 7):

fascicolo 39 “Campo di concentramento tedesco di Bolzano”, b. 2;

fascicolo 51 “Rimpatrio degli ebrei italiani deportati in Germania”, b. 3

– Serie Massime, 1880-1956 (bb. 265)

– Categoria M4 “Mobilitazione civile” (bb. 98-150):

fascicolo 16 “Campi di concentramento”, “Affari generali”, bb. 99-112;

fascicolo 16 “Campi di concentramento”, “Affari per provincia”, bb. 113-138;

fascicolo 18 “LocalitĂ  d’internamento”, “Affari generali”, b. 139;

fascicolo 18 “Località di internamento”, “Affari per provincia”, bb. 139-149;

– Categoria R9 Razzismo:

fascicolo 18 “Assistenza ebrei sinistrati da offese belliche”, b. 183;

fascicolo 19 “Ebrei da internare”, b. 183

– Categoria A4bis, “Internati stranieri e spionaggio 1939-1945”, “Ufficio Internati” (bb. 384):

fascicoli generali e per provincia, bb. 1-11

– Categoria A16, Stranieri ed ebrei stranieri, 1930-1956 (bb. 62):

fascicoli vari, bb. 1-51;

fascicoli per provincia, bb. 52-53

Ministero dell’Interno, RSI, Gabinetto, Affari generali 1943-1945:

– Categoria K11, “Circolari”, b. 16;

– Categoria K3, “Situazione politica delle province”, bb. 4-5

– Categoria K18, “Prefetti”, bb. 22-30;

– Categoria K37, “Polizia”, b. 47 274

Ministero dell’Interno, Direzione generale di pubblica sicurezza, RSI, Segreteria del capo della polizia 1943-1945:

fascicoli vari, bb. 1-82;

fascicoli per provincia, “Telegrammi”, bb. 60-61

Ministero dell’Interno, Direzione generale dell’Amministrazione Civile:

– RSI, PodestĂ  1943-1945 (bb. 12):

fascicoli affari generali, b. 1;

fascicoli per capoluogo di provincia, b. 2

Archivi fascisti, Segreteria particolare del Duce (SPD):

RSI, Carteggio ordinario (CO) 1943-1945:

fascicoli vari, bb. 1-139;

fascicolo 2124 “INTERNAMENTO in campi tedeschi di concentramento dei cittadini di stati nemici residenti in Italia”, b. 38

RSI, Carteggio riservato (CR) 1943-1945:

fascicoli vari, bb. 1-86;

fascicolo 24 “Repubblica sociale italiana 1944-1945”, b. 2;

fascicolo 25 “Croce rossa italiana 1943-1945”, b. 2;

fascicolo 385 “Provvedimenti razziali 1943-1945”, b. 42;

fascicolo 630 “Partito fascista repubblicano”, b. 61

Presidenza del Consiglio dei Ministri, RSI, Affari generali e segreterie, fascicoli per categoria 1943-1945, Pratiche del Consiglio:

fascicolo “Notiziari Guardia nazionale repubblicana”, bb. 28-31

fascicolo 37 “Comunità israelitiche (contributi)”, b. 55

fascicolo 13 “Ebrei”, b. 57;

fascicolo 35 “Ebrei, denunce a loro carico”, b. 59

Ministero dell’Interno, Direzione generale di Pubblica sicurezza, SIS, Divisione servizi informativi speciali, sezione II 1944-1947::

Categoria M, “Varie” (bb. 47-70):

MP 94 “Ebrei”, b. 61;

MP 146 “Carte provenienti dal Nord”, b. 63 275

ARCHIVI DI STATO LOCALI

AS Padova:

Fondo Questura, b. 41,42, fascicolo C. C. Vo (Campo di concentramento di Vo Vecchio), “Ebrei.

Campi di concentramento A4b, 3 dicembre 1943/9 luglio 1947;

Fondo Prefettura (Gabinetto), b. 523, fasc. “Ebrei”; Prefettura (Gabinetto), b. 548, cat. XV/23, 1943-1945, Provvedimenti razziali, corrispondenza varia.

AS Mantova:

Fondo Prefettura:

– Gabinetto, b. 15;

– Affari generali, 1866-1951, bb. 2890-2891;

Fondo E.G.E.L.I., b. 3, 1945, Sezione beni israelitici;

Tribunale di Mantova, Giudice Istruttore, b. 40, n. 280/1946;

Archivio della Corte d’Assise straordinaria, b. 14, n. 16/1946.

AS Bologna:

Fondo Prefettura, ABE, bb. 1-4;

Fondo Questura, ABE (Ufficio asportazione beni ebraici), b. 1.

AS Ferrara:

Fondo Prefettura:

– Gabinetto, cat. 30, Ebrei, bb. 2-3;

– Gabinetto, 1933-1944, cat. 30, , bb. 148-150;

– Gabinetto, 1939-1945, cat. 30, b. 151;

– Gabinetto, cat. A4a, Tutela ordine pubblico, bb. 1, 3, 8, 13, 21;

Fondo Questura, Gabinetto, cat. E1, Informazioni riservate, b. 34.

AS Parma:

Fondo Questura, Div. I, Gabinetto 1944/1959, b. 68 “Ebrei misti deceduti”;

Ivi, b. 69 “Ebrei della provincia”;

Ivi, b. 71 “Repubblica di Salò”;

Ivi, b. 96 “Salso Campo di concentramento 1945, 1934-1945”

Ivi, b. 97 “Campi di concentramento provincia di Parma”;

Ivi, b. 97bis.

AS Piacenza:

Fondo Questura, Campagna antiebraica, b. 1;

Corte d’Assise straordinaria di Piacenza, 1946, n. registro 75 (registro procura generale 473/46).

UniversitĂ  degli studi della Tuscia

Dipartimento di Storie e culture

del testo e del documento

Viterbo – Italia

Dottorato di ricerca in

“storia d’europa: societĂ , politica e istituzioni (XiX – XX secolo)”

XXIII ciclo

Direttore di Tesi Prof. Maria Ferretti; Coordinatore Prof. Gabriella Ciampi

Directeur de Thèse Prof. Annette Becker; Directeur Prof. Philippe Gervais-Lambony

Dottorando: Matteo Stefanori

 ELENCO DELLE ABRREVIAZIONI

ACDEC – Centro di documentazione ebraica contemporanea di Milano, Archivio storico

ACDJC – Centre de documentation juive contemporaine di Parigi, Archivio storico

ACS – Archivio centrale dello Stato di Roma

ANED – Associazione nazionale ex deportati

AS – Archivio di Stato

BdO – Befehlshaber der Ordnungspolizei

BdS – Befehlshaber der Sicherheitspolizei

CLN – Comitato di Liberazione nazionale

CLNAI – Comitato di liberazione nazionale dell’Alta Italia

CRDE – Comitato di ricerche deportati ebrei

DELASEM – Delegazione assistenza emigrati ebrei

EGELI – Ente di gestione e liquidazione dei beni ebraici

GNR – Guardia nazionale repubblicana

ICR – Intergovernmental Committee on Refugees

LSSHA – Leibstandarte Adolf Hitler

MI – Ministero dell’Interno

MVSN – Milizia volontaria per la sicurezza nazionale

PAI – Polizia per l’Africa italiana

PCM – Presidenza del consiglio dei ministri

PNF – Partito nazionale fascista

PFR – Partito fascista repubblicano

PS – Pubblica sicurezza

RAM – Reichsaussenminister

RSHA – Reichssicherheitshauptamt

RSI – Repubblica sociale italiana

SD – Sicherhaitsdienst

Sipo-SD – Sicherhaitspolizei und Sicherheitsdienst

SPD – Segreteria particolare del Duce (CR – carteggio riservato; CO – carteggio ordinario)

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento