LA VITA, LA MORTE

LA VITA, LA MORTE

vita-e-morte

 

di Cornelio Galas

 

Si nasce, e da allora, da allora

si comincia a morire.

Anche se nessuno lo vuole,

anche se nessuno ci crede.

 

Il parto dà lo start della corsa,

vince chi arriva per ultimo,

nel riposo strano della bara,

“resterai sempre con noi”.

 

Quante falsità, quante ipocrisie

ai funerali, all’ultimo saluto,

non li sopporto, no, no, no ….

Mors tua vita mea, mors tua …

 

Vanno via, chissà dove, chissà,

quelli con il cuore bloccato,

e comandi cerebrali a zero,

vanno via, via, via …

 

Di colpo non li senti più,

inutile telefonare,

non possono rispondere

ai tuoi messaggi.

 

Sono altrove, lontani, soli?

Ci osservano, ora, dall’alto?

Sono angeli, fantasmi, cosa?

Impossibile sentirli ancora?

 

Nel vuoto di questo mondo,

sempre più caldo e afono,

cerco certezze incerte,

solo per sopravvivere.

 

E rileggo antichi libri,

riascolto vecchie canzoni,

che parlano, che cantano

cose vere, forse, forse …

 

Lasciate tutte le speranze,

o voi ch’entrate …

in questo terribile inferno

di chi vive, in attesa di ….

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a LA VITA, LA MORTE

  1. calvanellik scrive:

    Caro Cornelio ,
    nessuno ci insegna che esiste anche la morte , men che meno a scuola.
    Nessuno ci insegna che la morte e’ la logica conseguenza della vita perché nulla e’ per sempre.
    Passiamo molti anni della nostra vita dando per scontato la vita , la nostra è quella di chi amiamo.
    Così ‘ quando arriva quel giorno , ci trova impreparati.
    Quando qualcosa ti strappa il cuore dal petto, siamo come bambini spaventati.
    Non capiamo, non vogliamo capire e forse non capiremo mai.
    Quando ti tolgono un grande affetto , vorresti morire .
    Ma se sei troppo codardo per morire , ti senti un condannato a vivere o almeno e’ cosi’ che io mi sono sentito per molto tempo ;un condannato a vivere .
    Questa condizione a volte mi accompagna ancora.
    A volte capita di pensare che forse morire e’ il male minore rispetto al morire ogni giorno in una struggente malinconia .
    Ma qualcuno dice che bisogna andare avanti e ogni volta che me lo ripetono io mi chiedo; si , ma dove ?

  2. CornelioGalas scrive:

    grazie delle bellissime parole Dino, un abbraccio

I commenti sono chiusi.