LA SFORMADA DE BROCOI DE TORBOLE

A1_RI_ID33569

Mai tastĂ i i bròcoi de Torbole (sul lach de Garda) ? Savè almen che i è i pu boni del mondo? No? Va ben. V’el digo mi, fidève na volta tant. Po’ ve spiego tut su sti bròcoi. Entant però dai che provèn a far na bela sformĂ da de bròcoi de Torbole. Che se pol magnarla anca se no se gh’Ă  i denti. Che la resuscita i morti. Che la fa ben per tut.

Alòra fen na roba per quatro. Se po’ ve pias podè semper farghela anca ai suoceri, ai amizi. Basta moltiplicar per do, tre, sei. No per dese se no se trata de ‘n matrimoni o de la cresima o dela prima comuniom dei boci.

Pronti subit sul tĂ ol dela cosina:

– en bròcol de Torbole

– n’of entrech

– dozento grami de ricota

– vinti grami de parmigiano regiano gratĂ  zò ben ben

– sal e pever quant che ve pias

-n’altro mez bròcol de Torbole (ve spiego dopo a quel che ‘l serve)

– zento grami de formai talegio (quel gnech che se schiza subit per capirne)

Po’ tegni da na panda dele fete de pan toscan, quel senza sal no?

Ve digo subit che va via quaranta minuti per prepara sta sformada de bròcoi de pTorbole. E altri vinti minuti i serve per coserla. Alòra no stè meterve a spadelàr a mezdì pasà se volè magnar a le so ore giuste. E la sera no stè encoionarve davanti ala telrvision.

Da dove scominziènte alora? Entant lavè el bròcol soto l’acqua del secèr- Torèghe via le foie e metèle en de na padelona co l’acqua salada a boìr. Quant lasènte lì sti brocoi a boir? Quando sarai pronti? Fè cosita: quando ve par che ghe sente ciapè en cortèl e vardè come ‘l vĂ  denter nela parte pu dura de solit del brocol, quela pu vizina al cor del bròcol no quela che tegnì in man oscia. Valo denter come nel buro? Bon ghe sen. Stentelo a narghe denter? Spetè n’atimin ancora. Bon quando ve par che ‘l cortel el diga de darghe da ment, scolè tut ed dìen colapasta. E po’, quando l’è bel sut, taièlo su a tochetini fini fini, tritèlo ensoma.Podè dropar la mezaluna (meza neh, no entrega) opura quei robot che de zerto i v’ha regalĂ  al matrimoni e gh’avè ancora nel nailon da qualche banda per la briga de droparlo e soratut de lavarlo (oscia l’è ‘n pecĂ  rovinarlo per i brocoi, starè disendo, ma valĂ  bacuchi, alora tegnilo lì nel nailon che i ve lo meterĂ  zo nela tomba a farve compagnia se propri volè, cramento). Bon dai che ne perdèn en ciacere per gnent.

 

Taiai su sti brocoi en qualche maniera? Miscè tut co la ricota, Miscè ancora. Meio. Podè far pu ben dai. Adès denter l’of entrech (dopo averlo rot e butĂ  via il gĂąs, se sa, ma sonte drio a spiegarghe la riceta a zent che no è gnanca bona de far na fortaia? No, tant per saver). Denter anca el formai grana gratĂ  (naria ben anca el Trentingrana neh …) e na spolverada de pever. No massa … se no ‘l sĂ  pu de pever che de brocoi dopo.

Adès miscè ancora, ancora tuta sta roba. Avrè capì che ‘n cosina se fa anca tanta ginastica. Meio no, così ve vei fam desigual…

MisciĂ  tut butè zò sta pasta liquida, ensoma che par en frulĂ  denter dei stampi dove gh’avrè mes prima buro entorno e soto, dapertut perchè no se taca gnent. No gh’avè i stampi? Ma quando avè fat la lista noze avè dit sol del robot? Oh, i stampi ghe vol, fèvei emprestar da qualcheduni che ve diga. Se ‘l savevo ve prestèvo i mei ma … el sònte mi che no i v’ha mai regalĂ  i stampini. Ma gnanca ala festa del divorzio? Mah …

Bom tut mal sti stampini pieni i va messi en forno zĂ  calt a 160 gradi per vinti minuti.

E questa l’è nada.

A parte dovè adès preparar la salsa. Sbolentè n’altro mez brocol (ve l’avevo dit che en serviva mez o no?). Scolèlo come quel de prima e taielo su a tochetini. Meio saria far tut col frulador o con quel robot che me auguro no ‘l sia ancora nel nailon.

Scaldè adès sta specie de crema en de na padela ensema al talegio taiĂ  su a tochetini. Bassa la fiamma del gas, me racomando… Quando el formai el s’è colĂ  del tut via la padela dal foch.

Entant i sformadi nel forno i dovria esser pronti no? Bon tirèli fora (gavrè ben i guanti o qualcos per no scotarme spero … se no per el prosimo aniversario de noze fevei regalar, ma dime ti … no gh’è gnanca n’atrezo che sia uno en sta casa), lassèi polsar per zinque minuti. Po’ reversèi sui vari piati da portar en tavola (quatro en sto caso). Ensoma, dal cul su drit. E sora pian pianel la so bela salsèta fata a parte. Volè che el piat el faga pu fazion? Che ‘l se presenta ben? Do ciufetini de finocio, qualche mister de l’ombrela de robe de ort, na pipiarela de salsa qua e lĂ . tochetini de limon n’aranz qualche nos (senza el gus dai). Quel che volè. E no dovrìa dirvelo ma … ghe se voleria anca el cuciar per magnar… E se no dropè quei tochetini de pan toscano che v’avevo dit. Come far la scarpeta, capì come? Ma subit, senza spetar la fin.

Cossa beverghe drio? Scolotème mi. Sto chi l’è l’antipasto.Quei lezui e studiai sul vin i dis che naria ben en spumante con perlage elegante, giallo paglierino, con profumi di frutta matura e lieviti, fresco e sapido. Metodo Classico Trentino Doc.

 E adès parlèm, en talian, del bròcol de Torbole.

Se si raccolgono ottimi broccoli anche a pochi chilometri dalle montagne innevate, nel pieno inverno trentino, lo si deve alla vicinanza del lago di Garda e al Pelèr, vento proveniente del nord-est, che crea un microclima ideale negli orti di Torbole e Linfano, sulla sponda trentina: un lieve innalzamento della temperatura sufficiente a evitare la formazione di brina, che è deleteria per l’infiorescenza dei broccoli (detti in dialetto la brocola). All’interno della variegata famiglia dei cavoli-broccoli, il broccolo di Torbole (Brassica oleracea Botrytis) costituisce una specie a sé in quanto col tempo ha perso alcune caratteristiche comuni e ne ha acquisite di nuove, migliorando e ingentilendo il suo sapore. Ha un’infiorescenza a corimbo simile ad una palla, di colore giallognolo. Se lasciata crescere, la pianta, che si sviluppa fino all’altezza di quasi un metro, si riempie di fiori gialli. I semi, di un colore rosso scuro, vengono messi a coltura verso la fine di giugno e protetti dall’eccessiva insolazione con stuoie, frequentemente bagnate. Le piantine sono pronte al trapianto dopo un mese, quando hanno 5 o 6 foglie, e la loro messa a dimora in pieno campo viene eseguita ancora in modo manuale. Il broccolo cresce rapidamente e senza cure particolari, se non quella di essere innaffiato con regolarità nelle prime settimane dopo il trapianto. La brocola è piccola, mediamente 4, 5 etti, ma bisogna considerare che anche le foglie più interne sono eduli. Gli agricoltori usano stallatico per la concimazione e ne raccolgono ogni anno appena 30 mila esemplari. Il seme viene tramandato nelle famiglie degli ortolani: tutti hanno sempre coltivato questo broccolo che ora è oggetto di studio anche da parte dei tecnici dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige.

LA PAGINA DEL BROCCOLO SU FACEBOOK

broccolo3

 PER SAPERNE MOLTO DI PIU’ …

broccolo 2

LE RICETTE DELLA NONNA CON I BROCCOLI DI TORBOLE

broccolo3

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento