LA PRIMAVERA CHE VEI PRIMA…

di Cornelio Galas

No se finìs mai d’emparĂ r a sto mondo. L’alter dì ala televisiom i ha dìt che è scominziĂ  la primavera. Osc’ia, me som dit, va bĂ©m che da quando som en pensiom no me ricordo pĂą gnent dal nĂ s ala boca, ma adĂ©s la primavera tĂ chela via ‘n dì prima? Som nĂ  alora en cosìna, vizim al frigo dove gh’è el calendario del Zamboni. Che l’è comòt neh. Entant perchĂ© se pol scriverghe su se manca el zucher, el sal, i ovi… e dopo perchĂ© el segna tute le feste e anca el mudĂ r dele lune, per dir.

E cramento, el vinti de marz l’era el dì che i ha dit quele robe en televisiom, no ‘l ventĂąm. E po’ fim da puteloti, da l’asilo dirìa, i n’ha semper ensegnĂ  da quando a quando le dura le quatro stagiom. E se te ghe disevi ala maestra che la primavera la taca via el vinti de marz prima te ciapĂ©vi en brut voto e dopo en slavadenti dai tĂłi quando te tornevi a cĂ .

Se sa, quel che i dis en televisiom miga semper l’è giust. Oh, pòl sbagliar anca lori. E alora per vegnirgh’en fòra som nĂ  da ‘n me amico che fim da bocia el gĂ  sta pasiĂłm per el sĂłl, le stĂ©le, la luna e de come la tera la se svòltola nel zèl così da far nĂ r zo e su el sol, far vegnir frĂ©t e calt. Bèm. Sto amico che mi de ste robe no ho mai capì gnent, l’ha scominziĂ  a spiegarme sta storia de la primavera bonoriva come na volta i spieghĂ©va el modo che fa nasser i boci. Cioè partendo dai fiori, dale Ă f per finir ai capĂąssi: che l’è soto quei che i nĂ sse ancora no?

Ensoma ‘l l’ha ciapĂ da larga e longa. Per arivar a dirme che sì, la primavera l’è squasi come la Pascua. Che la vèi semper de domenega ma mai nel stĂ©s dì e mes. Odìo, la primavera – el m’ha spiegĂ  – no l’è propri così balerìna. St’am l’è vegnĂąa (“se fa per dir” m’è vegnĂą da dirghe) marti vinti marz ale zinque e ‘n quart de dopodisnar. E la narĂ  cosìta fim al domiliezentodĂł (2102). Anzi, nel domiliequarantaquatro (2044) la vegnerĂ  adiritura el disnòve de marz. Per farla corta de zert no vedrò mai pu da vif la primavera … vera, quela che taca via el vintĂąm de marz. Sarìa zĂ  tant arivar a veder quela che scominzierĂ  el disnòve dai, metentela cosita.

Bòm. Ma perchĂ© de colp vèi fora che sta primavera la vèi prima del solit? Colpa dei gas che va su per aria, che scalda la tera, che no se capis come mai al Polo se còla i giĂ zi e magari nevèga nei deserti africani? O èlo perchĂ© a forza de far su case el perno del mapamondo l’ha zedĂą al peso e no sèm pĂą a piombo?

“No, no – el m’ha dit l’amico – lè na roba che gh’è semper stĂ da. L’è per via de l’equinozio”. -‘sa che z’entrei i cavai?, gò dit. E lĂą: “No mona, equinozio vol dir en pratica el moment giust che la nòt l’è gualìva al dì”. E mi: “Ma me tòt per le bale? La nòt no la sarĂ  mai gualìva al dì. L’è come dir che el bianch l’è gualìf al scur no…”.

E lu: “No, volevo dir che l’equinozio de primavera l’è propri quel moment giust che, se tussi sentĂ  a l’equatore … te sai no cosa che l’è l’equatore? Spero de si… Bem, se te fussi sentĂ  propri su l’equatore, meio, en d’en posto giust pu o mem en mez a l’Oceano Pacifico…” E mi: “Come fago a sentarme su l’aqua?” E lu: “Ma se fa per dir. Va bem, meti che fussi su na barca giust en quel posto lì, eco, en pratica el sol el sarìa propri al zenit”. E mi: “Cossa èlo, na discoteca en mez al mar? E gh’elo sol lì el sol en quel moment?”

– E lu: “FĂ me finir. En pratica da ‘n satelite su alt mi te vedrìa propri sul colmo. Da na banda la metĂ  giusta dela tera la sarìa al scur, de not ensoma. Da l’altra enveze sarìa dì, semper per metĂ  de tut el mondo”. Ve dirò che mi gavĂ©vo subit fat capir che se som en mez a l’Oceano Pacifico no l’è posibile che da na banda e da l’altra, col sol o senza sol, ghe sia la tera. Ma el me amico, che no ho mai vist sì zidiĂłs el m’ha tirĂ  en testa el mapamondo (de plastica per fortuna) che ‘l gaveva sul so tĂ ol e l’m’ha dit: “Vèdit adès la tera o sol le stĂ©le?”

E da alora no ‘l me parla pĂą. Se provo a telefonarghe el risponde semper: “Ancoi gò la luna, meio te me me staghi ala larga”.

Sta roba de l’equinozio tut mal no la me convinzeva tant. Alora som nĂ  da Ăąm lezĂą e studiĂ . “Spiegheme bem – gò dit – sta storia de la primavera che la vèi prima del temp”. E lĂą: Caro Cornelio l’è per via de l’equinozio.,, che … “. E mi:”FĂ©rmete, fĂ©rmete che per l’equinozio gò ancora na brugnòcola en testa e sarìa longa la storia da contarte…”. Lu alora l’ha scominziĂ  a parlarme ‘n taliĂ m corezĂą:

“La questione è legata al nostro calendario, quello gregoriano, che seppur accurato non rappresenta in modo identico l’anno siderale, ovvero il tempo che la Terra effettivamente impiega per compiere un’orbita attorno al Sole. Esso infatti ci impiega 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 10 secondi a fronte dei “soli” dei 365 giorni del calendario. Per mantenere sincronizzate le due misure ed evitare lo slittamento delle stagioni, è stato introdotto il sistema degli anni bisestili, che prevede l’aggiunta di un giorno alla fine di febbraio (in generale) in tutti gli anni non secolari (che non segnano il passaggio di secolo) divisibili per 4. Nonostante tutta questa serie di aggiustamenti l’equinozio sta graduale slittando all’indietro, anticipando rispetto a quanto succedeva nei secoli passati”.

Quando l’ha finì el m’ha dĂ t na sgomitĂ da nel stomech. Come dir: “Dai che adès te podi far bela figura quando i te domanda come mai la primavera la vei semper prima del temp”.

SarĂ  perchĂ© entĂ nt m’ero endromenzĂ , sarĂ  perchĂ© dopo na magnada de carne salada quel colp al stomech el me feva vegnir su tut, fasòi en bronzom compresi, ho alzĂ  la mam come dir: “Te gĂ i resòm, ades però devo nar”. Resto tut mal de la me idea: “La primavera èla vera come l’ultima?” E mès el maiom, i scarponi, el giacòm som nĂ  a tor el pam entant che fiochĂ©va…anca se l’è primavera zamai da do dì.

 Però spèta, spèta…domenega no se deve butar envanti de n’ora i orolòi? Vot veder che vei prima anca l’istĂ  st’am?


Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento