La prima préa dela Lopio-Busa

di Cornelio Galas

-Scolta, no l’è per savér i to mistéri, ma no t’ho vist su a Nàch stamatina, ‘sa gavévit da far per no vegnir a n’aveniment sì gròs?

“Perché,’s’hai fàt su a Nach da dover piantar lì tute le stràze per nar su a vardar?”

-Ma tì i lèzit i giornài o vardit sol le figure? Osc’ia stamatìna i metéva zò la prima préa dela galerìa Lopio-Busa, quela che se spéta da trent’ani…

“Ma valà che ‘l prim de april l’è zamài pasà neh…”.

-No l’è ‘n schèrz. Gh’era su tuti i politizi…dal Rossi en zò, i sindazi, quei che ha fat el progièto, quei che laorerà…

“Ma dài… osc’ia l’unica volta che no me fermo al bar Primavera a lezer i giornai … dele volte ah?”

-I gà dàt anca la benediziom al cantér neh…l’è stà don Franco, de Bolignam, sàt quel che fa le corse en montagna?

“Beh, dai fa piazer, um dela nossa Republica de Vignole almem el gh’era… anca se…”

-Anca se cossa?

“Te dirò, no l’è che sta storia la me convinza tant neh”

-Ma alora te sei el solito bastiam contrari. Diaolporco, se i benedìs la prima préa vòl dir che ale tante i tàca via co sti benedeti laori no?

“Eh ma no l’è quela so màre…”

-En che senso, scuseme, no stà parlarme che l’è per le eleziom …che se vota st’autum en Provinza de Trent neh… e po’ l’è da ‘n pèz che i ha piantà i scartabèi dei laori…

“No, no l’è quel che no me convinze, l’è sta storia dela préa…”.

-Oh varda che en tuti i mistéri grandi, tipo scòle, ciése, ospedài… i méte la prima préa propri per far veder che i tàca via a far sul serio… no te volerài miga che i scòmoda el paroco per na roba per finta…

“No, no…l’è anca quel posto lì che …”

-Cosa ghe z’entra el posto ades, sém a San Zoàn, al passo, sora Nach…

“Eco, te l’ha dita… vinti metri pù en là i aveva tacà via a far en nof albergo de Passo San Zoan…l’è ani zamai che dopo la prima préa i n’ha més anca altre…po’ de colp s’è fermà tut quant”.

-Eh ma alora te vòi propri portarghe sfiga a sti laori… deograzias che almem i ha scominzià dai…

“Va bem. Alora zento metri pu en là gh’è el nof zentro comerciale de Nach…fermo anca quel che ghe piove denter perfim…”.

-Ma sti laori chi no gh’enzola gnanca le scarpe a quei dela galeria dai, l’è robe de privati…se vede che i gà avù qualche rogna coi soldi, so bem tant mi…

“A parte che de soliti i privati i è pù svelti del publico….gh’è n’altra roba che no me mete tranquilo”.

-Dai sentìnte anca questa…

“I ha encementà la prima préa te me disévi no?”

-Sì, la prima préa…

“Eco, de solit quando se fa na galeria la prima roba che se fa l’è torla via na prima préa per po’ seitar a scavar. Se però te ghe mèti el cimento e na préa propri al prinzìpi de quel che dovrìa esser ‘n bus…te me capìssi bem che te stùpi enveze de sbusar…”.

-Sat cossa te digo Cornelio?

“Dime…”

-Meténteghe na préa sora a sta discussiom valà che devo ancora nar a disnar…

“Sì valà, tanto quando i l’avrà finìa sta galeria te vedrài che se narà ‘n giro con quei elicoterini de plastica, come se ciàmei, i cloni…. e alora pu che galerie servirà piazài per farli vegnir zò vizim al lach…”.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Codice di sicurezza *