LA POESIA

Vardo sul calendario del Zamboni. Ah su quel ghè segnĂ  tut, ma proprio tut. Equinozi, feste, giornade aposta per quel, per que l’altro. E lezo: ancoi vinti marz giornada de la poesia. Se devo eser sincero a mi de la poesia a scola i m’ha stomegĂ . Empararle a memoria po…saria come te fesse le prove de cosa dirghe a la to morosa coi fiori en mam la prima volta che te vei el coragio de di…rghe che te ghe voi bem. En disastro no? Po te vai su coi ani. E tra l’altro te capisi na roba: miga tute le poesie bele le è sui libri de scola. E no serve gnanca le paroline zo ‘n font ale antologie per capir cossa el poeta el voleva dir. Anzi, la poesia la gĂ  el so perchè per ognun de quei che la leze. Ensoma, tanti perchè. E la resta o men dentro a seconda de come a uno la ghe gira en quel moment. Dipende: se el gĂ  le bale girade, se l’è enamorĂ  cot, se l’è senza casa, laoro, dona o omenet. Ensoma dipende. Po’, se sa, bisogn far i conti anca con quel che scrive le poesie. Se l’è massa encasinĂ  de suo l’è difizile narghe drio. O meio, non tuti i ghe la fĂ . Ho provĂ  anca mi a scriver poesie. Sopratut quando ero zoven. Ma nevo massa via de nare…senza star atento a rime, ai ende, ai ca e ai sillabi. Sciapotae, ciamentele col so nome. Alora me son dit: spachem su tut. Parole libere. Come se dis sempre quando no se vol far fadiga. Ma me vei meio comunque butar zo quel che sento dentro en sto modo. Senza ligarme ai pali, senza far zonte,senza rovinar en color co le fiamae sui muri. Ancoi, se ve vanza temp, pensè a la poesia che pu ve pias. Contevela, lezevela. E se sè bravi provè anca a farvem una sol per voi.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento