LA “NON BELLIGERANZA” FASCISTA (1° settembre 1939-11 giugno 1940)

a cura di Cornelio Galas

Da “L’ItaloEuropeo”, 27 febbraio 2009

di Alberto Bertotto

“E’ certo assai più difficile perdere una guerra che vincerla. A vincere una guerra tutti sono buoni, non tutti sono capaci di perderla” (Curzio Malaparte. La pelle)

Dal 24 maggio del 1939 (firma del Patto d’Acciaio fra il Governo fascista e la Germania di Hitler) al 10 giugno del 1940 (entrata in guerra dell’Italia) fu un susseguirsi di vicende drammatiche e contraddittorie, una snervante altalena di speranze e timori che oscillava fra la pace e la guerra. Lo stesso Mussolini visse quei mesi in uno stato di incredibile confusione e incertezza, passando da un giorno all’altro, o più volte nella stessa giornata, dall’euforia bellica alla prudenza neutralista, dal furore per la subdola politica di Hitler all’invidiosa ammirazione per le sue folgoranti vittorie sul campo.

Nessuno, in Italia, voleva la guerra: non la volevano, nella maggior parte dei casi, i Gerarchi fascisti e non la volevano i generali perché erano consapevoli della nostra impreparazione militare e della sconfitta pressoché certa. Il 27 dicembre del 1939, il generale Mario Roatta, sottocapo di Stato Maggiore, presentava al maresciallo Rodolfo Graziani, capo di Stato Maggiore, un promemoria che fu portato a conoscenza di Pietro Badoglio, capo di Stato Maggiore generale, e di Mussolini stesso.

Il documento terminava così: “Le forze a disposizione sono scarse e non molto efficienti. Questo stato di cose sembra destinato a durare per tutto il 1940. Inoltre, nelle circostanze attuali, oltre un terzo delle forze a disposizione è legato a scacchieri d’oltremare. In queste condizioni, e finché esse durano, la miglior cosa da fare, se non l’unica, sarebbe quella di non scendere in guerra”.

Mario Roatta

Nel febbraio del 1940, Badoglio con queste parole commentava a Mussolini la situazione delle scorte di materiale: “Tali dati confermano quanto vi è già noto, Duce, circa l’attuale assoluta insufficienza delle nostre scorte per una guerra contro le grandi potenze”. Nell’aprile del 1940, la situazione non era di certo migliorata. Badoglio scriveva a Mussolini: “Allo stato presente la nostra preparazione è del 40 per cento”.

Nell’imminenza di una entrata in guerra cui il dittatore sembra sempre più intenzionato, Graziani redige una relazione generale, con la quale illustra lo stato complessivo delle forze armate che ha lo scopo di dissuadere Mussolini dal dichiarare una guerra per la quale il Paese non è affatto pronto. Il quadro che Graziani disegna è sconfortante, al limite del grottesco: i carri armati sono tutti leggeri, e solo settanta sono medi.

MUSSOLINI CON GRAZIANI

Le artiglierie sono quelle del 1915-18, molti pezzi sono il bottino di guerra austriaco. La contraerea è del tutto insufficiente, il che espone le città italiane ai bombardamenti senza una reale possibilità di difesa attiva. Manca il vestiario per la mobilitazione generale. Le munizioni scarseggiano in misura che va da metà del fabbisogno a un dodicesimo. Il carburante sarebbe bastato per otto mesi al massimo.

Mussolini sapeva tutto questo fin nei dettagli, eppure, il 6 giugno del 1940, al capo reparto intendenza dello Stato Maggiore, Francesco Rossi, dichiarò: “Ho letto il vostro esauriente promemoria relativo alle condizioni dell’esercito. Se io dovessi aspettare di avere l’esercito pronto dovrei entrare in guerra fra anni, mentre devo entrare subito. Faremo quello che potremo”.

Anche nelle occasioni ufficiali, Mussolini non poteva negare totalmente la realtà dei fatti, che era disastrosa, e tuttavia non pensò di agire di conseguenza. Il 29 maggio del 1940, a palazzo Venezia, in una conferenza ai capi di Stato Maggiore, dichiarò: “Considero questa situazione non ideale, ma soddisfacente”.

Carlo Favagrossa

L’industria bellica italiana era, se possibile, ancora più deficitaria. La chimera dell’autarchia era del tutto impossibile e Mussolini, nonostante la propaganda martellante, sapeva bene che l’Italia, in una guerra contro la Gran Bretagna che controllava Gibilterra e Suez, si sarebbe trovata praticamente senza apporti extra-europei. Carlo Favagrossa, commissario generale per le fabbricazioni di guerra, illustrò a Mussolini i motivi che rendevano impossibile una guerra per l’Italia.

Per raggiungere dotazioni di magazzino sufficienti ad un anno di guerra si sarebbe dovuto lavorare nelle industrie per tre anni (dal 1940 al 1943), con due turni di dieci ore, importando ogni anno quattro miliardi e mezzo di lire (valuta del 1940) di materie prime, carburanti, lubrificanti, viveri e abbigliamento civile. Insomma: conti alla mano, Favagrossa dimostrò a Mussolini l’impossibilità aritmetica di quel conflitto che il Duce desiderava tanto.

Mancavano la bellezza di 15.371 bocche da fuoco (al costo di 17 miliardi di lire valuta del 1940) per il completo rinnovamento delle artiglierie. Dove si sarebbero presi questi capitali? A quale prezzo sarebbe stata condotta una guerra che, fin dalla sua dichiarazione, si sapeva fallimentare? E a prezzo di chi? Certo, non del Duce, della folla di Gerarchi e dei potenti, di quella minoranza che poteva sempre contare su una casa comoda e piacevole, pasti caldi e abbondanti, vestiti eleganti e svaghi. Ancora una volta avrebbero pagato tutti gli altri…”

Ora, non è sufficiente domandarsi quale fosse lo stato d’animo con il quale il popolo italiano accolse lo storico discorso di Mussolini dal balcone di Palazzo Venezia, il 10 giugno del 1940; così come non è sufficiente domandarsi quale era stato il suo stato d’animo il 24 maggio del 1915. Bisogna piuttosto porsi la domanda se il fascismo seppe presentare la guerra del 1940 come un passo necessario per gli interessi vitali della Nazione e se seppe fare appello alle energie morali del popolo italiano in maniera chiara e coerente, evitando ogni forma di ambiguità e di confusione, ottenendone la massima mobilitazione in vista di uno sforzo supremo.

A questa domanda dobbiamo rispondere in maniera negativa; e lo stesso Mussolini se ne rese conto allorché, dopo le prime e amare sconfitte dell’esercito e della flotta, osservò che gli Italiani di allora non erano più quelli del 1915. Né giova osservare che l’esercito ed il popolo italiano, nella prima guerra mondiale, avevano saputo dare il meglio di sé solo dopo il disastro di Caporetto, quando la guerra da offensiva si era trasformata in difensiva e non si trattava più di liberare le terre “irredente” o di affermare la grandezza della Patria, ma di salvare la Patria stessa dall’invasione e dalla minaccia di vederla scomparire come Stato indipendente e sovrano”.

Il 14 agosto del 1939 il Nunzio vaticano a Varsavia comunicò alla Santa Sede che da quindici giorni il Führer stava ammassando forti contingenti di truppe lungo la frontiera della Polonia. Secondo l’ambasciatore polacco la questione di Danzica era solo un pretesto tedesco per assalire il suo Paese al fine di raggiungere l’Ucraina e i pozzi petroliferi rumeni. La Polonia, tuttavia, confidava nel soccorso delle potenze occidentali, mentre invece in Germania si continuava a nutrire la fatale illusione che queste non sarebbero mai intervenute.

Mussolini con Hitler

Mussolini, il 5 gennaio del 1940, scrisse una lettera a Hitler in cui suggerì una possibile soluzione per il conseguimento della pace: un accordo con le potenze occidentali fondato sul riconoscimento di uno Stato libero polacco. Ma in Germania i tedeschi erano ormai troppo sicuri di una vittoria certa per accettare un tale tipo di compromesso. Con l’invasione tedesca della Polonia (1 settembre del 1939) aveva inizio la seconda guerra mondiale. Mussolini pensava di avere centocinquanta divisioni perfettamente armate e dieci milioni di riservisti. In realtà soltanto dieci divisioni erano pronte a combattere.

Anche il vanto ed il fiore all’occhiello dell’Italia fascista, l’aviazione, era assai meno efficiente di quanto si voleva far credere. Lo stesso Mussolini, probabilmente, la sopravalutava. Ministro della Guerra, della Marina e dell’Aeronautica, Il Duce era vittima di se stesso. Aveva sempre presieduto le commissioni per il riarmo senza accorgersi che gli uomini di cui si era circondato erano abituati a dirgli non la verità, ma quel che poteva fargli piacere. Lo stesso dicasi per il capo della Polizia (Arturo Bocchini e poi Carmine Senise).

Arturo Bocchini

Nemmeno in Parlamento era mai stato concesso ai rappresentanti del popolo di discutere sulla politica estera o sul bilancio militare dell’Italia imperiale. Anche il Gran Consiglio del fascismo, l’organo consultivo del regime, era stato ammutolito. Da ciò deriva una constatazione: il leader fascista ignorava in gran parte la realtà del paese, delle forze armate e dell’opinione pubblica.

Nel Diario di Galeazzo Ciano si legge: “Non bisogna contraddirlo, perché allora è peggio”. In tutto questo periodo si distingue la figura ondivaga di Pietro Badoglio, sempre pronto a seguire l’onda pur di rimanere ai vertici del comando militare. Dopo una visita alle unità dell’esercito, De Bono gli riferì (a Mussolini, ndr) che una parte dei soldati possedeva solo un paio di stivali e una sola camicia, e qualcuno non aveva neppure un paio di pantaloni”.

Mussolini e Galeazzo Ciano in viaggio verso Monaco nel 1938

Viene preparato un telegramma per l’ambasciatore italiano a Berlino, Bernardo Attolico, con cui lo si incaricava di comunicare al Fuhrer che se il conflitto rimarrà localizzato l’Italia darà alla Germania ogni forma di aiuto politico ed economico che le sarà richiesto. Ma se ci fosse stato una guerra generalizzata, provocata dall’attacco tedesco alla Polonia, l’Italia, date le precarie condizioni di preparazione militare ripetutamente e tempestivamente segnalate agli alleati, non avrebbe preso l’iniziativa di mettere in cantiere operazioni belliche di rilievo. Questa comunicazione però non venne inoltrata.

Infatti poco tempo dopo che Mussolini e Ciano l’hanno concordata, l’ambasciatore tedesco a Roma, August von Mackensen, recapitò al Duce una lettera di Hitler in cui il Führer, dopo aver riepilogato le trattative con i sovietici, si scusa per non averlo informato prima e si giustifica dicendo che gli è mancata la visione dell’ampiezza che le conversazioni avrebbero potuto raggiungere e la certezza del successo; sottolinea i vantaggi che il patto Ribbentrop-Molotov arrecherà alla strategia tedesca e presenta la situazione dei rapporti con la Polonia come estremamente deteriorata per colpa di Varsavia.

August von Mackensen

Alla fine della missiva Hitler scriveva: “In tali condizioni nessuno può prevedere ciò che si verificherà nell’immediato avvenire. Posso però soltanto assicurarvi che vi è in qualche modo una frontiera dalla quale non posso indietreggiare a nessun patto. Inoltre posso infine assicurarvi ancora, Duce, che in situazione analoga io recherò all’Italia una piena comprensione e che Voi potete fin d’ora essere sicuro del mio atteggiamento in ogni caso del genere”.

Mackensen, Ribbentrop, Ciano e Attolico

In replica a questa lettera venne preparata e comunicata ad Attolico, perché la trasmetta a Hitler, una risposta dal tono assai conciliante (è approvato il patto con Mosca), ma nella quale erano annunciate le decisioni già scritte nel telegramma che poi non era stato inoltrato: forse per indorare la pillola a chiusura c’era scritto: “Il nostro intervento può tuttavia essere immediato se la Germania ci darà subito i mezzi bellici e le materie prime per sostenere l’urto che i franco-inglesi dirigeranno prevalentemente contro di noi. Nei nostri incontri la guerra era prevista dopo il 1942, e a quell’epoca sarei stato pronto per terra, per mare e per aria, secondo i piani concordati. Ritengo, inoltre, che le semplici misure militari italiane già prese ed altre da prendere in seguito immobilizzeranno in Europa e in Africa notevoli forze franco-britanniche”.

Mussolini e Hitler

Ormai a Berlino le speranze di un intervento italiano sono molto scarse. Però Hitler fa un ultimo tentativo: von Mackensen consegna, nella stessa serata, al Duce un’altra comunicazione del Führer con la quale si invitava Mussolini a precisare di quali mezzi bellici e di quali materie prime abbia bisogno ed entro quale tempo affinché il cancelliere nazista possa giudicare se e in che misura sia in grado di soddisfarle.

Nel 1940 nel Reich circolava una barzelletta. Alla notizia che Mussolini era entrato in guerra, L’Oberkommando der Whermatch aveva commentato: “Adesso dovremo mandargli contro dieci divisioni”. Al che qualcuno si era affrettato a precisare che l’Italia partecipava al conflitto come alleato. La risposta dell’OKW è stata caustica: “Allora di divisioni dobbiamo mandarne almeno venti”. E pensare che il Duce, nel corso della guerra, aveva affermato: “Speriamo che finisca con un disastro per tutti, tranne che per noi”. Mussolini sperava che nel disastro fosse coinvolto anche l’alleato, la Germania nazista.

Denis Mack Smith

Ha detto Denis Mack Smith. “Se si osserva Mussolini fra l’estate del 1939 e la primavera del 1940 troviamo un uomo che ondeggia. Un uomo che ha in odio Hitler, e la parola odio si può usare. Un uomo che è invidioso di Hitler e che confida nella sua sconfitta. Non si possono spiegare altrimenti le informazioni che direttamente e attraverso i canali diplomatici Mussolini e Galeazzo Ciano passarono prima agli inglesi e poi ai belgi”.

Nel giugno del 1940, ai suoi generali il Duce ordinò: “Non dite niente ai tedeschi, i nostri piani devono restare fra di noi, non vorrei che l’alleanza diventi troppo stretta”. A Roma, in quelle settimane decisive, si fronteggiavano, con forze apparentemente equivalenti, il partito della guerra e quello della pace. I bene informati parlavano di un crescente malumore nei confronti dell’alleato tedesco, Virginio Gayda, il microfono del Duce, polemizzando con gli accordi tra i tedeschi ed i sovietici, scriveva che “l’Italia non permetterà giammai che la Russia bolscevica continui la sua avanzata al di là dei Carpazi, nella valle del Danubio, nei Balcani o verso il Mediterraneo”.

Virginio Gayda

Le correnti moderate del fascismo, devote alla Monarchia e rispettose della Chiesa, avverse all’Asse e al nazismo, seguaci di una politica di libertà, di conciliazione interna e internazionale e di cooperazione attiva con le potenze occidentali, sembravano aver preso ormai il sopravvento. Quando i tedeschi hanno invaso la Polonia, Mussolini rese noto ai suoi Ministri che aveva deciso, almeno per il momento, di non intervenire nel conflitto. Il termine “neutralità”, vile e rinunciatario, venne scartato ed al suo posto si coniò l’espressione “non belligeranza” (un suggerimento di G. Ciano). Per il capo dei fascisti più dei fatti avevano importanza le parole.

Come anzi detto, dopo esplicita richiesta, il Duce ricevette da Hitler un messaggio nel quale l’Italia era esentata dall’intervenire in guerra. Una decisione capace di deprimere, di prostrare e di rendere ancor più irritabile di prima il fondatore dell’Impero. Allora alzava la voce imprecando: “La razza italiana è una razza di pecore”.

La dichiarazione di “non belligeranza” fu gradita dagli italiani, anche se evidenziò qual era la realtà ineliminabile dell’Italia fascista: un divario manifesto tra le parole e i fatti, tra le intenzioni dichiarate (che erano sempre state bellicose) e le deliberazioni prese. Mentre l’Italia adottava la linea della “non belligeranza”, i Paesi del Nuovo Patto Balcanico si dichiaravano neutrali. E ciò anche se la Bulgaria e la Jugoslavia erano sostanzialmente schierate con i tedeschi, Grecia e Romania con gli occidentali, mentre la sola Turchia appariva relativamente equidistante dagli uni e dagli altri.

In linea di massima la volontà di mantenersi fuori dal conflitto era sincera e fungeva da collante per le Nazioni balcaniche. Esse si trovavano perfettamente d’accordo anche su di un altro punto: collegarsi all’Italia “non belligerante” (considerata potenza balcanica in quanto dominatrice dell’Albania) e chiederle di guidare la loro cordata che avrebbe dovuto coinvolgere anche a un altro Paese germanofilo, l’Ungheria.

Claretta e Miriam Petacci

Il 10 giugno del 1940 Mussolini dichiara guerra alla Francia e all’Inghilterra: “Scendiamo in campo contro le democrazie plutocratiche e reazionarie dell’Occidente che in ogni tempo hanno ostacolato la marcia e spesso insidiato l’esistenza del popolo italiano”. La prima a conoscere le parole esatte con cui l’avvenimento sarebbe stato annunciato fu Myriam, la sorella più piccola di Claretta Petacci, l’amante del Duce. Mussolini telefonò alla Camilluccia (la villa romana dei Petacci) poco dopo le quattro del pomeriggio del 10 giugno, ma Claretta era uscita con la mamma e così rispose la “cognatina”. Fu lei a raccogliere l’indiscrezione. Si limitò a sussurrare nel microfono, con la voce adolescente emozionata: “Finalmente”.

Il 28 ottobre del 1940 l’Italia attaccò la Grecia senza preavvertire la Germania, senza un’adeguata preparazione militare, con insufficienti armamenti, con scarse attrezzature e con generali incapaci sul piano tattico-strategico. Queste evidenti lacune favorirono, ovviamente, la resistenza dei greci. La situazione fu sbloccata dall’intervento di Hitler che invase la Jugoslavia (aprile del 1941). Le truppe tedesche si ricongiunsero con quelle italiane, stroncando l’esercito ellenico. Per Hitler ciò comportò l’egemonia sui Balcani. L’Italia, invece, ottenne solo il controllo di alcune zone della Jugoslavia, scontando la manifestata impossibilità di condurre una guerra autonoma dalla Germania e la completa subordinazione agli interessi militari e politici dell’alleato prussiano.

Anche nel Mediterraneo e sul fronte africano la guerra si trasformò di fatto in una guerra diretta dalla Stato Maggiore nazista. Per certi versi, paradossalmente, gli italiani ed il mondo intero devono molto a Mussolini, almeno a giudicare dalle osservazioni della Leni Riefensthal, la famosa regista tedesca, che, a fine guerra, ha riportato alcune confidenze di Hitler: “Per noi, l’entrata in guerra dell’Italia è stata una sventura, se non attaccavano la Grecia che provocò il nostro intervento di aiuti, il conflitto sarebbe evoluto diversamente. In Russia, avremmo anticipato la morsa del gelo, conquistando Leningrado e Mosca, né mai ci sarebbe stata alcuna Stalingrado”.

Appare dunque probabile che la avventata avventura bellica dell’Italia nei Balcani abbia contribuito alla caduta del nazismo. I molti italiani che sono andati a morire su tutti i fronti senza nemmeno sapere il perché dovrebbero almeno avere per epitaffio la frase del Führer.

Nell’ottobre-novembre del 1939, in un momento così critico, Mussolini attuò un radicale “cambio della guardia”. Pietro Badoglio continuò ad essere il capo dello Stato Maggiore Generale, mentre a capo dello Stato Maggiore dell’Esercito venne nominato il maresciallo d’Italia Graziani, già Viceré d’Etiopia (carica lasciata nel novembre del 1937 al Duca Amedeo D’Aosta).

Il Graziani era adatto alla guerra e alla guerriglia coloniale, ma non nella prospettiva di una conflitto europeo. Una vasta rotazione investi anche i Ministri: il segretario del Partito Nazionale Fascista, Achille Starace, fu esonerato per aver ingannato Mussolini sull’orientamento degli italiani a favore dell’intervento. Nominato Capo di Stato Maggiore della Milizia, venne sostituito da Ettore Muti, un personaggio inadeguato per i compiti che doveva assolvere. Una scelta infelice da addebitare a Mussolini.

Ettore Muti con Mussolini

La neutralità italiana, filotedesca, era comunque utile alla Germania: la minaccia dietro l’angolo di un intervento militare improvviso da parte italiana costringeva le truppe francesi a presidiare le Alpi. Mussolini, poi, passava puntualmente ai tedeschi le informazioni avute da fonti occidentali. Nel contempo, d’altra parte, la neutralità lasciava a Mussolini la possibilità di passare in campo occidentale qualora le cose si fossero messe male per la Germania nazista.

In sostanza, nella situazione drammatica in cui l’Italia e l’Europa si erano venute a trovare dopo che i tedeschi avevano aggredito la Polonia, le idee di Mussolini erano più che mai contrastanti. Incoraggiava la Germania ad attaccare il Belgio neutrale e, contemporaneamente, informava il Governo belga delle intenzioni di Hitler. Minacciava fuoco e fiamme contro la Francia, ma continuava a fortificare la frontiera del Brennero (il Vallo Littorio o “vallo del non mi fido”).

Le punte di metallo e cemento a Pian dei Morti, sulle montagne sopra l’alta val Venosta in Alto Adige, al confine con l’Austria. La barriera fa parte del vallo alpino Littorio voluto da Benito Mussolini nel 1940

Sapute queste iniziative mussoliniane, la fiducia di Hitler nei confronti dell’alleato italiano ne ha indubbiamente risentito. Per dimostrare che aveva fretta di vedere Mussolini per chiarirsi le idee, il Führer lasciò la Prussia Orientale per raggiungere una località prossima alla frontiera italiana. Non immaginava il colpo di scena: il Duce rifiutò l’incontro con la banale scusa di un raffreddore. Ciò nonostante, fino all’ultimo, è restato nel Führer un fondo di solidarietà e di ammirazione per il dittatore fascista, il suo antico “maestro”

Mussolini in quei giorni amava dire: “Sembra che come pacifista, in Italia, ci sia rimasto solo io”. L’inglese Neville Chamberlain riteneva importante la posizione italiana di “non belligeranza”, ma il suo atteggiamento è stato profondamente condannato dalla storia. Chamberlain è stato, infatti, criticato per un eccesso di staticità: non ha fatto nulla affinché l’Italia si staccasse dall’Asse. L’Inghilterra stava perdendo quello che storicamente è stato il suo ruolo nelle relazioni internazionali: non era più l’ago della bilancia degli equilibri mondiali.

Mussolini e Chamberlain

Il Duce voleva, infatti, trasformare l’Italia in una grande potenza simile all’antico Impero dei Cesari. Nello stesso tempo, il fascio era simbolo di unità: solo una Nazione unita e non lacerata dalla lotta di classe poteva lanciarsi nell’impresa imperialistica che avrebbe dovuto consegnare di nuovo al Paese il dominio sul bacino del Mediterraneo e su gran parte del continente africano. Difficilmente Mussolini stesso avrebbe saputo dire che cosa precisamente significasse questo “trasporto imperiale”. La frase, però, suonava bene. Il mondo intero da tempo osannava il Governo anti-democratico e autoritario del fascismo.

Ad esempio, nell’America del 1932 un sondaggio che chiedeva chi è “il più grande uomo del mondo” vide vincitore Mussolini. Il New York Times lo definì “l’uomo di Stato più chiaroveggente del momento”. Negli anni ‘30 nessuno più si ricordava o diceva come quel Governo era salito al potere. Con le conquiste africane, affiorò in Mussolini lo spettro della mescolanza delle razze e la paura che gli indigeni coloniali potessero pretendere l’uguaglianza con gli italiani. Da queste paure derivò una legislazione volta a rassicurare il Duce e i Gerarchi fascisti che la superiorità della razza italiana si sarebbe imposta su quella nera e che le due razze sarebbero state tenute separate e distinte in difesa dell’ “orgoglio di razza” del colonizzatore.

La volontà del Duce di partecipare al conflitto scatenato dagli eserciti del Reich cozzava contro la realtà. Lui, da cui solo dipendeva l’iniziativa di prendere le estreme decisioni belliciste, passava più volte da un proposito all’altro, barcamenandosi in un’abissale indecisione. Uno dei problemi più gravi era quello dei rifornimenti di carbone, che già cominciava a scarseggiare, tanto da paralizzare l’industria degli armamenti. Nel contempo, mentre era in discussione l’alleanza con la Germania per fare una guerra da buoni alleati, l’Italia forniva armi alla Francia e alla Russia.

Mussolini pensava che l’Italia, una volta scesa in campo, dovesse condurre quella che egli definiva una “guerra parallela”, dovesse cioè avere una strategia propria, indipendente da quella della Germania. La Jugoslavia e la Grecia, cioè il bacino del mediterraneo avrebbe dovuto essere il suo campo d’azione militare. Come il Duce spiegò ai suoi più intimi collaboratori, per l’Italia si trattava di un calcolo sottile: intervenire non troppo presto, né troppo tardi. Per Mussolini, la guerra stava all’uomo come la maternità sta alla donna. Probabilmente, l’essenza metapolitica del fascismo sta proprio in questa visione epico-eroica dell’esistenza, in questa esaltazione della guerra come ideale anagogico di vita.

All’inizio delle ostilità, l’esercito francese, considerato il più forte del mondo, cui si era aggiunto il corpo di spedizione britannico, era schierato dietro l’invalicabile linea Maginot. Quello tedesco, molto più debole poiché il grosso era impegnato in Polonia, stava dietro la linea Sigfrido. Ma per mesi non si sparò un solo colpo: entrambi gli schieramenti facevano il possibile per non irritare il nemico reciproco. Evidentemente aspettavano qualcosa. Ma cosa? E perché gli alleati corsero ad aiutare la Finlandia attaccata dalla Russia anziché combattere i tedeschi?

In quei mesi era la diplomazia ad avere il sopravvento. Gli Stati Maggiori francesi e inglesi avevano già approntato piani napoleonici per l’invasione dell’Unione sovietica. Ma chi poteva essere, se non Mussolini, l’uomo capace di indurre Hitler a cercare ad Oriente il suo spazio vitale? E infatti il Duce ci provò, ma non fu ascoltato. Scrisse apertamente Mussolini: “La Russia è estranea all’Europa. Il compito della Germania è questo: difendere l’Europa dall’Asia”. Ad ovest avrebbe regnato la pace e le Nazioni europee occidentali avrebbero visto superato il pericolo bolscevico.

In fondo il Belgio, l’Olanda e la Francia non erano ancora state attaccate e invase dai tedeschi. Alla guida degli inglesi c’era ancora il teorico dell’appeasement, l’arrendevole N. Chamberlain e non il determinato Winston Churchill. Insomma, tutto era allora possibile. Anche ribaltare le alleanze per poi correre congiunti contro i Soviet russi, tedeschi e italiani compresi. Così la drole de guerre, la buffa guerra non combattuta sul fronte occidentale, alimenterà gli ultimi barlumi di speranza.

Mussolini e Vittorio Emanuele III

Il 31 marzo del 1940 il Duce confermò che egli avrebbe ritardato l’intervento “il più a lungo possibile”. Isolato e solitario per sua stessa scelta, attese fino ai primi di aprile per comunicare agli Stati Maggiori dell’Esercito e della Marina che la dichiarazione di guerra si avvicinava inesorabilmente. I Savoia erano contrarissimi all’entrata in guerra dell’Italia. Vittorio Emanuele III operò in questa direzione argomentando direttamente con Mussolini, spronando generali e Gerarchi contrari al conflitto a far sentire la loro voce e cercando di organizzare la successione indolore del Duce ad opera del genero, il delfino G. Ciano.

Le azioni del Re erano note in tutte le Cancellerie. “Io sono nel libro nero della Germania”, diceva il Sovrano a Ciano il 5 marzo del 1940. Paradossalmente, un’Europa dominata dalle dittature trovava nelle Monarchie gli insperati difensori della pace. In realtà il Re non voleva sporcarsi le mani e le dita le faceva scottare agli altri. Il che si è puntualmente verificato dopo l’8 settembre del 1943.

Visita ufficiale di Hitler a Roma nel 1938; sul palco in prima fila da sinistra: Benito Mussolini, Adolf Hitler, Vittorio Emanuele III, Elena del Montenegro; in seconda fila, da sinistra: Joachim von Ribbentrop, Joseph Goebbels, Rudolf Hess, Heinrich Himmler

Nei venti anni del regime fascista Vittorio Emanuele III accettò di buon grado gli onori e i titoli (Imperatore di Etiopia, Re d’Albania) tributatigli dal fascismo, ma fu esautorato da qualsiasi esercizio del potere e relegato a ruoli puramente rappresentativi. Fu censurato, criticato, additato come il principale responsabile della caduta della Monarchia. Il giudizio della storia sulla figura di Re Vittorio Emanuele III è spietato, senza appello; ma fu veramente questa sorta di sciagura o solo un personaggio travolto da eventi imprevedibili?

Vittima o colpevole dunque? Una cosa è certa: il figlio di Umberto I, per sua stessa ammissione, non aveva né l’indole, né il carattere per governare, ma la tragica morte del padre, per mano di Gaetano Bresci, lo proiettò, oltretutto giovanissimo, sul trono di una fragile Monarchia come quella italiana assolutamente bisognosa di un capo carismatico, capace e deciso.

Pur non avendo tali caratteristiche, Vittorio Emanuele rimarrà in sella per ben 46 anni costellati da immani lutti e tragedie, a partire dal primo conflitto mondiale originatosi a Sarajevo e conclusosi con la pace parigina di Versailles. Sbagliò tanto, tantissimo, ma mentre le decisioni iniziali (1915), pur se errate ed azzardate, con il senno di poi, potevano essere dettate da una certa logica e, in qualche modo, giustificabili, ciò che, viceversa, deve essere condannato è stato il suo silenzio dinanzi agli atti di una dittatura da lui sfruttata, per titoli ed onori, negli anni dei trionfi e rinnegata solo nel momento della disfatta.

Ciononostante Re Vittorio avrebbe potuto riscattare le sue colpe assumendo il comando di un’Italia allo sbando (1943), ma la sua fuga a Brindisi, con tutte le conseguenze che ne derivarono, rappresentò il definitivo fallimento di 46 anni di regno, fallimento che gettò nel fango il suo casato, distrusse, agli occhi degli italiani, il ricordo delle imprese dei suoi
gloriosi ascendenti e costrinse i suoi discendenti all’esilio dal suolo patrio.

La irrisolubile disputa polacco-tedesca per Danzica ed il “corridoio” condusse a fine agosto del 1939, dopo il patto Molotov-Ribbentrop, sull’orlo della guerra. Chamberlain ritenne opportuno spronare Mussolini ad intervenire per far valere la sua influenza sul Fuhrer e ricondurlo a più miti intenzioni. Il Duce ci provò firmando lettere, inviando telegrammi e facendo intervenire l’ambasciatore Attolico a Berlino e Ciano da Roma. Furono dieci giorni roventi. L’Italia progettava un incontro a quattro, da tenersi il 5 settembre a San Remo, simile a quello avvenuto l’anno prima a Monaco. Ma il “no” di Hitler fu secco.

La trasformazione della “non belligeranza” in neutralità molto probabilmente avrebbe portato un passaggio dell’Italia dalla parte del democrazie occidentali. Poiché queste diedero sempre più alla guerra che avevano dichiarato alla Germania il carattere di una lotta ideologica contro il nazismo, il cambiamento di campo italiano avrebbe inevitabilmente implicato la trasformazione del fascismo da regime reazionario di massa a regime reazionario-conservatore o conservatore-moderato ed alla rinuncia a tutto, o gran parte, del programma espansionista propagandato dal regime mussoliniano.

Le mire coloniali ed imperialistiche del fascismo si erano già mostrate nel 1926. Il 7 aprile ci fu la prima dichiarazione di guerra ideologica fatta da Mussolini, capo del Governo, alla democrazia internazionale: “Noi rappresentiamo la netta, categorica, decisa antitesi a tutto il mondo della democrazia. Stando così le cose, non dobbiamo sorprenderci di trovare tutto il mondo degli immortali principi schierato contro di noi. Noi romperemo, se sarà necessario, il cerchio che ci stringe. L’Italia esiste e reclama il pieno diritto di esistere nel mondo”.

Paul Reynaud

Nell’aprile del 1940 l’invasione tedesca della Norvegia e della Danimarca convinse Mussolini che era ormai giunto il momento d’intervenire per non perdere, disse, “l’appuntamento con la storia”. Inutili gli appelli di Paul Reynaud, del Papa, di F. Delano Roosevelt e di W. Churchill (aprile e maggio). La propaganda bellica si accentuò, la guerra fu presentata agli italiani come se fosse una gloria ed un vantaggio e la vittoria militare venne dichiarata sicura ed indiscutibile. L’occupazione tedesca del Belgio e l’avanzata dei carri armati tedeschi in Francia completarono il quadro.

Anche quelli tra i Gerarchi (G. Ciano in primis) che erano critici sulle prospettive della guerra approvarono i piani del Duce. L’Inghilterra non faceva altro che provocare, interdicendo la rotta ai nostri bastimenti mercantili senza esitare ad attaccarli (nessun preavviso e in condizioni di pace). C’è chi ha detto che “la presunta “neutralità” sarebbe stata del tutto controproducente. Non soltanto perché l’Inghilterra ci voleva assolutamente in guerra e in questa ci avrebbe trascinati prima o poi, tramite le provocazioni aperte e le subdole manovre di corridoio, ma perché era in gioco la politica mediterranea intera e, con essa, l’esistenza stessa dell’Italia come avvenire e comunità di destino. Ognuno è libero di pensare come meglio crede.

A pagina 189 del libro di Eric J.Hobsbawm, “Il Secolo Breve” (Rizzoli, 1995), l’ autore, membro insospettabile della British & American Academy of Arts and Sciences, parlando di Mussolini, afferma che il 10 giugno 1940, entrando in guerra contro la Francia e l’Inghilterra, il Duce era arrivato alla conclusione sbagliata, ma non irragionevole, che i tedeschi avevano ormai vinto la guerra. Secondo il capo del fascismo l’unica forza che poteva opporsi a quella tedesca era la grande armée, quella della Marna di venticinque anni prima. Sicché, quando la vide spazzata via in sette giorni, pensò che più nulla e nessuno potesse fermare lo scatenato Hitler. Credeva sul serio che gli inglesi fossero “il popolo dei cinque pasti”, che non avrebbero resistito se i pasti si fossero ridotti a quattro.

Mussolini

E quanto all’America, nessuno riusciva a levargli dalla testa che mai e poi mai, come disse a Dino Grandi, sarebbe riuscita a trasformare la sua industria di pace in industria di guerra. Ecco perché in guerra volle entrare: perché era persuaso che, essendo già vinta, non ci fosse bisogno di farla. Tant’è vero che lasciò ugualmente partire i migliori pezzi della nostra Marina mercantile: convinto che, anche se posti sotto sequestro in porti stranieri, come furono quasi tutti, subito dopo ci sarebbero stati restituiti.

Alla fine di maggio, nel momento peggiore per la Francia e per l’Inghilterra (che aveva cominciato da Dunkerque il ritiro delle truppe britanniche dal suolo francese), mentre l’offensiva tedesca travolgeva anche il Belgio e l’Olanda, Mussolini informò i capi militari che l’Italia sarebbe entrata in guerra la settimana successiva. Roosevelt definì quella decisione una “pugnalata alle spalle” inferta alla Francia ormai agonizzante. Il Duce affermò che gli occorrevano mille o duemila morti italiani per sedersi al tavolo della pace, per dettare le condizioni dell’Italia littoria e per ottenere “la sua parte del bottino”.

Il Corriere della Sera uscì con titoli a caratteri cubitali. In prima pagina si legge: “Folgorante annunzio del Duce. La guerra alla Gran Bretagna e alla Francia. Popolo italiano corri alle armi”. E naturalmente l’articolo di spalla si aprì con il titolo classico: “Vinceremo”. Quello che è successo dopo lo sappiamo tutti. Il Patto d’Acciaio si è progressivamente arrugginito sotto l’erosione dell’onda salatissima delle inevitabili sconfitte belliche, atroce corollario, indelebile onta.

Le democrazie occidentali avrebbero dovuto lasciare che Hitler ingrandisse il suo Reich ad est fino a quando non fosse entrato in guerra con un’Unione Sovietica che era persino più pericolosa della Germania hitleriana. Una volta che questi regimi dittatoriali si fossero reciprocamente sfiancati, le potenze democratiche occidentali avrebbero potuto dominare l’Europa. Le vite di milioni di soldati e di civili occidentali sarebbero state risparmiate. Alla fine, Churchill e Roosevelt erano così ossessionati di distruggere la Germania, e così sedotti dallo “Zio Joe” Stalin, che lasciarono mezza Europa all’Unione Sovietica, una tirannia molto più assassina e pericolosa, per ordine di grandezza, della Germania di Hitler.

Roosevelt con Stalin

Dalla sua cella nel Gulag sovietico, Alexander Solgenitsin chiamò Roosevelt e Churchill “stupidi”. Quando i tedeschi travolsero le difese anglo-francesi e inseguirono gli alleati sino alle spiagge di Dunkerque, il ministro degli Esteri inglese, Lord Halifax, sperò per qualche giorno che Mussolini avrebbe recitato ancora una volta, come a Monaco nel 1938, la parte del mediatore. Churchill, dal canto suo, indirizzò un appello a Mussolini: “Ora che ho assunto l’ufficio di Primo Ministro e Ministro della Difesa torno con la memori ai nostri incontri di Roma e sento il desiderio di rivolgere parole di buona volontà a Voi come capo della nazione italiana attraverso quello che sembra divenire un baratro sempre più allargantesi. E’ troppo tardi per impedire che scorra un fiume di sangue fra i popoli britannico e italiano?”.

Ma non intendeva né umiliarsi, né accettare sacrifici. La Gran Bretagna, sostenne nei giorni seguenti, aveva una sola prospettiva politica: continuare a combattere. Da quel momento Churchill fece del suo meglio per indurre gli italiani a separarsi da Mussolini. Nel giorno di Natale del 1940, con un appello radiofonico alla “Nazione italiana”, li incitò a “rovesciare il Duce”.

Nel 1941, quando perdemmo Addis Abeba e Bengasi, il vecchio “amico” di Mussolini mise su carta un progetto in quattro punti: la creazione di una “legione Garibaldi”, composta da prigionieri di guerra e anti-fascisti, che avrebbe combattuto a fianco degli inglesi; la costituzione in Cirenaica di una “libera colonia italiana”, simile alle colonie francesi che non avevano accettato la resa di Pétain; un pagamento in denaro per gli ufficiali di marina che avrebbero consegnato le loro navi alla Gran Bretagna (da 15.000 dollari per un Mas a 300.000 dollari per una corazzata); la ricerca di un “De Gaulle italiano” a cui affidare il comando della Legione e forse, più tardi, il governo del Paese.

Per trovare il “De Gaulle italiano” fu preso in considerazione, tra gli altri, il generale Bergonzoli (“barba elettrica”), ma il Ministero della Guerra britannico lo giudicò “gabbamondo” e l’intero progetto finì in archivio. Mussolini e Churchill si conobbero, si apprezzarono e dettero prova di una certa reciproca simpatia sino al giorno in cui poterono trarre dai loro rapporti qualche utilità. Quando l’amicizia italo-inglese divenne incompatibile con l’amicizia italo-tedesca, ciascuno dei due andò per la sua strada.

Dice bene Lucio Caracciolo: “Jalta è sinonimo di divisione dell’Europa. Ma davvero l’Europa fu divisa a Jalta? Memorialistica e storiografia non hanno dato una risposta certa a questa domanda. Anche perché fino a pochi anni fa qualsiasi tesi poteva apparire condizionata dalla guerra fredda, che per alcuni inizia a Jalta. Dopo la fine “ufficiale” del confronto bipolare per suicidio di una delle due parti in conflitto, è possibile illuminare di una luce meno ideologica quella lunga settimana (4-11 febbraio 1945) che vide riuniti in Crimea i tre grandi protagonisti dell’alleanza anti-tedesca, Roosevelt, Churchill e Stalin?”

Gli scopi principali di Roosevelt erano tre: garantirsi l’entrata in guerra dell’Unione Sovietica contro il Giappone; ottenere l’assenso sovietico a partecipare alle future Nazioni Unite, suprema istanza regolatrice del mondo postbellico; impedire che la sfera d’influenza sovietica, prodotto dell’avanzata dell’Armata Rossa in Europa orientale e centrale, diventasse area di assoluto dominio di Mosca. Il presidente americano immaginava quindi una Europa di mezzo, formata da paesi amici dell’Urss ma non comunisti, la quadratura del cerchio, mentre temeva che i britannici potessero favorire, ovunque possibile, le forze di destra o comunque schiettamente anti-comuniste.

Churchill e Roosevelt

Churchill, da buon leader inglese, era soprattutto interessato a impedire che una sola potenza, in questo caso l’Urss, prendesse il controllo dell’Europa continentale. Perciò volle in ogni modo riportare la Francia al rango di grande potenza (le sarà assegnata una Zona di occupazione in Germania, ricavata da quelle americana e britannica), evitare lo smembramento della Germania, e impedire che Stalin mettesse le mani, direttamente o indirettamente, sulla Polonia e sugli altri paesi europei “liberati” dall’Armata Rossa”.

Ma la Gran Bretagna era allo stremo. Il suo rango di grande potenza era più onorifico che effettivo. Sicché Churchill dovrà limitarsi al ruolo di indocile ma flebile Cassandra, sigillato poco più di un anno dopo con il discorso di Fulton sulla “cortina di ferro”. Quanto a Stalin, che Roosevelt già nel 1943 a Teheran si preoccupava di vezzeggiare, chiamandolo “zio Giuseppe”, le sue preoccupazioni erano più terrestri, derivate dalla classica geopolitica zarista. Non per nulla, a chi pochi mesi dopo si congratulava con lui per la conquista di Berlino, ricorderà che il grande zar Alessandro era arrivato a Parigi.

La conferenza di Yalta

Già prima di Jalta, Stalin aveva posto le premesse dell’espansione sovietica verso il cuore dell’Europa. Ad esempio preparando l’annessione dell’Ucraina sub-carpatica e poi della Galizia polacca, in modo da costruire una frontiera comune fra l’Urss e due dei suoi futuri satelliti, l’Ungheria e la Cecoslovacchia. Alla fine, l’accordo di Jalta, un’intesa che per ragioni politiche i leader occidentali non potevano non siglare, e questo Stalin lo sapeva benissimo, fu sufficientemente ambiguo da consentire a Roosevelt di presentarsi al Congresso da vincitore.

Cedendo al lirismo idealistico di tradizione americana, egli proclamò che Jalta significava “la fine del sistema dell’azione unilaterale, delle alleanze esclusive, delle sfere di influenza e degli altri espedienti che sono stati sperimentati per secoli e hanno sempre fallito”. A spingere Roosevelt a tanto ottimismo erano l’accettazione staliniana delle Nazioni Unite e la firma della “Dichiarazione sull’Europa liberata” da parte dei tre leader, insieme alla promessa sovietica di “affiancare gli Usa nella battaglia finale contro l’impero nipponico”.

Stalin con Molotov

Ma per Stalin non si trattava affatto di concessioni. Garantendosi il diritto di veto permanente, il dittatore sovietico depotenziava l’Onu prima ancora che nascesse. Quanto ai grandi principi democratici proclamati nella “Dichiarazione” di Jalta, per Stalin non valevano l’inchiostro con cui erano stati scritti. Per chi ne dubitasse, bastava leggere la dichiarazione, questa sì sostanziale, del Ministro degli Esteri Molotov, secondo cui il documento che prometteva un avvenire libero e democratico al continente intero era “un’ingerenza negli affari interni dell’Europa orientale”.

Infine, Stalin aveva tutto l’interesse a partecipare alla spartizione delle spoglie giapponesi. In un protocollo segreto, ottenne da Roosevelt in cambio della “concessione” ad affiancare Washington contro Tokyo, il controllo della Manciuria. Come noterà nel 1994 Henry Kissinger, in altre parole, Roosevelt aveva garantito a Stalin una sfera d’influenza nella Cina settentrionale per incoraggiarlo a partecipare a un ordine mondiale (quello delle Nazioni Unite) che avrebbe dovuto rendere irrilevanti le rispettive sfere d’influenza.

Churchill, molto più addentro degli americani alla geopolitica continentale e alla mentalità russa, fu dunque sconfitto nelle sue ambizioni di contenimento del sovietico Drang nach Westen, ammesso che fosse possibile frenarlo senza una nuova guerra cui l’Occidente non era pronto. A farne le spese fu anzitutto la Polonia. In barba ai principi della Dichiarazione di Jalta, essa fu rapidamente inglobata da Stalin nel suo dominio, senza che gli alleati occidentali volessero o potessero impedirglielo.

Alla fine, le ambiguità di Jalta furono risolte dalla “correlazione delle forze” sul terreno, per usare la termologia cara a Stalin. In quel momento l’Armata Rossa era a 80 chilometri da Berlino, mentre gli alleati occidentali non avevano ancora guadato il Reno, dopo essere stati frenati dalla controffensiva hitleriana delle Ardenne. E Roosevelt aveva avuto cura di rassicurare Stalin sul fatto che entro due anni avrebbe “riportato i ragazzi a casa”.

Davanti alle vittoriose avanguardie sovietiche si apriva quindi la prospettiva di un vuoto strategico e geopolitico. Un vacuum che, nel tempo, le avrebbe forse risucchiate fino alle rive dell’Atlantico, come nei più smodati sogni di Stalin e dei suoi ambiziosi predecessori al Cremlino. Ci vorranno almeno due anni perché gli americani abbandonino definitivamente l’illusione di addomesticare l’Urss. Ma a quel punto l’Europa era già spaccata in due. Probabilmente ha ragione un acuto storico della guerra fredda, Georges-Henri Soutou: “è falso dire che Jalta abbia significato la spartizione dell’Europa”. Non c’è un solo documento che comprovi un simile patto diabolico.La lezione della Crimea, semmai, è che quando la retorica si allontana troppo dai rapporti di forza, questi finiscono per prevalere. E per produrre le loro retoriche.

Alberto Bertotto

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a LA “NON BELLIGERANZA” FASCISTA (1° settembre 1939-11 giugno 1940)

  1. Francesco Camobreco scrive:

    Buongiorno,ad inizio articolo viene evidenziato con annessa foto August von Mackensen ambasciatore tedesco in Italia. August von Mackensen era un Felmaresciallo della WWI vincitore di Gorlice e padre di von Mackensen ambasciatore e di von Mackensen Generale in Russia ed in Italia sotto Kesselring. cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Codice di sicurezza *