LA FIM DEL MONDO

LA FIM DEL MONDO

fine_mondo_scenari

del Cornelio Galas

Ah no volerìa de zerto esserghe quel dì. Che vegnerĂ  zò pali de fer, fòghi, sĂ ssi, de tut. Ah no, no voi miga deventĂ r na statua de crĂ©a come quele de Pompei. Che dopo i te tĂłca, i te sbava ados, i lassa che la piòza la te ruga. Meio nar for dai tĂłvi prima. Meio lassar sto mondo prima che vegna la so fim. E star su le sue. No dir, no scriver, no pensar gnent che no sia quel che se deve dir, scriver, pensar. Meio no nar pu ‘n lĂ  de quel che se dovrìa. Meio no … far de pèzo. Meio far de meio. Che dopo, se sa, la narĂ  mal, mal, mal. En casìm. VegnirĂ  i cavalĂ©ri de l’Apocalisse, quei co le trombe che sona la fim del mondo. Zo tut. ZitĂ , capanoni de cimento. Come na guera. Zo tut. Na guera, na guera, l’ultima guera. E na volta tant non per colpa dei òmeni. Pareane che se sdelfa. CiĂ©se, moschèe, sinagoghe che se smìgola. Quei che se beghĂ©va tra de lori che no sa pĂą da che parte vardĂ r: ‘n do èlo el nemico? ‘n do èi quei che ne vol far del mal?
E ‘nvĂ©ze l’è da su alt che vei sto casim. No ‘n teremot, no ‘n meteorite. No qualcos de alter. Qualcos che no se credĂ©va el podĂ©s suzĂ©der. E che adĂ©s el suzĂ©de … Tuti che core, avanti, endrìo, e no sa gnanca dove nar. Tuti che i dìs che forsi se se pol salvarse, ma no i ghe crede, no i ghe crede … perchĂ© l’è qualcos de brut, pu brut del brut che se podeva enmaginar.
E zo n’altro condomini. El sĂłl che no gh’è pu. La luna che no gh’è pu. El mar che se alza. Con onde pu alte dei gratazĂ©i. Scampar, scampar … ma dove? ‘sa far? ‘sa far? No so, no so, no so, crĂ©deme, no so.
Zent che s’endinocia. Che dis Ave Marie e no se ricorda gnanca tute le parole. Zent che tèi soto i brĂ zi i fioi, soto sto diluvio. Che almen prima mòro mi de lori … E po’ quei che gira per ste zitĂ  dove no gh’è pĂą nesĂąni. E i roba, e i magna e i beve … se ciĂ va, se ciĂ va, che almĂ©n morirĂ©m contenti. E quei che no ghe crede gnancora che la sia finida, che i monta en machina, i fa ‘l pieno. E i va, i va … dove no se sa.
“Se l’è propri finìda – dis un – che la finìssa … ma ‘l decido mi”. E ‘l se sbara ‘n testa. N’altro el s’empica co le so tirĂ che. El strĂąssia … el strĂąssia. L’elastico el slonga l’agonia. Uno el se trĂ  nel lach. Dopo do minuti l’è lì che ‘l nĂła per tornar de volta. PerchĂ© ‘l vol viver osc’ia, viver … anca se tut entorno el dìs che no se pòl pĂą.
En matelòt restĂ  sol el pianze. Na dona la lo tòl su. La lo varda. Come se varda n’oselòt cascĂ  dal nìf. E che s’è spacĂ  tute le alòte. La lo strĂ©nze contro le so tĂ©te. Per tegnirghe calt … fin quando deventerĂ  frĂ©t. Per tuti e doi.
El Dio che dovĂ©va esserghe no ‘l gh’è. No ‘l varda zo dal zel sta disgrazia. Ma tuti, tuti i lo ciama. Tuti, tuti, i ghe dĂ  la colpa a lĂą.

…la taco a la to’: “Fin del mondo”…
Te ricòrdit Cornelio quando gavevem i missili a do passi, chi de sora?! Prima che quei doi (Bresniev e Regan), i se sentĂ©ss zo vardandose ‘n de i òci, prima che i ghe metĂ©ss na “virgola” (nò ‘l punto, sol na virgola!) ala “proliferazione” ?
…èco, ti te ciami ‘n causa ‘l Signore Dio co’ i so anzoi che sona le trombe ai quatro cantoni…mi m’ èro butĂ  ‘n ‘vanti za nel’ ‘otantazinque e me som ‘maginĂ  ‘l “BUM” per colpa de quel….dedòt che schìza botoni!
Ancòi  me sbrusa ‘l cul de nòf….el Tramp, el Putin, quel’altro co’ i ocĂ©ti a mandola che se te ghe meti ‘n ravanèl nel cul el frega le fòie ‘n tera, e tuta quela manega de “potentisignoridellaguerra”…. che coioni però Cornelio, o nò!!
…a noi ne rèsta sol la magra sodisfaziom de dirghe ciar e tondo….: “Ma ne ‘n mona!!”.
Ciao vècio, meto zo.
Gilberto

INCUBO
di Gilberto Galvagni
Scheletro di salice
Rinnova
l’antico pianto.
Dondola
l’altalena
vuota
.
Freddo
buio d’intorno
.
La gioia è svanita.
Orrendo
silenzio
di morte!
Spogli cipressi
.
Cancelli contorti
.
Violento olocausto
l’immane è successo.
Onda di fuoco
le stelle hai bruciato.
Per il comando
il potere, l’orgoglio
con le tue mani
hai distrutto il mio mondo.
Non piĂą ritorni Tu, uomo infelice
.
Questa tua colpa
nessuno ti dice.
Rimpiangi
l’allegria dei bambini
il loro vociare
il rincorrer aquiloni
in profumati fioriti giardini.
Il calor dell’amore
il trillo di grilli canterini.
Rimpiangi gli spazi infiniti
d’azzurro di cielo… e di mare
il verde dei boschi
il suo ondeggiare
alla brezza gentil
del mattino.
Or tu sei nulla…
…Tutto è consumato!!
Ferma
immobile l’altalena
sola.
Muta
nella sua immensa
gelida
eternitĂ !
Siamo impotenti innanzi alla stupiditĂ 
dell’uomo, all’ “ordinato” accumulo di
atomiche… basta la piccola pressione
del dito d’un COGLIONE,
di qui o di lĂ  e…
BUM! Addio Mondo!!
Arco, 11 febbraio 1985
.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento