LA FESTA DELE DONE

Che bel che sarĂ  quando le done

no le farà festa sol l’oto marz;
perchè le podrà star ben,
ma ben davera, per tut l’an.
E no le gavrà pu pensèri, paure
lagrime e pugni scondùi en scarsèla
e no le gavrĂ  pu da star atente
da quei che le vol sol per lore.
Che bel che sarĂ  quando le done
le podrà rider, senza le fìze
sora e ‘n banda a oci mezi serai
e ciapar endrio, da la vita
la vita e l’amor che le ha dat.
Se podrĂ  alora regalarghe fiori
anca quando gh’è ancora la nef
fiori che farĂ  semper bruta figura
a confront con quel che le done,
ma propri tute, tute le done
le gh’Ă  de profumĂ  ne l’anima,
Vegnirà quel dì che òmeni
i se scorzerĂ  de esser gnent
senza na dona che ghe vol ben.
El godèr de ‘n par de minuti
el lì lasserà gnechi, rebùfi
come quei che roba le ostie en ciesa
e dopo averle magnĂ e de sficon
el se trova da sol, en d’en canton
a butarle su davanti al prete.
Vegnirà quel dì che capiren
come disèva Dante el poeta
che tra noi e ‘l Sioredio
la strada la sarìa massa longa
se no ghe fus la dona
a darne ‘n butòm

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento