LA DIETA di Aldo Fabrizi

LA DIETA

di Aldo Fabrizi

 

Doppo che ho rinnegato pasta e pane,

so’ dieci giorni che nun calo, eppure

resisto, soffro e seguito le cure…

me pare ‘n anno e so’ du’ settimane.

Nemmanco dormo piĂą, le notti sane,

pe’ damme er conciabbocca a le torture,

le passo a immagina’ le svojature

co’ la lingua de fòra come un cane.

Ma vale poi la pena de soffrì

lontano da ‘na tavola e ‘na sedia

pensanno che se deve da morì?

Nun è pe’ fa’ er fanatico romano;

però de fronte a ‘sto campa’ d’inedia,

mejo morì co’ la forchetta in mano!

SE POL VIVER COSI’?

 

No magno pu pasta e ciopete

da dese dì zamai,

ma no vago zo, gnanca d n’eto

ma tegno duro, ‘cramento,

na via crucis de sacrifizi

me par sia passĂ  n’am

da quando è scominzià sta cagna

e ‘nveze l’è sol do stimane

E no riesso gnanca a dormir

sempre drio a remenarme

e a pensar al magnar

fin quasi a tocarlo

a strangossar da per mi

fin che resto lì come en cagn

co la lengua dal de fora

Ma dime ti, val propri la pena

de esser ciucià così da le strie

lontam dal frigo, dala cosina

co la mort ‘n vanti

che la te varda col fusil?

No l’è per esser el solito esaltĂ 

però pitost che star tuti i dì così

l’è meio morir col pirom en mam

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento