IL PRIMO GIORNO DELL’ANNO

Il Primo Giorno dell’Anno

di Pablo Neruda

Lo distinguiamo dagli altri
come se fosse un cavallino
diverso da tutti i cavalli.
Gli adorniamo la fronte
con un nastro,
gli posiamo sul collo sonagli colorati,
e a mezzanotte
lo andiamo a ricevere
come se fosse
un esploratore che scende da una stella.
Come il pane assomiglia
al pane di ieri,
come un anello a tutti gli anelli…
La terra accoglierĂ  questo giorno
dorato, grigio, celeste,
lo dispiegherĂ  in colline
lo bagnerĂ  con frecce
di trasparente pioggia
e poi lo avvolgerĂ 
nell’ombra.
Eppure
piccola porta della speranza,
nuovo giorno dell’anno,
sebbene tu sia uguale agli altri
come i pani
a ogni altro pane,
ci prepariamo a viverti in altro modo,
ci prepariamo a mangiare, a fiorire,
a sperare.

El prim dì de l’am

 

El vedem, nel mucio
come el fussa
en caval zoven
divers da tuti i cavai
Ghe metem sul mus
na roba de beleza
e sul col campanele
de tuti i colori
po’ a mezanot
ghe nem encontro
come uno che ‘l vei
dal zel
come i paneti, se no te i tasti
el ghe somiglia ale ciope de ieri
come i anei, se no te i vardi bem
el par come tuti i anei
La tera l’abrazzerĂ 
sto dì4de oro, malsaorì
o me e mez
la lo somenerĂ  dapertut
e po’ vegnirĂ 
ancora sera
Tut mal
portesela che s’averze
vers robe che le sia pu bele
nof dì de l’am
anca se te sarai gualif
a tuti i altri
cone i paneti
e ogni alra ciopeta
ne preparem tuti
a farte le feste,
a magnar, a sta meio
de testa, de panza
sperando che la vaga
propri come
la vedria
fin al prossim
prim de l’am

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento