IL MANTELLO

POES882

 

VARDA MEIO

Te tegni ‘n man, strèti

quei fiori

fin che i sarĂ  pasĂŹdi

Ma set propri sicur

che ala fin la mort

la te baserĂ ?

O che ‘n quel babao

te troverai una

che te vol ben

come mi?

E pènsit che i fiori

che buterĂ  dopo

i se scorzerĂ 

che no te ghe sei pĂš?

Te sei lĂŹ, tut ‘ngiomĂ 

soto le me cuèrte

‘ntant che quel che pĂ ssa

‘l finĂŹs soto ‘n canapè

come polver da sconder

VĂ rdete ben ‘n torno

No l’è dai me oci

che te ciaperĂ i sgarĂŹe

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento