IL GATTO

IL GATTO

di Charles Baudelaire

Vieni, mio bel gatto, sul mio cuore innamorato;

trattieni le unghie della zampa,

e lasciami sprofondare nei tuoi begli occhi striati

di metallo e d’agata.

Quando le dita indugiano ad accarezzare

la tua testa e il dorso elastico

e la mano s’inebria del piacere di palpare

il tuo corpo elettrico,

vedo la mia donna in spirito. Il suo sguardo

come il tuo, amabile bestia,

profondo e freddo, taglia e fende come un dardo,

e, dai piedi fino alla testa,

un’aria sottile, un minaccioso profumo

circolano attorno al suo corpo bruno.

 EL GAT

Vèi chì, bel gàt  nel me còr ennamorà,

ocio ale ongie de la to zĂ ta

lĂ ssa che me perda nei to oci

così fìssi, destràni, che ciàpa

Quando i dèi i gh’Ă  squasi rispèt

a carezàrte el mùs e la schèna

e la màm la se gòde

a tiràs su e zò el to pèl

L’è come se vedès, en quèl

la mè morosa, stes modo de vardarme

‘na tigre picinina, da cocolĂ r

Come esser taiĂ i, dai pei ala testa

da ‘na lĂ ma freda, paura e godimènt

tut ensèma, qualcòs che no savrìa

ma che me par el sia dapertut

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento