I ZOGHI DE STI ANI

images (2)

I ZĂ’GHI DE STI ANI

di PAOLA CARLIN

Stanòt no riuscivo a dormir, gh’avevo el Michele che el seitĂ va a tosìr! AlĂłr l’ho portĂ  nel letĂłn e gh’ò fat n’aereosol (che al’una de nòt el fa sempre ben) e pò ho spetĂ  che el se endormenzès.

Fra na tosìda e l’altra pò l’ è crollĂ  …  Elo!  Mi ho dormì pòch, ma no l’è sta na bruta nòt, perchĂ© m’ è vegnĂą en ment de quando ero piciola e dei zòghi che se feva.
Abitando en den paesot noi boci eren sempre zo per i spiazi, no gh’era tuti i pericoi dela zitĂ , o forse ghe n’ era de pĂą ma eren pĂą scaltri e le mame men ansiose.  Oviamente zugaven al balon (eh si, ero proprio en masciĂ zo), se neva en bici, se rampegava sui alberi e sui mureti e feven tute le robe che fa anca i bòci moderni. Ma ve conto adès dei zoghi “speciali”, quei ormai quasi desmentegadi ma che ghe vegnirĂ  en ment a tanti che leze.

Me ricordo che zugavo ai “piti” e ogni tant ghe zugo ancora: bastava en muret o neva ben anca en tera e zinque sasi! Si, sassi, ma bisognava zernirli ben, nè grosi nè picioi, pĂą o men gualivi. S’en meteva quatro sul muret, sen lanciava uno per aria e prima de riciaparlo se doveva torne su un dal muret e avanti così. Pò per complicar s’en lanciava de nof un per aria e sen toleva su doi ala volta, pò trei e pò quattro. L’ era en zòc de riflessi. Gh’era tanti schemi che no sto a spiegar. Se se sbagliava zugava n’ altro bocia e avanti così …
Me ricordo pò che en paes gh’era sempre en sac de zent che gh’aveva en mucio de sabion dreo casa. E se podeva nar lì a zugarghe che tanto no i brontolava mai, o quasi mai! Fèven le piste per le machinine e per le biglie (si, le stese che dropa ancor encòi i nosi fioi); quante sfide cole biglie. Oviamente vinzeva chi che arivava prima al traguardo …  se feva le galerie che pò le crodava e se perdeva le balote. Per spenzerle se le colpiva con l’ indice, se ghe deva en “cièc” ala balota, ve ricordè? Se te sciocavi la biglia del’aversario cola tua quel el doveva tornar ala partenza e riscominziar.

Na volta i cagni e i gati i era liberi de nar al bagno en do che i voleva …  pensè quante sorprese che gh’era en quel sabion! Ma nesun se preocupava, ne sen fati tuti en sac de anticorpi!
Pò nèven nel spiaz dele scole a zugar cole figurine dei calciatori, le “figurine panini”, quele che gh’è anca encoi. Ma nisun se sognava de tacarle sul’album, se gh’aveva el maz en scarsela ligĂ  con n’ elastico. Per far le sfide ogni bocia el lanciava a turno vers el mur dela scola; chi che se svizinava de pĂą al mur (cioè chi che tirava pĂą lontan) el vinzeva tute le figurine che ghera en tera. N’ altro modo de zugar l’ era quel de lanciarle a turno e le vinzeva tute quel che riusciva a far nar na figurina sora n’ altra.

 Mi me ricordo che no zugavo mai le figurine coi calciatori del’ Inter, me le tegnivo bele care …  ero interista perchĂ© me piaseva le maiete (cari Bordon, Mazzola, Oriali, Facchetti, i altri no mei ricordo).
Pò se zugava ala croce coi dì dela stimana. Dapertut sule strade asfaltade ghera cros disegnade col gès, che bel che l’ era! Se tirava en sas sul quadrato del luni e con en pè se saltava sul quadrato del marti saltando via el luni, pò mercol, zobia, vendro, sabo e sula domenega se podeva aterar con tuti e doi i pei. E se tornava for dal mercol e dal marti sempre su en pè. Pò se treva el sas sul marti e oviamente quel quadrato pò te dovevi saltarlo via. E avanti così. Bisognava star atenti a no meter zo el secont pè o a no tocar na riga del quadrato; en quel caso tocava zugar a n’ altro. Vinzeva chi che finiva per prim la stimana.
Pò se zugava al’ elastico, ogni tant qualche popa te vedi che la ghe zuga ancora.

 Quanti metri de elastico per le mudande che le ha comprà le nose mame; el seitava a roterse e te dovevi farghe le zonte e ghera gropi dapertut; se saltava alti come i grili, altro che palestra.
N’ altro zògh che me piaseva tant l’ era quel che se disegnava en cerchio grandissimo en del spiazal dele scole che no l’ era asfaltĂ  e alora el vegniva ben a disegnarlo con en baston. Quel l’ era el mondo e pò sel spartiva fra i vari giocatori en tòchi pĂą o men uguali… ghera sempre da begar se sa… Ognun el doveva star en del so teritorio. Uno con en bastonzin el zercava de colpir l’ aversario; se el lo ciapaca el podeva “magnarghe” en toc de territorio; se questo el lo schivava l’ era elo a “magnar” a l’ altro. E che tecnica a “magnar”: gambe larghe sul proprio teren, col bachet se tocava vari punti e alè n’a conquista de en toc de teritorio …

Chi guadagnava teren pò el gaveva pĂą fazilitĂ  a colpir l’ aversario che el gh’aveva poc posto per moverse e schivar el bachet. Tipo risico, vinzeva chi conquistava tut.
E se zugava a palla avelenata, a darsela (ma no l’ è quel che pensĂ  voi maliziosi, l’ è el moderno “prendi e scappa”), a nascondino ( e posti de sconderse ghe n’ era tanti), a un, doi, tre, stella e tanti altri zoghi che se fa ancora. ORCOCAN quant’è che ho scritt, spero de no averve stomegadi con tute ste ciacere…
Grazie toss del Michele, te m’ hai fat …  pasar na bela not nostalgica ma serena.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento