I TIC (senza i TAC)

tic-nervoso

i tic (senza i tac)

di Enrico Tavernini

No som nĂ  en asèdo, ma stèvo vedendo n’om pelusc e m’è vegnĂą en ment quei laori che ciamo tic. No savria el colegamento da ‘n do che l’è partì. Forsi da ‘n neurom embriac, o forsi da uno che l’era en ferie.

I tic en questiom, no ‘i  da confonder con quei dei bòmbi, perchè de solit i se acompagna ai tac e gnanca con quei  che usem per replicar el rumor dei oroloi.

Sicome en orologès gavevo do, tendente a l’uno … pareva ‘na dopia messa en te na scomessa, ma ‘nvezi l’era en voto (ma non quel de castitĂ ).

I tic che parlem en ‘sto delirio, i è quei che te fa far qualcos de continuo e involontariamente da quel che volem far. Ghe n’è de svariati tipi e ne ho visti si tanti, che ricordarli tuti l’è imposibil. Ma vedem de parlarne de alcuni curiosi che ho encontrĂ  ‘nte la me vita.

Gh’era quel che ‘l vardava na partida de tamburel e’l la comentava nei scambi con en continuo “beeeelaaaa … booonaaaa… e tic e tac … tic e tac…”. Po’ el dèva na strucada de oci e po’ el ripeteva la so cantilena.

Po’ gh’era quel che i ciamava “fotografo” perchè el strucava i oci come ‘n flesc e ‘l feva anca el rumor con la boca come quando te g’hai el raspeghim ala gola. Gh’era anca quel che feva sempre do colpi de tòs e che’l ghe deva en scorlom ala testa come quando te fai per dir “che gh’è?”.

Po’ gh’era quel che’l doveva sempre far le robe a gruppi de tre, come tosir, serar i oci e baterie varie. Ghe n’avè asĂ ? Ma se ho apena scominziĂ …

Gh’era quel che feva nar le sopracciglia quando che’l te scoltava … quel che’l sembrava farte l’occhiolino d’intesa, ma enveze l’era sol en tic nervoso … quel che’l scorlava la testa come a dirte de no … quel che ‘l dava ‘na spalancada con la boca prima de parlar … quel che’l seitava col raspeghim e po el sofiava col nas … quel ch se sofiava el nas nel fazolet con tre colpi … quel che’l feva do pieghe al fazolet … quel che quando ‘l se meteva le robe en carsela, el controlava sempre do volte, con tre colpi veloci a la man, a mo de palpada.

Da non smentegarse quel che’l doveva semper far l’ultim pas con t’en pè e quando el se senteva, el deva semper do colpi en ‘vanti ala carega, alzandola legermente.

Gh’era anca quel che’l doveva semper bever de cana e che’l finiva semper col sangiot e alora el smeteva. Ma ormai l’eva fat fora meza boza de acqua. Sì … perchè me desmentegavo che lu ‘l beveva sempre de cana.

Come avem vist, ‘sti tic i sarĂ  anca orfani de ‘sti tac, ma ‘cramento … quanti che ‘i è. E che ne ho saltadi anca. Ho segnĂ  sol quei pu curiosi, perchè se no nevem ale famose calende greche. Per evitar ‘sta posibilitĂ , ho dat en tai e me som fat ‘na s-ciarida fin da subit, facendo ‘n po’ de seleziom.

Diria che per el momento ho abusĂ  anca masa del vos temp e quindi sèro su baracca e burattini per lasarve ale vose robe, prima che me mandèghr en quel posto ‘ndo che vola mosche e che se sente profumi (che ‘n sto caso se ciama odori) che i sa de tut, tranne che da mughetto.

Saludo

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento