I “POPI”

I POPI

di Enrico Tavernini

En rito dei ‘taliani, l’è beverse el caffè la matina, per darse na svegliada e per sgaluzarse per ben, prima de affrontar la giornada come el cavalier l’affrontava el drago o ‘l catif, nele storie che i ne contava quando erem dei popi.

E proprio da ‘sto input e da ‘na frase sentida al bar, che m’è vegnĂą la connesiom per dir la mia.

Ma nem per ordine.

Come tuti i dì, la sveglia la me dĂ  el “buongiorno” en modo traumatico.

Na volta me ritrovavo anca co’i cavei ala Actarus e ghe voleva ponta e mazot per sistemarli, ma da quando ho deciso de tegnirli cortissimi, non me pèteno gnanca pu per ovvi motivi, vist che basteria la carta vedrada.

Ma ‘l cafè, toi… che laoro, star lì a ciapar la moca, meterghe l’acqua, el caffè, empiza el gas e tute le mili monae. No… po’ non sempre el vei bom. No, dai… meio quel del bar.

Alora ciapo e vago al bar, ‘ndo che trovo sempre i 3 saggi del paes: quei che gh’endovina sempre tut. “Vei da piover” dis el prim, “sa disit su! vei el sol” dis el secont, ma po’ gh’è lĂą… l’ultim… con la so perla de saggezza… “valĂ  pissòtti… el sarĂ  variabile”.

Quel “pissòtti” el m’ha fat vegnir en ment che se l’usa de solit per i popi.

E ‘nte la me testa è scominziĂ  en casim che gnanca a gnu iork me sa…

Ma quanti tipi de popi gh’è?

No… perchè sente propri sicuri che i popi i è sol catalogabili per ‘na questiom d’etĂ ? Non som propri sicur de questo. Sentendo zerti discorsi, a volte i popi popi i è men popi dei popi cressudi.

No, digo… non sto sonando el clacson con tuti ‘sti popi, eh… l’è sol en ragionamento a voze alta.

Perciò podresem dir che gh’è i popi picioi e i popi grandi (quei cresudi de etĂ , ma de zervel no), quei che i è restadi popi dentro come animo, i popi educai e quei maleducai, quei bravi, quei men bravi, quei lazaroni, quei viziai, quei intelligenti e quei poco svegli, quei che sicome i è amizi o fioi de amizi (o peggio… parenti) valuterem semper bem.

Ma non solo: a complicarne la vita ghe metem anca i popi de na volta e quei de ancoi.

Come dir … ma si, dai… tra mili categorie, parentesi, asterischi e ragneti vari, ne trovem pu encasinadi de la burocrazia ‘taliana.

Quei che g’ha fioi e cavei color zendro che lèze el giornal e che’l se mete a criticar quel che ‘l g’ha dat en sberlom a qualcuni, perchè no’l doveva farlo. Non importa el motivo, ma no’l doveva farlo, perchè non se pòl. Non l’era miga en popo, dai …

Però sto chi che’l critica, me ricordo che ‘na volta el voleva pasar con la machina dala me via e che’l s’encazava perchè mi ero davanti al me portom, che scargavo la roba dala machina per nar en campagna a laorar.

Parolaze che’l diseva, perchè ghe fevo perder temp.

Pò, semper lù, lè quel che te parchegia davanti el porton de casa per nar al bar e per non far vinti passi per nar a parchegiar la machina.

E se te ghe disi qualcos, el te ciapa anca a scopeloni.

E se a farghe notar che l’è en comportamento pezo dei popi, l’è proprio en popo… apriti o cielo… perchè tra santi e madone varie, par de eser en ciesa.

Quindi se podria avanzar n’ipotesi abbastanza surreale: sem en mondo popolĂ  da popi.

Che slambrot… tut colpa de quel caffè.

La prossima volta forsi l’è meio che me’l fago con la moca, così non me vei el mal de testa.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento