I BAMBINI GIOCANO

I BAMBINI GIOCANO

di Bertold Brecht

I bambini giocano alla guerra. BAMBINI
E’ raro che giochino alla pace¬†
perché gli adulti 
da sempre fanno la guerra, 
tu fai “pum” e ridi;¬†
il soldato spara 
e un altro uomo 
non ride pi√Ļ.¬†
E’ la guerra.¬†
C’√® un altro gioco¬†
da inventare: 
far sorridere il mondo, 
non farlo piangere. 
Pace vuol dire 
che non a tutti piace 
lo stesso gioco, 
che i tuoi giocattoli 
piacciono anche 
agli altri bimbi 
che spesso non ne hanno, 
perché ne hai troppi tu; 
che i disegni degli altri bambini 
non sono dei pasticci; 
che la tua mamma 
non è solo tutta tua; 
che tutti i bambini 
sono tuoi amici. 
E pace è ancora 
non avere fame 
non avere freddo 
non avere paura.

 

I PUTELOTI I ZUGA

I puteloti i z√Ļga ala guera

l’√® difizile che i zuga ala p√†ze

perchè i grandi

i fa la guera da semper

te fai “p√†m” e ridi

el sold√† ‘l sb√†ra

e n’altro √≤m

no ‘l ride p√Ļ.

L’√® la guera.

Gh’√® n’altro z√≤gh

da ‘nvent√†r

farghe vegnir da rider al mondo

no fàrghe pianzer.

Paze vol dir

che non a tuti ghe piàs

‘l st√®ss z√≤gh,

che i tò zugàtoi

i ghe pìàs

anca ai altri putelòti

che ‘l p√Ļ dele volte no i ghe n’ha

perch√® ti te ghe n’hai massa;

che i disegni dei altri putelòti

no i è dei pastròci;

che to màma

no l’√® sol e tuta tua;

che tuti i putelòti

i è to amìzi.

E p√†ze l’√® anca:

no averghe fàm,

no averghe frèt

no ciapàr stremìe

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento