HO PERS LE CARTE PER NAR A VOTAR

di Cornelio Galas

-Maria, Mariaaa, Mariaaaa…
“‘sa gh’è da gosĂ r?”
-No trovo pĂą la carta che serve per nar a votar, ‘cramentooo.
“La sarĂ  dove gh’è le carte del mutuo, de la banca, nel solito mobilèt en sala…”
-Ho zĂ  vardĂ … no la è lì…
“Strano, le ho semper messe lì le carte per nar a votar”
-Va bem, se vede però che l’ultima volta te le hai messe da n’altra banda…
“Oh, sbĂ ssa le arie neh… che se fussa per ti en sta casa no se troverìa gnanca i soldi demò”
-E ‘sa fĂ©nte adès… bisogna nar en comum a rifarle me sa.
“Ah stamatina mi no gò temp de nar for de casa… gò almem do lavatrici da far, da meter su disnar….vĂ  ti en comum e domandeghe anca la mia de carta zĂ  che te sei lì”
-Forsi l’è meio che ghe faga en colp de telefono a quei del Comun… i dovrìa esser averti per ste robe no?
“Sì, fa quel che te vòi che entant empienìso la lavatrice”
-Pronto? Comum de Arco?
“Sì, ufficio elettorale, desidera?”
-La varda, la me spĂłsa, com’ela stada come no ela stada, l’ha pers le nosse carte per nar a votar…
“Nessun problema, venga qui da noi che facciamo i duplicati”
-No serve nar dai carabinieri per far denuncia de smariment?
“No, basta che veniate con la carta d’identitĂ … in pochi minuti vi diamo le nuove tessere elettorali”
-Ho capì, ma sicome la me spĂłsa, nessì, la è drio a far le lavatrici, che gh’è stĂ  vendĂ©ma e alora gh’è tanti vestiti sporchi, oltra ai calzòti e ensĂłma no la gĂ  temp de vegnir anca èla en comum… (interrotto dall’impiegata comunale)
“… Sì, scusi, è che non ho molto tempo… comunque può farsi fare una delega dalla moglie e portarmi la sua carta d’identitĂ , nessun problema”.
-Ah alĂłra basta che vegna zĂł mi co le carte anca per rifĂ r la so tessera… che sì ensĂłma, tra lavar e stender me sa che no la podrìa vegnir anca ela entro ancòi che difati mi ghe l’avevo dit de vardar per tempo se gh’era le carte per votar ma la s’è desmentegada… (interruzione)
“Sì, sì ho capito… la aspetto allora, mi raccomando la delega firmata… e la carta d’identitĂ , arrivederci”
(rivolto alla moglie): -Mariaaa, Mariaaaa…”
“‘Sa vòt ancora, elo serĂ  el Comum?”
-No, no i me speta zĂł… me serve sol na carta co la to delega e la to carta d’identitĂ …
“Osc’ia… no gò temp ades… scrivela ti entant sta carta de delega… che dopo te la firmo”
(comincia a scrivere): Io Maria Brocola, nata a Vignole (Mariaa, Mariaa quando elo che te sei nata? “CiĂ vete”), nata a Vignole il (me pare neh) 20 giuni del quarantazinque, con questa carta delega scrita da me marì facio in modo che lui che si chiama Berto (ma Roberto a l’anagrafe) Giuggiola, potrebbi ciapare anca se non ci sono io le carte per nar a votare ale provinciali di domenega vintuno. PerchĂ© abiamo visto che le nostre carte si sono perdute. E io non posso venire lì perchĂ© devo lavare e stendere … Bòm, Maria, faghe na firma chi e dopo me basta la to carta d’identitĂ 
“Eco… spero la sia finia tutmal che gò ancora da combinar qualcos ancòi en sta casa e l’è za ora de meter su da disnar”
-E la carta de identitĂ ?
“Orcodizere… la sarĂ  dove gh’è anca i pasaporti…”
-E ‘n do eì i pasaporti?
“Nel prim casèt del to comodim… me par”
(apre il cassetto del comodino)… -Mariaaa, Mariaaa…
“No ghe la fĂ go pùùùùù… che ghè adès?
-VĂ rdele chi… vardele chi…
“Cossa?”
-Le carte… le carte per nar a votar cramento…
“Beh… meio così no, adès me pòdit lasar en paze?”
-Sì, però quela putela del Comum… no me la sento de torla en giro… forsi l’è meio che vaga zo lo stess e faga finta de averle perse dalbom ste benedete carte…
“SĂ t che te digo? Ma bĂ sete el cul valĂ ”.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.