HO DESMENTEGA’

Che son n’om, vegnĂą fòra da ‘na dona

dopo che gh’era, forsi, amor.
Ho desmentegĂ  che prima o dopo
narò anca mi, soto, nel zimitèri.
No me ricordo pĂą, pu … pĂą
perchè ho fat la prima comuniòn,
perchè s’on stĂ  batezĂ , cresimĂ ,
gnanca perchè me son divorzià.
Me vardo ‘ntorno, lèzo, lèzo,
tuti i libri, anca quei de religion.
Penso da per mi, vardo el zèl
e vedo sol strìe de aeroplani
Vardo per tera, le me scarpe
‘mpolvrĂ e, vecie, scarmenĂ e.
Riscio de begĂ r con tut e tuti
sol se voi dir la mia.
Vei scĂąr, vei ciĂ r, ma se sa …
‘sto balon el se move.
Ogni tant qualchedùn dei nòssi
i lo mete zò, en de na càssa.
Ogni tant qualchedĂąn che no se sa
el dìs che sarìa meio far cossì.
Ero bocia, zughèvo al balòn,
adès son vecio, son chi de sficòn.
Me par d’aver capì qualcos
en ‘sti ani de vita.
O forsi i m’ha ‘ncoionĂ 
come tanti de quei che adès
i dìs che avèn sbaià tut.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento