FEME SAVER QUALCOS

FEME SAVER QUALCOS
(a n’amico che no gh’è pĂą)

di Cornelio Galas

tunnel
Zamài, en pochi mesi, sè tanti

che è scapà via de colp.
Qualchedùn, come tì Fulvio,
almĂ©n l’ha saludĂ  i amizi,
altri i nĂ i via, nar che nare,
senza dir nĂ© trĂ© nĂ© sĂ©i …
Adès, no l’è, credĂ©me propri,
per svoltolàr nei vossi mistéri
e gnanca nei grandi mistèri.
Ma qualcos, de dove sè finìdi,
podè farn’el saver o no?
Per esempi: fà calt anca lì?
No, no parlo de l’Inferno,
no vòi gnanca pensar …
che gh’en sia n’alter, dopo quel
che se patìs su sta tèra.
Come sténte a magnar? A dormìr?
Gh’è anca lì i rompicoioni?
Magari racomandai…dal de sòra?
O l’è propri vera che la mort
la mete tut a livèl, co la bóla?
Diséme, féme capìr dal bon,
se da l’anima i tol via i ponti,
come suzéde per la patente,
se chì de soto t’hai fat monae.
Diséme, en qualche maniera,
se val la pena strussiĂ r, laorĂ r,
mai pissĂ r fora dal vaso.
Se a far polìto po’ s’è premiai,
e no tòti per el cul do volte.
Perché prima de nar via da chi,
volerìa sbarar altre capéte,
no sparmiarle per dopo mort,
contro le solite facie da cul.
Ma sì che credo, ma sì che spero
però, voi né via, no ve se sente pù.
Ch’en sònte mi, ‘n dove sĂ© finidi,
cossa pensé, cossa volerésse dir.
Mi vardo en sĂą, ve penso ….
a come ere prima, da vivi.
E cossa diséven, tra noaltri,
de tute ste robe che no se capìs …
Feme saver, demò, ma prest …
ah, se pol fumar su sora el zèl?
E gh’è bire, bolizine, qualcos
de bon da zacĂ r?
No perché se no, scuséme,
magari me trago envanti …

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento