ESSER DAVERA

giudizio universale mani

Esser davéra

di Cornelio Galas

No come quei che no porta la véra
e dìs che no i è mai stai sposài,
perchĂ© que l’anèl le scondĂą
nel cassét del comodìn.
No come quei che va en ciésa
e po’, a cĂ , i deventa diĂ oi.
No come quel che se buta ‘n politica,
per far nar meio i so afari.
No a quei che dìs bìsi per fave
e che ale tante no i se ricorda
de tute le bosìe somenàde.
Esser davĂ©ra l’è ‘n grant casìn,
en d’en mondo bosiĂ dro e stròf.
Anca le done le gavrìa bisogn
de dĂł bale ‘n tra le gambe.
Per no parlar, ma i lo dìs tuti
d’en fil de la schena sĂą bel drìt.
L’è pĂą fĂ zil ciapĂ r i scĂłrtoi
che nar drìo ai sentĂ©ri …
quei che te fĂ  strussiĂ r,
quei che oh dio me stòfego.
I dìs che de là, quei che ha robà,
copĂ , tot per giro la zent,
i patirĂ  tute le pene.
Che i bruserà come pézi,
come dĂ se piene de resina
trĂ te sul fòch …
Ah spererìa che la finìs così,
che no vegna fòra po’,
e saria propri ‘n culada,
che i pu svelti e tramazòni
i stormenìs anca san pèro,
co le so ciacole da rufiani,
coi so dinòci, zò per tera.
O sol perchè, quando i robéva
qualcos i ha butà zò
nel sachét de la limòsina.
Ah, alora, caro mio
no resterìa che nar dal diàol
e dirghe: “Vara, son pentito,
vago via anca mi, anca mi
da que l’altro partito”.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento