El vedro el va per so cont

di Cornelio Galas

Ma ‘sa fĂ t? Varda – me dìs ‘l bocia – che no se pòl adès chi a Arco butar ensèma nela diferenziata el vedro co la plastica come se fèva prima…
-Eh osc’ia – ghe digo – ma da quando elo che no la funziona pĂą come na volta?
“Da poch dopo che ère partìdi per el mare … oh, e varda che i te tende neh”
-L’ho semper dita che l’è del bĂ o far dele regole se quando la zènt la le ha capide po’ se le cambia, tut mal vago a portar via sta sporcaria valĂ  …ah, dame n’altro sachĂ©t per el vedro che ‘l tiro fòra da quel dove ho butĂ  anca la plastica.
Alora, fĂ ta st’altra zernìa, ciĂ po su le me strĂ ze e via a portar i sacheti ale campane de Bolignam.

ArivĂ  lì trovo tacĂ  su en tòch de carta col celofĂ m perchĂ© no ‘l se sporca, le parole scrite pìcole che … osc’ia ho desmentegĂ  a casa i ociĂ i. Me vardo en giro e … toh, sì l’è lì che bisogna butar zò le botilie de vedro. S’el capìs subit: dal bus (stret: e se gavès na damigiana, en fiasco da butarghe denter?) da dove vanza fora na botilia de merlot tacĂ da a una de bira Forst. De pĂą no ghe ne stĂ  denter: qualcheduni l’ha butĂ  per tera el sachĂ©t co le botilie. Come dir: tolèvele su voi a sto punto.


Va bem – digo da per mi – volerĂ  dir che provo da n’altra banda. Gira de chi e gira de lĂ , ale tante trovo na campana piena sì, ma dove se pòl ancora “butĂ r” en qualche maniera. Quando ho finì me scapa l’ocio su ‘n cartel: l’è quel vecio dove se dìs che vedro e latine le deve nar ensĂ©ma. PĂą en lĂ  però gh’è la so bela carta che dìs che ‘l vedro el deve nar per so cont. Va bem. Se no altro la carta la vĂ  dove la neva prima e vegno via …


En machina, en còa, gò ‘l temp de pensar … E me domando: ma en tuti sti ani che s’è butĂ  la plastica ensema al vedro come funzionĂ©vela? Che na volta scargĂ e le campane gh’era qualchedum che fèva la zernìa? E adès che la zernìa la fago mi quel lì avrĂ lo pers el post de laoro? Cramento, no se fa così … E tra l’alter, oltre a far sti laori al posto de altri i me manda da pagar anca per i rifiuti che zernìso da per mi e porto da per mi. l’Italia l’è na republica fondĂ da sul laoro, el gh’è scrit anca sula Costituziom, no sula sporcaria da zernìr.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento