EL STROF DENTER

EL STROF DENTER

uomo-vecchio

di CORNELIO GALAS
Che anca se t’empìzi la luce
semper stròf resta entorno.
Che anca se te gĂ i la pila,
semper stròf resta, dapertut.
Che anca se te dròpi l’acendìn,
semper stròf resta, tut mal.
E alora te avèrzi i scùri,
te zèrchi candele, fiàme,
anca tra le bràse del caminét.
Te lèzi libri vèci, te vardi cìne
col vecio proietĂłr.
Tante robe che se mòve pian.
E ‘l mondo, envĂ©ze, el viĂ za,
ecome se ‘l viĂ za, el core …
Te te trovi, de colp, cosìta neh,
tra ‘l vecio e ‘l nòf.
E no te sai pu, no te ‘l sai,
da che banda trĂ rte.
Po’ ‘n dì, quel colp de tĂłss …
quei dubi, quela paura de …
paura de dover ciapĂ r, oscia,
na coriĂ©ra che non se sa, no se sa …
dove la va po’ a finir la corsa.
E quela voia, alora, de star chì,
de seitĂ r a star chi,
vecio, ensemenì, bacùco,
ma ancora chì, dove te sei nàt,
dove te capìssi dai odori,
quala stagion sta per rivĂ r.
Dove de sicur ariverĂ  le viole,
i fighi, i pomi, le brugne,
e pu su alt, le ampòmole,
i granzoni, sul tardi, forsi,
anche i fonghi dal sangue.
Che ne sònte mi, che, dopo mort
ghe sia ancora ste bèle robe?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento