EL SACH DE CEMENTO

Per far cariera – se no sè racomandai – bisogna laorar, laorar, no vardar en facia nesum, sgomitar. Però ste atenti. Che ve pol capitar quel che mi da na vita ghe ciamo la rogna del sach de cemento.

Alora ve la conto. En murador el va nel canter, el ciapa el so bel sach de cemento e sicome l’impresa no la gĂ  i soldi per comprar gru e argheni, el se lo mete su la spala e hop, su al prim livel dei tubi che no fa gnent (i tubi innozenti).

El paron, lì en banda el lo varda. E ‘l tase. El secont dì, uno dei manovai l’è restĂ  a casa en malatia (mal de schena). Alora l’altro, (quel de prima) el se mete su do sachi de cemento e hop, su al secont livel dei tubi. El paron el tase.

El terz dì se ferma n’altro manoval (na sgeva nel dè che gĂ  fat infeziom). E alora, sempre quel de prima, el se carga tre sacheti de cemento e ‘l va su al terz livel. Per farvela corta, sto por laor dopo na stimana el se trova con dese sacheti su la schena, a l’ultim piano. Col paron che tase. Come sempre.

El dì dopo i sacheti i è deventai vinti, perchè i altri manovai chissĂ  perchè i è restai tuti a casa. Sto murador ormai strac mort el se mete tuti sti quintai sul gropon…el va su la scala…po el torna endrio…el ne scarga en par per ciapar meio l’anda, per far almen do viazi.

E el paron el lo ferma: “Tei, me par che ancoi no ghe tanta voia de laorar…varda che così no va miga bem…se perde temp a far do viazi.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento