EL MAGON

EL MAGON

 

Che destràni, che zò che me sento dele volte,

e ‘l bèl l’è che no so gnanca perchè.

L’è come quando te gh’ai i sgrìsoi su la schena

ma senza fèver, senza tòs … massì tògo ‘n tè.

 

Te vardi de chì, de là, sòra, soto e anca en banda

per zercàr la colpa de sto magòn che te ciapa,

per darte resòn, o tort a quel che entant te pensi

forsi te bati la testa contro i muri e te bevi po’ sgnĂ pa.

 

Ah – i te dìs i altri – te sei al pĂą en po’ esaurì,

mòlete fora, rìdi oscia che tut po’ nĂ rĂ  benòn.

Le robe vere, quele de mi, le gh’ò scondue denter

bele, brute, tute misciĂ e … son en sacranòn.

 

Ogni tant però, tra le sfrìse del zervèl, le scapa

e le gira stormenide, come af spaventĂ e dal fĂąm.

Qualcheduna la brinco ben, ma le è tante, massa

così pol capitar che tante dopo no le sia pù a un.

 

Eco, l’è quando ste sgiève le vĂ  a zizegĂ r el cor

che pu che fastìdi e sbrusòri capìsso chi son,

n’om vegnĂą al mondo e che no ‘l sĂ  dove ‘l narĂ 

n’om che gh’a paura e alora el pianze, dal bon.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento