EL GERIM DEI ZIMITERI

El gerìm dei zimitèri

di Cornelio Galas

Me som semper domandĂ , fim da bòcia, perchĂ© i mĂ©te quel gerìm ‘n tra mèz a le tombe nei vialĂ©ti dei zimitèri. Quel gerìm, per dir, che fa quel ciĂ s, zìghete, zòghete, crampete, crimpete, anca se sui pĂ©i no te gĂ i le zavĂ te.

Per mì l’è qualcĂłs che no l’è lì tant per èserghe. I l’ha studiĂ da, dai, sacranĂłm. Te vai – miga sol el dĂł de november – a trovar quei dei toi che i ha mĂ©s a so temp zĂł, e te devi per forza pestĂ r su quei gerìni. Che i te dìs, pĂ s dopo pĂ s, che ti te camìni dove altri pĂą no ì pòl caminar. Che i te dis che anca ti, meio tardi se sa, te deventerĂ i zĂ©ndro, polver, tochĂ©ti de … gèra.

E su de ti caminerĂ  altri, prima de eser anca lori caminai da sòra. Ma no l’è quel che me fa pensar. Pitòst altre robe che gnancora so. Per esempi: èlo vĂ©ra che al de lĂ , con Dio, Buda, ManitĂą AllĂ  o altri, tutmal ne troverĂ©m de nòf ensèma? E se cosìta la vĂ  a finir, sĂ t quanti gazĂ©ri gavrĂ©m tuti ancora? Quel che m’ha portĂ  via la sposa … o quel che ha copĂ  tanta zènt. Quel che fĂ©va ‘l bel ‘l brut, sol per quel che ghe vegniva de volta. Quel’alter che no l’era zamĂ i content. E quel che me tolĂ©va semper per le bale? E quel che l’ha robĂ  le migole dal zĂ©st dei porĂ©ti?

Disente che de lĂ  ne troverĂ©ssem tuti, bei, così così, tuti i bruti. QualchedĂąm, ne tegnirĂ  a Ăąm o podrĂ©m far quel che ne vèi? PerchĂ© sat che vendĂ©te, che pugni, che bòte, se i ne lĂ sa far quel che gavĂ©m ‘n testa. Perdonar i torti, le magagne, i dĂ ni? Ma per piazĂ©r, ‘n do sarìa alora sta giustizia divina.

Ah mi no fĂ go gnent, ‘l giuro, basta che Dio (o altri) i faga ‘l rest. PerchĂ© anca se de lĂ  comanda i siori, i preti, quei racomandĂ i, quei che no se pòl tocĂ r, dĂ©me na smartelĂ da valĂ , che mòra dal tut. Così forsi podrìa anca desmentegĂ r…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento