DONNA, TI AMO …

DONNA, TI AMO …

 

di Cornelio Galas

Ti amo donna, come può amare un uomo,

in maniera diversa da come ami tu,

perché siamo differenti, diversi, noi,

ed è questo che mi avvicina a te.

 

Ti amo, donna, come un incosciente

dell’amore, della vita che tu emani,

come un animale, una bestia …

che poi se ne va, soddisfatto.

 

Quando t’incontro, e sono debole,

penso giĂ  a come sopraffarti,

appena i tuoi baci, le tue carezze,

ti lasceranno un attimo preda.

 

Ti amo, donna, finchĂ© n’avrò voglia,

e altre donne non m’intrigheranno,

lasciandoti, giocattolo usato,

sul letto dove l’abbiamo fatto …

 

VerrĂ  il tempo, non so quando …

avrò nostalgia dei tuoi occhi,

durerĂ  poco, quel momento,

il tempo di vedere occhi nuovi.

 

Non ho mai capito, veramente …

se tu mi amavi, se io ti amavo,

erano momenti così … così,

indelicati, intimi, esagerati.

 

Ci sarĂ  tempo, ci sarĂ  tempo …

o forse non basterĂ  una vita,

per capire come eravamo

e come potevamo essere.

 

Sono colpevole di tante lacrime,

ho pianto molto per amore,

volevo un amore di passione

che potesse durare anche dopo.

Eppure mi sento davvero in colpa,

è questo che fà star male,

quando penso alla differenza

tra il mio ed il tuo dolore.

 

Non potrò mai più rivivere attimi,

tra corpo, anima ed adrenalina,

vado ormai verso il traguardo

di una vita priva di risposte.

E quando rileggerai le parole

che ti ho detto e scritto …

volta subito il tuo sguardo

verso un futuro migliore …

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento