DINO CALVANELLI – NAGO

Ho conosciuto un gruppo di volontarie ( Dro e dintorni ) che ogni inverno si ritrovano per assemblare delle bambole di pezza denominate ” Pigotte ”¬†che vengono poi vendute per raccogliere soldi per l’UNICEF.
Possiamo definirlo un lavoro a catena , perch√® le varie fasi dell’assemblaggio delle bambole vengono eseguite¬† separatamente da persone diverse.

Le Pigote

Viste lì en te la borsa ,
senza na decoraziom,
mi me ciapa en p√≤ d’angoscia,
de sicur le fa empresiom !
Tuti quei corpeti nudi
senza gnanca en toc de maia,
trate una sora l’altra par i morti de na guera.
Ma da na roba che par bruta
pol vegnir na roba bela.
Fati i oci e po i cavei
e i vestiti fim ai pei,
quel che sembreva na straneza
ades l’√® na bambola de peza.
Le Pigote le è così,
fate a tochi da pu mam.
Se te poi comprarne una,
te farai na roba bela,
tuti ensema aiuterem i puteloti de sta tera !

Calvanelli Dino
Nago (TN )

Ultimamente mi ritrovo spesso a pensare come rendere l’idea della fugacit√† della vita.
Ci ho provato così :

Come la nef …

Come la nef al sol de primavera,
pasa la vita en de natimo è za sera.
Come el sol che nase la matina
el va a morir quando finis el dì.
Come l’Ibisco sgargiante de colori
che el sbocia ancoi e doman nol ghe za pu.
Come l’acqua che sgorga ala sorgente
l’ariva al mar e p√≤ no l’√® pu gnente.
Così sem noi , così la nosa vita
fata de ore , giornade mesi e ani
che se consuma en ten giro de orologio .
Come la nef al sol de primavera,
pasa la vita …
en de natimo è za sera !

Calvanelli  Dino
Nago (TN)

Ringrazio

Tutti i giorni ci troviamo a riversare migliaia di parole in ogni dove. Ma ci siamo mai soffermati a pensare a quale sia la loro grande forza  ?

Giocare con le parole

 Mi piace  giocare con le parole ,

rincorrerle per giorni e giorni fino a catturare solo quelle giuste,
quelle che pi√Ļ di altre¬†¬†,mi permettano di esprimere al meglio il pensiero del momento .
Amo vederle animare lentamente il pallore di un foglio di carta disponendosi ordinatamente una dietro l’altra ,quasi fossero un armata di soldatini un po’ speciali ,in partenza per chissà quale battaglia !
Ammiro la loro sapiente maestria nel catturare l’attenzione delle persone dalle pagine di un libro ,
trasportandole¬†¬†come fantastici¬†¬†tappeti volanti¬†¬†nei luoghi pi√Ļ disparati e nelle situazioni pi√Ļ impensate.
Invidio la loro versatilit√† nel saper suscitare in brevi passi gli stati d‚Äôanimo pi√Ļ disparati :
Amore ,odio ,felicità ,tristezza ,comprensione , condivisione ,tenerezza ,disprezzo e molti altre ancora.
Temo quella loro subdola  capacità di ferire profondamente le persone se usate senza alcun discernimento.
Ma la cosa che pi√Ļ mi sorprende √® la loro infinita pazienza ‚Ķ.
Se ne stanno l√¨ immobili , senza fiatare , accatastate nei meandri pi√Ļ reconditi delle nostre¬†¬†menti e dei nostri cuori , aspettando solo il momento giusto per poter dare il meglio di se.

Le parole…. Che grande invenzione !

Calvanelli Dino 

C’√® una persona a me vicina , mia suocera , che √® spesso fonte di ispirazione per qualche mio scritto.
Mi colpisce sempre  molto la sua grande energia , la sua voglia di evadere e di percorrere il lungo e in largo le sue amate montagne, nonostante i suo 75 anni. Ho cercato così di condensare in poche righe questa sua filosofia di vita :

Nem …

Nem,
fin che ghè el temp,
fin che ghè la voia ,
fin che ghe la fem.
Nem,
anca se le brut,
anca se le tardi,
anca se vei not.
Nem,
perch√® ogni d√¨ che pasa l’√® en d√¨ de mem da nar,
perch√® el temp el core anca de p√Ļ de noi,
perch√® vigner√† anca el temp che no podrem p√Ļ nar.
Nem,
perch√® quando vei¬† ” l’ora ” … nesum de noi vol nar,
perch√® en quel’altro posto gh√® poc da caminar,
perch√® anca le montagne no sar√† p√Ļ le stese.

E alora , nem ades fin che gavem la grazia .
Girar e far fadiga no l’√® certo na disgrazia !

Calvanelli Dino

Un problema che potrebbe accomunare molti di noi ad una certa età , può essere debitamente sdrammatizzato con una simpatica riesamina ,soprattutto quando la fonte di ispirazione è un vicino parente :

La dentiera nova

No te sembra gnanca vera,

de riaverghe la dentiera.

Per zacar senza problemi ,

e no averghe p√Ļ ‚Äú patemi ‚Äú !

Coi to denti embulonai ,

ades tut te magnerai,

carne ,osi , nos e sasi !

Le papete da sdentà,

le è den temp che è ormai pasà !

Su la tavola domam, te poi meterghe anca el pam

quel che ghà la grosta dura ,

ades  gnent  te fà paura !

Co la boca che te gai, na gran vita te farai !

Ma stà atenta che a magnar ,

ghe anca el riscio de engrasar !

e a nar s√Ļ per le montagne , tira endr√® anca le lasagne !

Per no averghe stò problema ,

zaca con moderaziom….

“ Denti novi e gambe strache  “ saria na gran desolaziom !

Calvanelli Dino

Anche un semplice paio di scarpette da rrampicata , alla fine di una afosa giornata di Agosto possono essere occasione per qualche scherzosa strofa :

N’arma letale

Le spuza che le srenega  che par do sorsi morti !

le ghà n’odor teribile che volta via en caval.

L’è come n’arma chimica che no  ghà ancor n’antidoto  !

Per dir en do parole l’efeto che le fà ,

 anca se le è an chilometro le te cava el fià.

Le sol en par  de scarpe per nar a rampegar ,

ma per poder droprale en mez a l’altra zent ,

en giudice l’ha dit che serve el porto d’armi.

Alora per piazer , fot far na roba bela ?

scominzia zà a scavar na busa zo per tera  .

e visto che la salute  i vol tuti che la dura ,

l’el caso de darghe en presa na degna sepoltura !

Calvanelli Dino

Spesso le e parole ci vengono in aiuto  anche per sdrammatizzare argomenti

ritenuti a volte ‚Äú¬†di cattivo gusto¬†‚Äú ,come ad esempio pensare in anticipo alla propria dipartita . L‚Äôoccasione¬†¬†√® buona per un¬†¬†‚Äú abbozzo ‚Äú di testamento spirituale ” condito ” da una buona dose di autoironia¬†¬†:

El testament …

Quando me tocherà saltar el fos ,

e se gaves da farlo prima mì  ,

voria poderlo far a modo mio.

Per eser pu sicur che el sia così ,

 te laso ste do righe a promemoria  .

No voi en funeral come ala vecia ,

co la  zent che pianze , fiori , el zimiteri.

El di che partirò per el gran viazo ,

voria che’l fus na festa de fameia ,

en de tuti i magna e i beve en alegria.

E sicome no voi far da zena ai vermi ,

voria poderghe aver la cremaziom !

Magari , prima che i me stiza soto ,

le meio te me daghi en spizegot ,

giust per la sicureza  che sia mort !

 

Quando te ciaperai la scatoleta ,

con dentro quel che resterà de mi,

porteme en den bel posto de montagna  ,

dove poda goderme el panorama !

Voi en posto dove ariva prest  el sol,

dove ghe sia le grole  a farme compagnia ,

dove la nef l’inverno  querta tut .

E dopo quando veign la primavera,

voria veder butar le stele alpine

e magari anca en stambech pasar  de lì.

Varda che li vizim ghe sia en rifugio,

che senta  ogni tant  en po’ de ciacolar ,

e en mez al cias de tuti quei scarponi ,

gavria piazer ghe fus dent anca i toi !

Ricordeme così almem ogni tant ;

en fior sul croz dove te mai lasà  ,

en penser a tut quel  che de bel ghè stà .

Calvanelli Dino

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento