dìme perché?

maxresdefault

E le disèse che te paréva de morir. E po’ nar su de nof. Col còr che batéva. De pù, de pù, de pù, de pù ancora.

E quel balàr, senza squasi mover i pei. Co le teste tacàe. Co le man che néva dove no le avrìa dovù nar. Ma ‘ntant le néva. E quele parole che se se diséva. Che no se capiva. Le spianzotàe, dopo, quando magari ti te disévi che te gavévi zà en mez morosòt. Quel perderse de vista. Quel trovarse ani e ani dopo. Dopo matrimoni sciopài. Con fiòi e neòi. Quel dirse coi òci: “Perché no ne sen messi ensèma?”.

IO VORREI …

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.