DESERTO 2.0

miraggio

di Cornelio Galas

Non ci sono, purtroppo, e lo sai,

solo le sabbie mobili.

E le piante carnivore, si sa,

non ti possono divorare,

come se tu fossi una mosca.

Questa umiditĂ , questo malessere,

senza le medicine, i vaccini,

anche i miraggi del deserto

non sono piĂą gli stessi:

spacciano per falsitĂ 

le uniche cose certe, vere.

Granelli di sabbia nel motore,

ingranaggi bloccati,

riflessioni riflesse dal sole,

nel modo sbagliato.

Capita, nell’evoluzione umana,

di perdere il contatto

con atavici suggerimenti

per la sopravvivenza …

E tu stasera guardi la Tv,

sperando sia una finzione

quel modo di dire, essere, avere.

Sole e Luna rispettano regole

ancestrali,

senza alcun aggiornamento

dei loro codici.

Gira la Terra su se stessa,

cambia gli orizzonti, i cieli,

ogni mattina, ogni sera.

Mentre noi restiamo bestie,

differenti dalle altre,

per quel libero arbitrio

che, ormai, tutti quanti,

non sappiamo cos’è.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento