DAL PORZELLUM AL MAGNATUTTUM

di Cornelio Galas

Prima gh’era ‘l porzèllum (forsi l’unico nome giust per ‘sta lège), po’ è vegnĂą el mattarellum (bòm a spianar le taiadèle dei partiti), nei ultimi mesi è saltĂ  fòra l’italicum, el rosatellum (ma no l’è ‘n vìm), el tedescum (ma a la ‘taliĂ na, se sa). No l’è dita che sia la vòlta bòna perchĂ© – anca se i dìs che Renzi e Grillo i parerìa nĂ r d’acordi su sta ultima soluziĂłm – zĂ  gh’è quei che fa la pònta ai bìgoi anca su questa.

Se parla, se no l’avĂ© capì, de la nòva lege per le eleziĂłm de onorevoli e senadori.

PerchĂ© senza quela no se pòl nar a votar. Anca se squasi tuti, a parole, i volerìa nar a votar domam matina. Ma perchĂ© i s’è ‘ncagnĂ i su sta lege da far? Oh, entant, no l’è na novitĂ , neh. NĂ© a vardarme i giornai veci (se no i gavè i trovĂ© su televignole). E vedrĂ© che de far na nova lege eletorale s’en parla da ani anorum. E da semper i bega sul sistema de farne votar.
Zà, perché a seconda de la lège pòl cambiar anca quei che, coi stessi voti, vinze.

EnsĂłma no l’è come quando se vĂ  a votar el diretivo de quei de le bòce. Che se ‘l Gino ‘l ciĂ pa i pu tanti voti el deventa presidente e quei drìo i va’ a darghe na mam nel diretivo. No, per nar a Roma no basta ciapĂ r anca dese volte de pĂą, mĂ©ti,del Gino (che tut mal i sĂł novanta e passa voti su zento e quìndese ‘l li tira semper). No, no, putèi. En cont, per esempi, l’è quel che i ghe ciama el proporzionale. Quel che se dropĂ©va prima che ‘l Marioto Segni l’enventĂ©s el magioritario.

E n’alter, capì come?, l’è el magioritario. Dove, come spiegarvela?, a ‘n zerto punto i mĂ©te tut en d’èn scatolĂłm chde se ciama coaliziĂłm. Dove gh’è denter diàòl e aqua santa misciĂ i. Che però i vinze e i va dopo a comandar l’Italia. Magari scortelĂ ndose quando no i è ‘n televisiĂłm.

Ma perchĂ© i bèga su sta lege? DisĂ©nte che a qualchedum el fato de restar fòr da la porta se no l’ariva a ‘n tot per zento, propri no ‘l ghe vĂ  zò. Altri i volerìa ciapĂ r tut quant se i ariva envĂ©ze a n’altra percentuale (alta). E altri ancora i è lì, tuti i dì, che i varda i sondagi: “Osc’ia ne convegnirìa far na lege così e cosìta se volĂ©m vegnirgh’en fòra”.

DĂ mela tòmela l’è come se st’istĂ , prima che scominzia el campionato del balĂłm, zugadĂłri, alenadĂłri e parĂłni de tute le squadre che zuga, i se trovèsa per cambiar le regole. No so, per esempi, na squadra dove tuti i è picoi la podrìa dir: “Putèi e se fĂ©ssen che no se pòl pu darghe de testa?”. O quei che gĂ  zugadĂłri che cĂłre: “Basta co sta storia del fuorigioco dai …”. E ancora, na squadra de tamĂ zi: “Se se ciĂ pa el balĂłm bòm, se se ciĂ pa i stinchi bom lo stess no?”.

E po’ magari scortar le porte per quei che zuga fòra e slargarle per quei che zuga en casa. Poder cambiarne òndese su òndese se propri no i va. Punizioni senza zènt che stĂ  en mez tra ti e ‘l portier. Tut a seconda dei propri enterĂ©si, se sa. De sicur vegnirìa ora de scominziar el campionato che i sarìa lì ancora a begĂ r. Propri come i nossi politizi.

Del rest no l’è miga sol sta roba che se bèga e ‘ntant no se combina na madona. Prima i vòleva tirar via (non del tut, se no …) el senato. E ‘l referendum l’ha fat cascar zò Renzi da la tor. Dopo i ha fat i vĂ ucìèr e quando i nèva via come ‘l pĂ m a mezdì, i ha dìt che i scherzĂ©va. Dopo, ancora, i ha fat la lege per quei che ghe ariva i ladri en casa … quela che se pol farghe qualcos sol de not.

E ades salta fòra che la finanziaria, cioĂ© la lege pu importante, quela che decide se e quante tĂ sse dovrèm pagar, la podrìa sbrisìàr a … dopo le eleziĂłm. ZĂ  perchĂ© no se sa gnancora quando se narĂ  a votar: prima bisogna meterse d’acordi su la lege che disĂ©vo prima.

Quei che gh’è su adès de zerto no i vòl miga taiarse i zebedei con tasse e sacrifizi per i taliani neh. Che no vegna fòra ensoma che la colpa, come semper, l’è de quei … de prima. E po’ n’altra roba: gh’è de mèz anca i vitalizi, en setember. Se se nès a votar prima, osc’ia, qualchedĂąm riscerìa de morir de fam cramento. Ensoma, ala fim fim vot veder che la nova lege la se ciamerĂ  magnatuttum?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento