TE I DAGO MI I SOLDI ZO PER LE RECIE

TE DAGO I SOLDI ZO PER LE RECIE

16be29d3c9479742952c960473460285_XL

di Cornelio Galas

Ma … diaolporco. Elo possìbil che ghe sia tanta zent che vei denter a far comenti de quel che scrivo che no ghe z’entra gnent? O meio, che ghe sia zent che soto quel che scrivo – no importa cossa – i me diga che lori i podrìa emprestarme soldi? Te dìsi: um l’è per sbĂ i, doi l’è perchĂ© um l’è nĂ  drio a que l’alter, trei scominzia zĂ  a esser strani, quatro, zinque … elamadona .., ‘sa volè da mi? De sora gh’era na poesia propri su quei che rote le bale … e alora? ‘sa fĂ©nte? Nènte o stĂ©nte? No, putèi, avĂ© sbaiĂ  endirizo. Oh, se sa, se volè mandarme soldi agratis, brĂ zi averti se sa, ma i vòi en contanti en de na letera e senza empegolamenti neh. No ve convegn? Gnanca a mi me convegn averghe le vosse sbrodolae soto quel che scrivo e che gnent gĂ  a che far co le vosse menae. Ne sem capidi dai … Gavè bisogn de far soldi en qualche maniera? Osc’ia, el me amico Flavio el zerca da mesi qualchedum che ghe lava i piati … se volè ghe meto na bona parola. E adĂ©s fĂ© pur i vossi comenti. Voi propri veder cossa disĂ© …

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento