DA MI A TI …

E OSCIA, BASTA …

race-relay-baton-1024x682
Che, che … l’ho zĂ  dit demò neh, l’è ora de finiamola. Che no se pol pu nar envanti cosita. Che, diaolporco, ma ‘l capì da per voi me sa, no sem tant a piombio no? Ah, no l’è pu come na volta. Ah, no l’è pu come quando erem zoveni noi. Ah, l’è tut scompagnĂ , tut malbinĂ .
I veci che è tratai come zent da sistemar, prima o dopo, al ricovero. I zoveni che no trova da laorar. Quela vecia reclam: va dai to vèci, l’è lori quei che pol far la vera rivoluziom. No i la manda pu en television. PerchĂ©? Ah ghe n’avrìa de drite per la zoventĂą. Ma entant porto fora el cagnot la matina. Fago la spesa. Vardo se gh’è posta nela cassĂ©ta. E i zoveni i me varda. come mi vardĂ©vo i vecioti ai so tempi. Quei che co la man drio la schena, i disĂ©va che “Ah, secondo mi no i ghe ‘n vegn fora”. E l’era magari scavi per le fognadure. Che brut trovarse de colp da l’altra banda. “Che l’è colpa vossa, dela vecia Dc se sĂ©n a sti passi”. Che brut no poder risponderghe: “Popo, vara che mi la Dc no l’ho mai votada”. Che brut vegnir a saver, che propri en quei ani, el Stato l’ha fat tante monade. Che adĂ©s deve pagĂ r anca i to neĂłi.
Che brut no podĂ©r schizzar en boton e tornar endrìo. Per far ancora pu casìn, de quel che t’hai fat.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento