DA CHI A ZENT’ANI

di Cornelio Galas

Forsi l’è perchĂ© sto deventando vecio bacuco. Sat, come quei veci che se pìsa adòs, che deve girar col panolĂłm soto e che ghe vèi da piĂ nzer per gnent. Però me capita, soratĂąt quando scominzia l’autĂąm, de far do pĂ ssi, tra vigne zamĂ i vendemĂ e, tra piante che tĂ ca via a cambiar color, e vardar el rèst de sta Busa.

Che lì dove zughĂ©vem al balĂłm l’è tut rezintĂ . Che lazĂł, dove nevem a robar zirĂ©se gh’è na strĂ a nova, sfaltada. No co la gièra come quando se neva (e se caschĂ©va) en bici vegnendo de volta a cĂ  coi dinòci mondĂ i.

Po’ i va tuti de corsa. I è semper ciapĂ i. Anca i bòci. Che ghe vegnirĂ  mal de col prima o dopo a forza de star lì, piegai, davanti a quei telefonini, a quei trabìcoi.

Te s’engrĂłpa tut quant (e no serve gnanca ‘l mĂ zacafè) a veder sti posti dove i contadini i nĂ©va e vegnìva da Vignole col sarlĂ t tacĂ  (de drìo), dove da lontĂ m te vedi sti capanoni vòdi, entramèz a stropère che nesuni sa per cosa se le dropĂ©va.

Te vèi en magĂłm a vardar vers el Castèl, vers Laghel e po’ vers el LufĂ m, vers le Grazie, vers Santa Caterina, la piana de San Giorgio… ma lontĂ m demò da la strĂ a. Te vei da enmaginĂ r, per de pĂą, de come sarĂ  sta Busa da chi a zent’ani. PerchĂ© se l’è così malmĂ©sa adès, figurete alora.

O magari me sbalio. Vot veder che chi ghe sarĂ  sol tante bele rampe con su postĂ  i rĂ zi. E i pĂą i monterĂ  su per nar en pianeti lontani…come tòr la coriera. Chi resterĂ  quei che adĂ©s i è zoveni e alora i sarĂ  veci e bacuchi come mi. Che i ghe conterĂ  ai boci come se no alter na volta, en la Busa, se podĂ©va ancora nar a far en giro en campagna, e trovar caprioì (e anca orsi) su ‘n VĂ©l.

Me sĂ  però che pasĂ  altri zento, dosento ani…anca quei che è finì sui pianeti i dirĂ  la stessa roba. PerchĂ© anca lì i omeni i ha ‘mpienĂą tut quel che se podeva co le so costruziom…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento