MA COSSA ELA PO’ STA PAZE?

di Cornelio Galas

PĂ ze no vòl dir che no ghe sìa casìni. El casìm, bèm o mĂ l, ‘l gh’è semper nela vita de tuti i dì; casìni da per ti, coi altri, tra i nòssi, en tut el mondo. PĂ ze vòl dir nĂ rghe adòs a sti casini come se no i fĂąssa propri casini. PĂ ze l’è fĂ r en modo che ala fim tuti, dopo sti casini, a tuti ghe par de aver vint. Però bisogna prima che tuti i pòda dir la sua. E esser convinti, ala fim, de aver fat tut per nar d’acordi.

La pace non è assenza di conflitto. Il conflitto è un fatto inevitabile della vita quotidiana: conflitti interiori, interpersonali, tra gruppi e internazionali. La pace consiste nell’affrontare in modo creativo i conflitti. Pace è il modo di procedere per risolvere i conflitti in modo tale che entrambe le parti vincano, con accresciuta armonia come conseguenza dl conflitto e della sua risoluzione. La risoluzione è pacifica se i partecipanti arrivano a voler cooperare in modo più completo e si trovano nella condizione di poterlo fare.

(J. e K. McGinnis)

Ogni tant m’e sogno de meter al mondo el bocia che me domanda: “Mama, cossa èrelo la guera?”

Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: “Mamma, che cosa era la guerra?”

(Eve Merriam)

Se te te sentĂ©ssi su na nuvola no te vedrĂ©ssi la riga del confim tra na naziom e l’altra, tra ‘n mĂ s e l’alter. Che pecĂ  che ti no te pòdi esser sentĂ  su na nuvola.

Se ti sedessi su una nuvola non vedresti la linea di confine tra una nazione e l’altra, né la linea di divisione tra una fattoria e l’altra. Peccato che tu non possa sedere su una nuvola.

(Khalil Gibran)

Ocio per ocio el servirĂ  semĂ i a farne deventĂ r tuti orbi.

Occhio per occhio servirĂ  solo a rendere tutto il mondo cieco.

(Mahatma Gandhi)

Gh’en sarìa altre citaziòm su la pĂ ze. Tante po’ tante. Ma provĂ©nte, dai, a sforzĂ rne, per farne de nòve. O almĂ©m en ragionamento. Mi ghe provo. ScusĂ©me se magari dìgo monĂ e.

Gh’è quei che dìs che ‘sti islamici (arabi, se dìs de sòlit senza savĂ©r cossa vol dir, tant per sbarar nel mucio, come de na roba che no capìs: osc’ia parlo arabo?) oltre a tratĂ r mal le done,  i crede che sia giust fĂ rse saltar per aria copando cristiani perchĂ© dopo i vĂ  da Allah, perchĂ© de lĂ  i trova dopo desìne de done che mai le ha vìst n’òm nĂąt nel so let.

Gh’è quei che dis che sti chì l’è meio che i stĂ ga da le so bande: “‘sa vòlei da noi? Na dòna en cambi de ‘n camèl?”

Gh’è quei che dìs che i casìni i vèi tuti da quei barconi che ‘riva en Sizilia. Sì, anca da quei boci pena nati. L’è da lì che vei tut el mal… meio se i se stòfega nel mar. I pĂ©ssi i gavrĂ  da magnĂ r. I sarĂ  pĂą grossi, fòrsi massa dòlzi, sul banch del mercĂ . ‘Se ciĂ va.I se presentèrĂ  tut mal bèm.

Ma chi èlo che tira i fili de tute ste marionète? De quei che tĂ ia le gole, de quei che còpa col gas, de quei che bĂąta zò bombe, de quei che ‘ntant embosca soldi?

Se ‘l sa. Se ‘l sa. No serve la scala per arivarghe. Basta lèzer i giornai dei ultimi dĂ©se ani. Basta no darghe da ment (sol) a quel che scrive i giornai, a quel che i dìs en televisiom. Basta dir: “Speta mò che voi capir da mi quel che suzĂ©de lì. Senza che la storia i me la conta i altri …”.

Vegnerìa fòra alora altre veritĂ . Quele de quei che è mort senza savĂ©r perchè. Quele de quei che prima i era pagai per far casìm propri da quei che adĂ©s ghe manda bombe sul copìm. Quele de quei che ogni dì no i sĂ  se sarĂ  l’ultim. Quele de quei che no sĂ  pĂą ‘n do voltarse per poder dormir senza quei sciòpi nele recie.

Noi, adĂ©s, gavĂ©m paura dei camion. Lòri l’è da ‘n pèz che i gĂ  paura de tut. Anca de la so ombra. Noi adès parlem de “crimini de guera”. Lòri no i parla. I sĂ  cossa vòl dir sta roba. Da ani.

No se pòl star en pĂ ze, mai, da lori. No se sa mai cossa pòl capitar. Dal zèl, da la tera, da lì, da lĂ , en banda. Dai amìzi, dai nemìzi, da quei che era amizi e adĂ©s no se sa … No s’è mai al cuèrt da quele bande. E per de pĂą tuti o squasi tuti che dìs: “Fève fòra i vòssi gazèri, cazzi vòssi, basta che no vegnìghe a ròterte le bale a noi …”.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento