COPARSE

COPARSE

ddddd

di Cornelio Galas

En cont l’è pensarlo, masnĂ rlo

‘sto pensĂ©r for de testa,

quel che l’è l’ultim, demò:

n’altro l’è fĂ rlo, dal bon.

Perché, dopo ani passài

magari strussiando …

propri sul pu bel, se se copa?

Cossa arìva, de colp, al zervèl,

che ‘l podrìa, se ‘l volĂ©ssa …

anca no darte da ment?

No basta le letere lassĂ e

piene de sudor sul comodin.

No basta quei che, dopo,

forsi ‘l s’era entagniĂ da.

Ghe vol qualcos de gròss,

pu gròss de na vita entrega,

per dirse che è vegnĂą l’ora,

de … de farla finìa.

No l’è da tuti en pĂ ss del genere,

no l’è da tuti pensarla così.

Resta, en quei che vive ancora,

‘n magĂłn, qualcos che ‘n grĂłpa.

Ma nessuni che pol capir,

quel che ‘n quei pochi minuti,

ha pensĂ , quel che s’è copĂ .

Far finta de gnent? CuertĂ r tut?

Star zìti, no dirlo ‘n giro?

Gh’è quei che more, propri così,

e no i gĂ  na riga sul giornal.

Vol dir che no i gavéva

la stessa emportanza?

Gh’è quei che volerìa farlo,

ma no i gĂ  la forza.

E po’ la Cièsa che te lo dis:

“No, no te poi …”.

Me piaserìa tant, ma tant,

che ognun fussa propri liber

de decider de morir

quando no ‘l ghe la fĂ  pĂą.

Senza tanti che magari dopo

i gh’entĂ ca robe che no z’entra.

Così come nessuni se permete

de dir qualcòs de pu

quando te vegni al mondo,

a parte quei oci e quele recie

che ghe somilia al nono dela mare.

Sen chì, tuti quanti, cramento,

su sto balòn del mondo …

te tèi tacà ala tera sol la gravità.

Se uno el vol sgolĂ r, pu lontan,

e prima de tuti i altri …

ma lĂ sselo nar, per piazer.

Te verĂ i che prima o dopo,

tuti lì ne troveren …

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento