CON TUTI I ME SCHEI

CON TUTI I ME SCHEI

Ghe n’ho tanti

che i me vei, zamai

for da le rècie

fĂ go quel che voidownload

done, case

fum e sbevazĂ r

Ghè qualcòs che se pol comprar?

E mi el compro

Ghè qualcos da metter en tàser?

E mi la voze ghe la togo

Ghe n’ho tanti

che dele volte

no so gnànca quanti che i è

A ste robe, a sti conti

de solit ghe pensa

quei che pago, propri per quelTUMORE-VAGINA-2-Copia

L’alter dì,

dopo i esami

che avevo fat

a l’ospedal

dopo n’eternitĂ 

così, tant, per curiosità

vei for che gh’ò en mal

de quei, ma de quei bruti

CiĂ mo el dotor

quel bravo en Merica

“Dime quant te me toi

per farme guarìr”

Ah, el fa questo,

en mez ingles,

me sa che stavolta

propri mal te sei mèss

“Te dago el doppi”

ghe digo pu volte

“Sì, t’hai capì bem

Te dago el doppi

de quel che te voi

e dai, da bravoimages (2)

che te sei en caubòi”

E lu el tase, el scòrla la testa

“No serve dollari

l’è na tompesta

stavolta, caro”

el dis per telefono

“serve en miracol

e mi tel giuro, tel sai

no som en baro”

Scapo de corsa, alora

e vago en banca

tirò for tut, anca de zànca

Ciapo l’aereo, vago en srilanca

zerco i stregoni, quei che guarìs

Ma anca quei peròimages (1)

no i ha volù i mè soldi:

i ha slargĂ  i brazi

prima che moris

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento