CIO’ CHE HO SCRITTO DI NOI

Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia

è la mia nostalgia

cresciuta sul ramo inaccessibile

è la mia sete

tirata su dal pozzo dei miei sogni

è il disegno

tracciato su un raggio di sole

ciò che ho scritto di noi è tutta verità

è la tua grazia

cesta colma di frutti rovesciata sull’erba

è la tua assenza

quando divento l’ultima luce all’ultimo angolo della via

è la mia gelosia

quando corro di notte fra i treni con gli occhi bendati

è la mia felicità

fiume soleggiato che irrompe sulle dighe

 ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia

ciò che ho scritto di noi è tutta verità.

di  Nazim Hikmet

 

QUEL CHE HO SCRIT DE NOI

(traduzione di Cornelio Galas)

 

Quel che ho scrit de no l’√® tuta na bosia

l’√® el me esser desstrani

cres√Ļ su ‘ n ram mai po√†

l’√® la me s√®

tirada su dal poz dei me sogni

L’√® do sgrifi

fati su ‘n toch de sol

Quel che ho scrit de noi l’√® tut vera

l’√® come te fussi

na zesta piena de pomi, reversada  nel prà

l’√® el to no esserghe pu

de colpo

quando devento l’ultim slusor en font ala straa

l’√® la me gelosia

quando coro de not en mez ai treni a oci bendai

l’√® no star pu ne la pel

come tanta acqua che al sol

la se buta sule dighe

¬†Quel che ho scrit de noi l’√® tuta na bosia

Quel cho scrit de noi l’è tut propri vera

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento