CIAO, MICHELE

da l’Adige.it 18 gennaio 2018

È morto questa mattina alle 4.30, attorniato dall’affetto dei suoi cari, Michele Deon, personaggio molto conosciuto a Riva e in tutto l’Alto Garda.

Aveva 38 anni e dalla nascita la sua vita è stata segnata profondamente dalla distrofia muscolare.Ma Michele ha sempre reagito combattendo come un guerriero, con il sorriso stampato sul volto e la sua grande fede juventina.

I funerali di Michele Deon si svolgeranno sabato prossimo 20 gennaio nella chiesa Arcipretale di Riva

giornale l’Adige, cronaca di Riva del Garda, 19 gennaio 2018

giornale l’Adige, cronaca di Riva del Garda, 19 gennaio 2018

di Cornelio Galas

Sapevamo tutti, da sempre, della fragilitĂ  di Michele. Della sua spada di Damocle, di quella maledetta, crudele, vigliacca malattia che lo aveva subito messo di fronte al dolore, ad una esistenza “diversa” dai suoi coetanei, alla mancanza di autonomia nel vivere quotidiano.
Eppure bastava vederlo, ascoltarlo, fin quando poteva girare con la sua carrozzina, per credere nell’impossibile. Cioè di poterlo incontrare ancora, domani, tra una settimana, un mese, un altro  anno.
Incredibile, assurdo: era lui, Michele, a dare forza agli altri. Lui che di quella “sentenza” sapeva tutto da tempo, lui che con mamma Carmen, papĂ  Bruno ha vissuto 38 anni come un condannato a morte che non sa quando arriverĂ  il boia. Ma anche con la consapevolezza del vivere. Con l’amore per tutti quelli che gli erano vicini. Con la generositĂ  che solo le grandi anime possono permettersi quando tutto sembra remare contro.
Ci eravamo visti piĂš volte dopo le prime interviste, i primi servizi sul suo caso per questo giornale. Immancabili, da parte sua, gli sfottò, anche sui social, sulla mia Inter. Lui, “gobbo” juventino che mai conteggiava, nei nostri incontri, quello “scudetto rubato” alla sua squadra.
Era uno dei tanti modi per sdrammatizzare. PerchĂŠ era dura anche solo star lĂŹ, accanto a quel lettino, dove un ragazzo respirava da un tubo e tra un soffio e l’altro lanciava la battuta. Era difficile sĂŹ. Ma col tempo abbiamo capito che il problema era solo nostro. Non suo. Eravamo noi ad invidiare quella sua grande forza di andare avanti, nonostante tutto. Eravamo noi quelli a disagio di fronte ad una “lezione” – quella di Michele – che non dimenticheremo mai.
CosĂŹ come non potrĂ  essere dimenticata l’attivitĂ  di mamma e papĂ  a sostegno di quanti si trovano a dover combattere ogni giorno contro quel male. Ecco, vorremmo sperare solo che Michele possa vivere, adesso, da un’altra parte senza quello che finora gli ha tarpato le ali. Quest’anno, caro, dolcissimo, amico, lo scudetto piĂš importante l’hai vinto tu…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento