CIAO GIACOMIM …

di Cornelio Galas

‘Cramento Mimmo, nĂ r via cosìta, senza gnanca saludĂ r i amìzi, anzi, scrivendo su Fèsbuch, pochi dì prima de nĂ r a l’ospedal de Arco de spetĂ r en pòch prima de vegnir a trovarte … E po’ quela canzĂłm dei Nomadi (“Mi vòi vìver”) che t’hai lassĂ  sul to sìto … No, no se fĂ  cosìta.

Dai che scherzo, ma tut mal som istĂ©ss ‘nrabiĂ . No con tì, co ‘sto diaolporco de destìm (che prima o dopo tòca a tuti neh) che de colp te fĂ  restĂ r come ‘n deficiente. Nel senso che te vèi a mancar qualchedum che te volerĂ©ssi no ‘l fĂąs nĂ  via per semper. Magari ‘n ferie, a curarse a le terme, ma no per semper …

T’avevo scrìt, quando te eri a l’ospedal per le prime cure: “DĂ i, dĂ i, Giacomim, fòr dal lèt dai”. E s’era tornĂ i a parlar (te ricordit?) de far qualcos al Circolo del RiĂłm su … vecie storie, tradiziom, comedie, en dialèt. Robe da rider ma anca da pensar.

Po’, come se dìs, no gh’era mai el temp giust per trovarse a ‘mbastìr tut quant, po’ t’hai scominziĂ  a averghe quei dolori, quei fastidi (“Vago a far el tagliando e torno – te me disĂ©vi – basta cambiar filtro, candĂ©le, na netĂ da al motor e vegno a cĂ ”), a mandarme foto da tuti i ospedĂ i dove no te avĂ©vi pers però el viziĂ©t de far rider anca le enfermiere.

E stamatina lĂ©zo che no te ghe sei pĂą. Sacramentaifel … te pĂ r el modo? Tut mal se dove te sei adĂ©s no i fĂ  polenta e lumĂ zi come te i fĂ©vi tì mandeme na mèil che ghe scrivo mì al cògo.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento