I CASINI DEL PD

I CASINI DEL PD

di Cornelio Galas

N’ho vist de tuti i colori nĂ ndo drìo a la politica en Trentim, soratĂąt a Riva del Garda, Arco, Dro, Tem, Nago.Torbole, val de Ledro, Drena. Me ricordo, per dir, i congresi a Riva de Dp (Democrazia Proletaria), quando i ha mĂ©s en presĂłm el Malosini, quando parĂ©va che todeschi e trentini i nĂ©ssa ale tante d’acordi su ‘sta Regiom nata difĂ ti dopo la guera.

Gh’ero anca quando – ve ricordĂ©? – era vegnĂą fòra la RETE (col Dellai), la Margherita (col Dellai), l’Upt (col Dellai), l’Api (col Dellai), e po’, ‘n mèz, zespĂąi, genziane, stele alpine (nesĂąni che ha mai pensĂ  ai gerani, ala gramigna, ai denti de cagn …).

Bòm. Quel che stĂ  suzendèndo nel Pd (Partito Democratico), non da ieri, se sa, no ‘l fa altro che farme tornar su la mia: ognum, dai, ala fim fim, el se varda nel spègio. E ‘l se dìs: “Zèrto che som mi el meio …”.

Quando le scissiom le gh’è en partiti pìcoi se parla, de solit, del cavĂ©l taiĂ  en quatro part. Se sĂ  cossa ‘l pol contar dopo en quart de cavĂ©l. Per el Pd (nĂ t dal Pci, dal Pds, dai Ds, dala Margherita, da l’Olìf ecc.) el tĂ i del prĂ  no l’è gualìf. PerchĂ© fim a l’altro dì (lassa star le europee del quaranta per zento, per caritĂ ) el Pd de Renzi el parĂ©va el partito che ne tirĂ©va fòr da le strĂ zze.

Po’, è suzĂ©s quel che è suzès. Digo mi: um che se ciama Speranza … el deve propri sperĂ r en qualcos de serio se l’ha dit e fat quel che l’ha dite fat. Um che se ciama Rossi, come el nòs presidente … um che se ciama Emiliano e che ‘nvenze l’abita en Puglia. E po’ i zĂłveni: D’Alema, Bersani, Occhetto, Veltroni, Prodi.

Mì che tegno per Renzi? Ma per amor de Dio. Se dìs en dialèt trentim: quel che lòda s’embroia. Dai, no te pòi vegnir da Firenze a Roma, tra BOSCHI e ‘n mèz al RIO, co le TAVOLE che – te dìsi – t’ha dat sotobanch Berlusconi … el Nazareno.

Gentiloni che no dìs gnent? Ah, te credo. Vot meter trovarte de colp en quel posto e poderghe dar la colpa de quel che no va a quel che gh’era prima? E dir che se gh’è la crisi el sprid el va sĂą come i razzi?
Na roba no ho ancòra capì, tut mal, da quele discussiom de Roma. Parlei de lĂłri o de noi? Ensoma, perchĂ© i so casini no i l’ha fati fòra prima? PerchĂ© – enveze che far asemblee, congresi, riuniom – no i s’è telefonai prima (no i gavĂ©va i numeri?).

Se rèndei conto, questi che parla sol de scissiom, de quel che rĂłte le bale, de proporzionale pĂą che de magioritario, che ‘n ITAGLIA, a noi, de le so beghe, no ne frega propri gnent? Se rendei conto che ‘l taliĂ m el voterĂ  sol quel che ghe farĂ  quel che ‘l dìs de voler far?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento