BEI RICORDI, NESSI’ ?

fffff

BEI RICORDI, NESSI’ ?

di Cornelio Galas
Che, cramento, no gh’era tuti sti agegi del compiuter, de fèsbuch. Che se scrivéva i biglietini, se baléva i lenti de Batisti, se slimonéva, se se palpéva ma … basta che se no gh’el digo a me mama. Che po’ ne sen sveiai, meio tardi che mai. Che se féva i siòperi a scola, pu per nar a zugar al biliardo al zinque magio che alter. Che ne sen fati la naia, diaolporco. Drìo ai muli, sol perché te avévi alzà la man quando i avéva domandà chi elo che saveva scriver a machina. Che se se féva el cul pur de no farse mantegnir dai veci. Che … che lassénte perder valà. La ciocolata vendùa a tochèti su la carta oliata. El segna che po’ passa me mama. En doi sul motorin senza casco. El motorin che te ghe tirévi via la marmitta per farghe far pu cias. Per far finta che ‘l fus na moto da cross. Zinquanta lire, da ceregòt, per en funeral. El doppi, pu le mance, per le nozze. E ti che no te vedevo gnanca tuta, che no … ti che te adorevo, oscia, che … te m’hai lassà col cul per tera. E laorar, laorar, de dì e de not, per po’ sentirse dir che … beh ensoma, magari ghe n’è de meio, de pù zoveni de ti. E trovarse né fodrai né embastidi. E scominziar de nof. Zero via zero. Senza sacramentar. Perché a bestemiar se perde sol temp. E avanti diaolporco, avanti. Che la narà meio de zerto doman. Ben, me son stufà de contarve la me storia. Tanto, el so, no la v’enteressa. Ciavéve.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.