ASPETTAVO TE

Anonimo

“Aspettavo te “

Ho percorso abissi del tempo, ho camminato nei gorghi di solitudini,

sono passato sopra voragini di disperazione, di noia, con gli anni che sono venuti e andati.

Ho attraversato giorni uguali, giorni solitari e gli oceani del tempo,

per trovarti, per aspettarti; ti ho cercata, in giorni insipidi e tediosi,

tra panchine solitarie, piene di foglie, in giorni bui, di pioggia, in giorni vuoti,

e adesso ci sei tu, ti ho trovata e non ti lascerò, finche vorrai… finché ci sarò ...

SpetĂŠvo propri ti

Te savèssi ‘n dòve son stà, ho caminà nei ghìrli del mì e mì, son passà sora busi che no gh’avèva fin, quei de la disperaziòn, del no savèr che fàr, tra ani che va e passa, come nùgole sora la testa.

Ho vist, drio la me schèna, giornàe gualive, giornàe con mì sol e robe così grande che no bastèva ‘l mètro per misurarle. Tut per trovàrte, per spetàrte. T’ho zercàda, en dì che no savèva de gnènt, che te stufèva sol a pensarli. Tra banchète dove gh’ero sol mì sentà zo. Piene de fòie, en dì stròvi, de piòza, vòidi. E adès te ghe sei tì. T’ho binàda ensema se Dio vol. No te molèro, no te molerò pù. Fin quando te volerài … fin quando sarò vìf.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento