aloe vera e aloe tarocada

L’aloe vera…

di Cornelio Galas

Prima o dopo le bosìe le vèi fora. E meno male che gh’è sta anda. Se no – pensĂ©ghe su n’atimo – sarĂ©ssem ancora chi a creder che i Ă seni i sgòla. PerchĂ© digo ste robe? Tut colpa dela me spĂłsa. Che da ‘n par de stimĂ ne, quando la vèi de volta dal Poli, sì ensoma da dove la crompa le robe da magnar, da netar, per el cagn e altro, dove la lĂ ssa i soldi de la me pensiĂłm per dirla tuta, la m’ha mĂ©s nel frigo na botigliĂ©ta.

“La fa bèm, ne basta una al dì e te te senti meio…una al dì demò”. Osc’ia, ‘sa elo, aqua de LĂąrdes? Na matina averzo el frigo e la tiro fòra: “Alòe vera”. Cramento, me digo, se i gĂ  scrit su che l’è quela vera la deve far bem dalbòm. E zo che la vaga. Oh, la fĂ  bem sul serio. Entant che te la bevi te senti anca dei tochĂ©ti de roba… par squasi scorze de qualcos. Però, dai, la se lĂ ssa…

Dopo na stimana de sta Aloe vera, ve dirò, me sento anca meio la matina. La fĂ  squasi meio dei naranzi. Varda ti dele volte… E così som nĂ  envanti fim algĂ©ri. Quando, a dirla tuta, ha scominziĂ  a vegnirme en strano…cori cori. Ensoma, denter e fora dal cèsso. Ghe domando ala spĂłsa: ma vat semper al Poli a tor quele botigliĂ©te? E ela: “Dove po’?” Ah bem, me digo, alora sarĂ  colpa de ‘n giro d’aria che ho ciapĂ  al stomech quando ho portĂ  zo el cagnot a pissar ieri sera… Però me resta en dubi. Vardo nel sachĂ©t dela sporcaria dove ho mes le botigliete vode.

Le tiro su: “Aloe vera” gh’è su scrit. Gnent da dir. Quela l’è. El dì dopo vago mì al Poli. E ghe domando a quel che ghe tende a quele robe lì: “El me scusa, gavĂ© chi da qualche banda, magari scondue en magazim, le botigliete de l’Aloe tarocada?” E lĂą: “Ma stĂ lo bem?”. E mi: “No, co l’Aloe vera me vei el cori cori. Volevo provar quela falòpa propri per veder se la fa l’istĂ©s malesser”. E lu: “Ah noi vendem sol l’Aloe vera. Per quela che ‘l dis lu forsi l’è meio se ‘l va dai cinesi…i gĂ  la botega dozento metri pu envanti”.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento